Wörterbuchnetz
Lessico Etimologico Italiano Bibliographische AngabenLogo adwmz
 
acquīrĕre bis acredula (Bd. 1, Sp. 453 bis 463)
Abschnitt zurück Abschnitt vor
Artikelverweis acquīrĕre 'acquistare'
  
 
  II.1. Umbro a. aquidere v.tr. 'acquistare,
15 ottenere' (ante 1306, IacoponeBettarini)1, it.
  acquirere 'acquistare' Gher. 1852.
  
 
  Derivati: it.a. acquirenza f. 'acquisto' (1288,
  EgidioRomano volg., B).
20 It. acquirente m. 'chi acquista, chi compera' (dal
  1590, StatutiCavalieriSStefano volg., TB; Crusca
  1863; B; DD), ~ f. DD 1974, parm. acquirent m.
  Malaspina, tosc. acquirente FanfaniUso; it. acqui-
  rente agg. 'che acquista' (dal 1797, D'Alberti-
25 Villanuova; Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B;
  DD).
  
 
  2.a. It. acquisito agg. 'ottenuto, non innato,
  acquistato' (ante 1306, Iacopone, B — sec. XIV,
30 Ottimo, TB; dal 1643, Oudin; Crusca 1863; TB;
  Acc. 1941; B; DD); ~ 'accolto come cosa certa'
  (dal 1916, Pirandello, B; DD).
  
 
  Sintagmi: it. malattia acquisita 'malattia non
35 congenita né ereditaria' (dal 1829, Tramater; B;
  DD); percezioni acquisite 'ciò che la coscienza
  va man mano sperimentalmente acquisendo'
  (dal 1845, VocUniv.; B; DD); diritti acquisiti
  'diritti ottenuti per consuetudine o prescrizione'
40 (dal 1769, De Simoni, VGI; Acc. 1941; B; DD),
  pis. diritto quesito Malagoli.
  It. acquisito m. 'l'acquisto, l'acquistato' (ante
  1375, Boccaccio, Crusca 1863 — 1474, Lorenzo-
  Medici, Crusca 1863; TB 1865).
  
 
  Derivati: it. acquisitore2 m. 'chi acquista' (1539,
  StatutiLucca, VGI — B 1961; Crusca 1863; TB;

[Bd. 1, Sp. 454]

  Acc. 1941); ~ agg. 'che acquista' (Tramater
  1829 — B 1961; Crusca 1863; Acc. 1941), piem.
  aquisitor 'acquirente' DiSant'Albino.
  It. acquisitrice f. 'colei che acquista' (Tramater
5 1829 — B 1961; Acc. 1941). — It. acquisitizio agg.
  'non proprio, ricevuto da altri; acquistato altrove'
  (1779, Targioni Tozzetti, B).
  
 
  2.b. Roman.a. acquisire v.tr. 'conquistare'
10 (sec. XIII, StorieTroiaRoma, Monaci 65, 253,
  ms. A), adquisire (ib., ms. L).
  It. acquisire v.tr. 'acquistare (in senso intellet-
  tuale o etico)' (dal 1812, Bernardoni, DELI; TB;
  B; DD); ~ 'acquistare legalmente, in forza della
15 legge' (dal 1863, Crusca; Acc. 1941; DD).
  
 
  Derivati: it. acquisibile agg. 'che si può acquisire'
  (1815, Cod.civ.austr.lomb.ven., VGI; 1870,
  Pacifici-Mazzoni, ib.).
20 It. riacquisire v.tr. 'acquisire di nuovo' DD 1974.
  
 
  Prestito dal latino ACQUĪRĔRE (II.1.); gli
  corrispondono nelle altre lingue romanze il port.
  e lo spagn. adquirir. L'it. acquisito è un prestito
25 dotto dal lat. ACQUISITUS e costituì un nuovo
  nucleo morfologico con derivati (2.a.). Il verbo
  acquisire (II.2.b.) è una retroformazione analo-
  gica dal part. pass. acquisito (come finito : finire
  = acquisito : acquisire).
  
 
  BrüchMs. 307; DEI 47; DELI 1,17; FEW
  24,110 segg. — Cornagliotti.
  
 
  LEI *acquistare
  
 
 
Artikelverweis 
acquīsītio 'acquisto, atto dell'acquistare'
  
 
  II.1. It. acquisizione f. 'acquisto' (1300 ca.,
  Albertano volg., B — 1342, Cavalca, B; 1535,
  Leone Ebreo, B; dal 1729, Crusca; B; TB; DD),
  acquisitione (Florio 1598 — Veneroni 1681),
45 vic.a. acquisition (1433, Bortolan).
  
 
  Derivato: riacquisizione f. 'il fatto di riacquisire,
  di essere riacquisito' DD 1974.
  
 
50 Prestito dal lat. ACQUĪSĪTIO corrispondente al
  fr. acquisition (dal 1283, FEW 24,111b). È pre-
  sente anche nel cat. adquisició, nello spagn.
  adquisición (dal 1437, DHLE) e nel port. aqui-
  sição.

[Bd. 1, Sp. 455]

  BrüchMs. 307; DEI 47; DELI 1,17; FEW 24,
  111. — Cornagliotti.
  
 
  LEI *acquistare
  
 
 
Artikelverweis 
acquīsītīvus 'atto ad acquisire'
  
 
10 III.1. It. acquisitivo agg. 'atto ad acquisire'
  (1585, Garzoni, Tramater; Tramater 1829 —
  1958, Gadda, B; Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B;
  VGI).
  
 
15 Avv.: it. acquisitivamente 'contrariamente a ciò
  che si ha per proprietà innata; non per dispo-
  sizione naturale' TB 1865.
  
 
  Prestito dotto dal lat. ACQUĪSĪTĪVUS, entrato
20 probabilmente nell'italiano dal francese (come
  nel cat. adquisitiu), poiché non vi sono documen-
  tazioni anteriori al XVI secolo, mentre in fr.
  (FEW 24,111b) compare già intorno al 1450.
  
 
25 DEI 47 s.v. acquisire; DELI 1,17 s.v. acquisito;
  FEW 24,111 seg. — Cornagliotti.
  
 
 acquīrěre, LEI *acquistare, LEI acquisitio
  
 
 
Artikelverweis 
acquīstare 'acquistare'
  
 
35 I.1.a. It. aquistare v.tr. 'comprare, ottenere
  in proprietà; annettere, ingaggiare' (prima metà
  del sec. XIII, Mostacci, ScuolaSicPanvini), aqui-
  star (1250 ca., GiacLentini, ib.), it. acquistare
  (dal sec. XIII, ContiAntichiCavalieriDelMonte;
40 Corti, AGI 38,73; Crusca 1863; TB; Acc. 1941;
  B; DD)1, piem.a. aquistér (sec. XII, SermSubalp-
  Foerster), berg.a. aquistà (sec. XV, Lorck 162),
  ven.a. aquistar (sec. XIV, CinalliPlainte), vic.a.
  acquistà (1433, Bortolan), pis.a. aquestare (sec.
45 XVI, Malagoli), lig. (Pigna) akistár (Merlo, ID
  17), piem. aquistè (1783, PipinoRacc-2; Di-
  Sant'Albino), tor. achisté (sec. XVII, Clivio ID
  37), Leventina quistà FransciniFaré, tic. ~ (VDSI
  1,230), com. aquistà Monti, quistà ib., mil. ~
50 MaggiIsella, berg. aquistà Tiraboschi, Tuenno

[Bd. 1, Sp. 456]

  chistar Quaresima, sol. quistar ib.,vogher. akωi-
  stá Maragliano, kωistá ib., parm. quistar Mala-
  spina, triest. aquistar Pinguentini, rovign. quistâ
  Rosamani, rover. acquistar Azzolini, corso aqui-
5 stà Falcucci, Evisa acquistá Ceccaldi, Magione
  akωist Moretti, kωist ib., reat. (Ascrea)
  aggωitá (Fanti, ID 16), aquil. (Arischia) ~
  DAM, march.merid. cquistà Egidi, abr.occ. (San
  Benedetto in Perillis) akkωət DAM, molis.
10 (Rotello) akkωət ib., nap. aquistà Altamura,
  martin. accustà VDS, sic. acquistari (Traina;
  Piccitto), piazz. aqu'sté Roccella.
  It. acquistare qc. v.tr. 'conquistare, impadronirsi
  di qc. (anche figurato)' (sec. XIII, ContiAntichi-
15 CavalieriDelMonte — TB 1865; ScuolaSicPan-
  vini; DavanzatiMenichetti; Acc. 1941; B), ven.a.
  aquistar (1321, SStadyMonteverdi, StR 20), achi-
  star (1487, VidossichTristano, StR 4), sic.a. aqui-
  stari (1358, SimLentiniRossiTaibbi).
20 It.a. quistare q. v.tr. 'conquistare come amica'
  (1250 ca., GiacLentini, Monaci 46/6,11), acqui-
  stare (sec. XIII, DavanzatiMenichetti); ~ 'vincere'
  (sec. XIII, DavanzatiMenichetti; fine del sec.
  XIV, CantariRinMonteAlbanoMelli); sic.a. ac-
25 quistari (animi) (sec. XV, RegoleBranciforti); it.
  acquistare q. 'cattivarsene il favore o la simpatia,
  corrompere' (prima metà del sec. XIV, GuidoCo-
  lonne volg., Crusca 1863; ante 1540, Guicciar-
  dini, Rezasco; TB 1865), sen.a. acquistar (inizio
30 del sec. XV, SimSerdiniPasquini).
  It. acquistare q. (di q.) 'generare, aver prole'
  (1348, FrBarberinoSansone; 1484, PiovArlotto-
  Folena; 1536, AretinoAquilecchia), acquistare
  figliuolo (sec. XIV, SGirolamo volg., TB).
35 It. acquistare qc. (onori, ricchezze) v.tr. 'ottenere,
  procacciare (detto anche d'acquisizione morale o
  spirituale); ricuperare' (dal sec. XIII, Anonimo,
  ScuolaSicPanvini; DavanzatiMenichetti; Conti-
  AntichiCavalieriDelMonte; MatteoLibriVincen-
40 ti; EncDant.; TB; B; DD), aquistare (sec. XIV,
  InsegnamentoAnonimo, Monaci 124,19), macer.
  a. acquistare (l'amore) (sec. XV, Mastrangelo,
  ACILFR XIV, 4), sic.a. aquistari (1250 ca.,
  StefanoProtonotaro, Monaci 89,60; sec. XIV,
45 PoesieCusimano; 1358, SimLentiniRossiTaibbi;
  sec. XV, LibruBruni), acquistari (1250 ca., Ste-
  fanoProtonotaro, Monaci 89,63; sec. XIV, Seni-
  sioMarinoni; VangeloPalumbo; PoesieCusimano;
  sec. XV, RegoleBranciforti; LibruBruni), aque-
50 stare (sec. XV, RegoleBranciforti), piem. aquistè
  'conseguire, ottenere' DiSant'Albino, Leventina
  quistà 'cogliere, raggiungere' FransciniFaré, me-
  solc. kωist 'ricevere' (Camastral, ID 23,107),
  tic. quistá (VDSI 1,230), aquistá ib., parm. qui-

[Bd. 1, Sp. 457]

  star 'conseguire' Malaspina, corso (Èvisa) aquistà
  'guadagnare (del tempo, del terreno)' Ceccaldi,
  nap. acquistà 'procurare' Altamura, sic. acquistari
  'conseguire' Piccitto, ~ 'migliorare la propria
5 posizione economica' ib.
  It. acquistare tr. 'ricevere' (sec. XIII, Davanzati-
  Menichetti; 1565, Varchi, TB — 1698, Redi, Man.
  1859), mesolc. kωist (Camastral, ID 23, 107),
  quistaa (VDSI 1,230).
10 It. acquistare v.tr. 'apprendere, imparare' (1308
  ca., Dante, EncDant.; 1321, Dante, TB; 1563,
  Gelli, TB; 1618, Buonarroti il Giovane, ib.;
  1853, Prov.tosc., ib.), sic.a. acquistari (sec. XV,
  LibruBruni 70,4); it.a. acquistare 'raggiungere la
15 conoscenza di Dio' (1319 ca., SiebzehnerDante),
  anaun. (Tuenno) chistar 'percepire' Quaresima.
  It. acquistare v.tr. 'meritare (grazie)' (1313 ca.,
  Dante, EncDant.).
  It. acquistare v.tr. 'aumentare, potenziare, ac-
20 crescere (in senso materiale e spirituale)' (1319
  ca., Dante, EncDant.), piem. aquistè 'assumere
  maggior vigore' DiSant'Albino, parm. quistar
  'rinsanire, riaversi' Malaspina.
  It. acquistare v.tr. 'dare, fare acquisire, aggiun-
25 gere' (ante 1374, Petrarca, TB; 1532, Ariosto,
  Gher. — 1597, Soderini, TB); com. quistà 'giun-
  gere, cogliere' Monti.
  It. acquistare 'assumere (un aspetto), prendere
  (un espressione)' (1646, Guiducci, B; 1906,
30 Verga, B — 1962, E.Cecchi, B).
  
 
  Locuzione: it. acquistare corpo 'assumere consi-
  stenza' (1789, Baretti, B).
  
 
35 It. acquistare v.intr. 'progredire, avanzare, mi-
  gliorare (anche figurato)' (dal sec. XIII, Mae-
  stroFrancesco, ScuolaSicPanvini; EncDant.; Cru-
  sca 1863; TB; Acc. 1941; B; DD), aquistare (di
  q.) (1321, SiebzehnerDante; ante 1519, Leonar-
40 do, Crusca 1863), sen.a. acquistare (sec. XV,
  SimSerdiniPasquini), piem. aquistè 'migliorare,
  crescere di pregio' DiSant'Albino.
  It. acquistare v.intr. 'accostare, approdare' (1313
  ca., OrengoDante).
  
 
  Sintagmi e locuzioni: it. acquistare carco 'acqui-
  stare un senso di colpa, aggravare la coscienza'
  (1313 ca., Dante, Tramater), acquistar carico
  (ante 1566, Caro, TB); it. acquistare fede 'persua-
50 dere, convincersi' (ante 1374, Petrarca, Crusca
  1863); acquistare fede a qc. 'renderla credibile'
  (ante 1374, Petrarca, TB; 1549, Gelli, Crusca
  1863; ante 1799, Parini, B), aquistare fede (ante
  1374, Petrarca, Krajewski); acquistare fama a q.

[Bd. 1, Sp. 458]

  'renderlo famoso' (ante 1374, Petrarca, Kra-
  jewski), aquistare fama ib.; aquistare audacia
  'farsi audace, riprendere coraggio (detto d'un
  uccello da preda)' (sec. XV, Holmér, StN 38);
5 acquistare grado con q. 'ingraziarselo' (1527,
  Machiavelli, TB); acquistare un luogo 'raggiun-
  gerlo' (ante 1535, Berni, B; 1561, Anguillara, B;
  TB; B); aquistare forza 'rinforzarsi, avere vigore'
  (ante 1374, Petrarca, Krajewski), acquistare
10 forza (1585, Tasso, B); acquistare terra 'appro-
  dare' (ante 1566, Caro, Crusca 1863); aquistar
  ragione sopra qc. 'ottenervi un diritto' (1590,
  SCaterinaRicci, Crusca 1863); acquistare campo
  'guadagnare terreno, conquistarlo' (1612,
15 G.De'Bardi, B; 1666, Magalotti, Crusca 1863;
  1833, Arici, B; TB 1865); acquistare tempo
  'rinviare, differire' (1842, Manzoni, B); acqui-
  stare il suo fine 'impossessarsi' (ante 1850, Giusti,
  B), acquistare al suo fine ib.; piem. tornè aquistè
20 'riacquistare' DiSant'Albino.
  
 
  Proverbi: it. chi non s'arrischia non acquista
  (1853, Prov.tosc., B); col soffrire s'acquista (ib.,
  TB); la ricchezza non s'acquista senza fatica, non
25 si possiede senza timore, non si gode senza pec-
  cato, non si lascia senza dolore ib.; è meglio acqui-
  stare che perdere ib.; chi sa acquistare e non sa
  custodire può ire a morire ib.; acquista reputa-
  zione e ponti a sedere (ib.; Crusca 1863; B); sic. lu
30 primo menzu d'acquistari è lu travagghiari 'il
  primo modo di guadagnare è il lavorare' Traina.
  
 
  Inf.sost.: it. acquistare m. 'guadagno' (ante 1348,
  FrBarberino, B; ante 1595, Tasso, Acc. 1941).
  
 
  1.b. Derivati: it. acquistato m. 'ciò che è stato
  comprato, ciò che è stato ottenuto' (dal sec. XIII,
  RinieriPalermo, GlossCrusca 1867; Corti,AGI
  38,62,73; DavanzatiMenichetti; IacoponeBetta-
40 rini; TanagliaRoncaglia; Crusca 1863; TB; Acc.
  1941; B); pitigl. akkωistátu 'terreno sul quale
  siano stati bruciati gli sterpi e i rovi' (Longo, ID
  12).
  It. aquistato agg. 'ottenuto, guadagnato, procac-
45 ciato, conseguito' (ante 1290 ca., GuidoColonne,
  ScuolaSicPanvini), quistato (sec. XIII, Anonimo,
  ib.; seconda metà del sec. XV, AlamanniJodo-
  gne), acquistato (sec. XIII, DavanzatiMenichetti
  — 1348, G.Villani, Tramater; dal 1527, Machia-
50 velli, B; Crusca 1863; TB; B; DD s.v. acquista-
  re), piem.a. acquistà (1500, VitaleAGlosse,St-
  Piem. 5), vic.a. acquistà (1433, Bortolan), lomb.
  alp. (Prestone) kωitóω 'ricevuto' (AIS 1107,
  p.205), abr. (Arischia) aggωitátu 'ottenuto'

[Bd. 1, Sp. 459]

  DAM, S.Benedetto in Perillis akkωəttə ib.,
  Rotello akkωəttə ib., sic. acquistatu Traina.
  It. acquistato (di q.) agg. 'avuto (come figlio)'
  (prima metà del sec. XIV, GuidoColonne volg.,
5 B; 1353, Boccaccio, B; Crusca 1691 — B 1961;
  Crusca 1863; TB).
  It. acquistato agg. 'acquisito, non innato' (ante
  1565, Varchi, B); ~ 'buscato (detto di malattia)'
  (1684, Redi, B).
  
 
  Sintagmi: it. mal acquistato m. 'ciò che è stato
  ottenuto in modo illecito, procurato con la frode'
  (prima del 1306, Iacopone, B), maleacquistato
  (1834, Guerrazzi, B), sic. malacquistatu Traina. —
15 It. (roba) malacquistata agg. 'ottenuto in modo
  illecito' (1906, Verga, B), sic. malacquistatu
  Traina.
  It. acquistativo agg. 'atto ad acquistare' (metà del
  sec. XIV, ScalaParadiso, B).
  
 
  It. acquistamento m. 'acquisto; raggiungimento'
  (1306, Iacopone, B — TB 1865; Crusca 1863; B),
  sic. acquistamentu Traina. — It. acquistanza f.
  'acquisto' Veneroni 1681.
25 It. acquistarello m. 'acquisto di scarso valore' TB
  1865, acquisterello ib.
  
 
  It. acquistatrice f. 'colei che acquista, che pro-
  cura' (fine del sec. XIII, ScalaClaustrali, Man.
30 1859; 1308 ca., Dante, EncDant. — B 1961; TB;
  Acc. 1941). — It. acquistatore m. 'colui che acqui-
  sta' (sec. XIV, Ovidio volg., B; ante 1406, Buti,
  B; ante 1692, Segneri, B).
  It. acquistante m. 'che acquista' (1324, Ordina-
35 mentiGiustizia, TB).
  
 
  It. acquistevole agg. 'facile da acquistare, conse-
  guibile' (Oudin 1643; Veneroni 1681; Tramater
  1829; TB 1865), cismont.occ. (Èvisa) acquisteūle
40 Ceccaldi.
  It. acquistabile agg. 'che si può acquistare, vena-
  le' (dal 1647, Torricelli, B; Crusca 1863; TB
  1865; Acc. 1941; DD). — It. acquistabilissimo
  'superl. di acquistabile' TB 1865.
  
 
  Con prefissi:
  r-/ri-: it. racquistare v.tr. 'acquistare nuova-
  mente, riprendere, riottenere, riguadagnare ciò
  che si è perduto' (prima del 1292, GiamboniTrat-
50 tatoSegre — TB 1872; DavanzatiMenichetti;
  GiordPisaDelCorno; EncDant.; PecoroneEspo-
  sito), perug.a. araquistare (1266, CronacaUgo-
  lini), abr.a. raquistare (1430 ca., GuerraAquil-
  Valentini), faent. araquistè Morri; it. racquistare

[Bd. 1, Sp. 460]

  'raggiungere' (ante 1555, Giambullari, TB); ~
  'riprendere' (1611, Bracciolini, TB); fior.a. ra-
  quistare (debiti) 'riscattare' (1335, Edler).
  Inf.sost.: it. racquistare m. 'ricupero' (prima metà
5 del sec. XIV, GuidoColonne volg., TB).
  It. racquistazione f. 'il riacquistare, ricupero'
  (ante 1294, GuittArezzo, TB; prima metà del
  sec. XIV, GuidoColonne volg., TB).
  It. racquistamento m. 'il riacquistare, il ricom-
10 prare, riscatto' (ante 1406, Buti, TB; Veneroni
  1681 — TB 1872), faent. araquistament Morri.
  It. racquistatore di q. m. 'chi riacquista' (sec. XIV,
  Ovidio volg., TB; 1589, Salviati, TB — TB 1872).
  — It. racquistatrice f. 'colei che riacquista' (Vene-
15 roni 1681; Tramater 1835; VocUniv. 1853).
  It. racquistato agg. 'riconquistato, ripreso nuova-
  mente' (ante 1363, M.Villani, TB; 1476, Statu-
  toArteLegnaiuoli, TB; ante 1665, Lippi, TB). —
  It. racquistante agg. 'che riconquista' (Tramater
20 1835; VocUniv. 1853).
  
 
  It. riacquistare v.tr. 'acquistare nuovamente,
  riprendere, riottenere (anche figurato)' (dalla
  metà del sec. XIV, AbateIsaac volg., TB; DD),
25 vic.a. reacquistare (1509, Bortolan), sic.a. rea-
  quistari (sec. XV, LibruBruni), gen. riacquistâ
  Casaccia, parm. riaquistar Malaspina, romagn.
  riquistêr Ercolani, ricquvistêr ib., sic. riacquistari
  Traina.
30 It. riacquistatore m. 'chi riacquista' Tramater
  1835. — It. riacquistato agg. 'ripreso, ottenuto'
  (ante 1694, Segneri, TB); vic.a. reaquistato
  'riacquistato' (1521, Bortolan), vogher. riakωi-
  stá Maragliano, romagn. riquistê Ercolani, ricvi-
35 stê ib. — It. riacquistante agg. (Tramater 1835;
  VocUniv. 1853). — It. riacquistabile agg. 'che si
  può riacquistare' (ante 1680, Montecuccoli, TB
  1872; DD 1974).
  
 
40 dis-: it. disacquistare v.tr. 'perdere ciò che si è
  acquistato' (sec. XIII, Seneca volg., Crusca 1863
  — sec. XIV, LemmoGiovOrlandi, ib.; dal 1731,
  Crusca; TB; B).
  
 
45 in-: it. inacquistevole agg. 'che non può essere
  acquistato' (Oudin 1643; Veneroni 1681); inac-
  quistabile id. (B 1961; DD 1974).
  
 
  1.c. Con cambio del prefisso: lecc. ncustare
50 v.tr. 'acquistare' VDS.
  
 
  2.a. It. acquisto agg. 'acquistato' (sec. XIII,
  Seneca volg., GlossCrusca 1867), ~ 'acquisito,
  non innato' (1663, Bartoli, TB; B); ast.a. aquista

[Bd. 1, Sp. 461]

  agg.f. 'conquistata, abbattuta' (sec. XVI, Alione-
  Bottasso).
  It.a. aquisto m. 'conquista, occupazione (anche
  fig.); l'entrare in possesso di qc.' (sec. XIII, Ano-
5 nimo, ScuolaSicPanvini; DavanzatiMenichetti),
  it. acquisto (1292, GuittArezzo, B — TB 1865;
  TanagliaRoncaglia; 1918, D'Annunzio, B; Acc.
  1941), mil.a. ~ (1497, TestiQuattrocento, Mi-
  gliorini-Folena 119,6).
10 It. acquisto m. 'il conquistarsi una persona, far-
  sela amica' (1353, Boccaccio, TB; 1532, Ariosto,
  ib.; 1675, Panciatichi, ib.); ~ 'possesso d'una
  lingua straniera' (1308 ca., Dante, EncDant.); ~
  'atto di entrare in possesso d'un diritto, d'una
15 eredità, ecc.' (VocUniv. 1845; B 1961).
  It. acquisto m. 'l'acquistare, la compera, il procac-
  ciarsi' (dal 1294, GuittArezzo, B; EncDant.; TB
  1865; Acc. 1941; DD), piem. aquist DiSant'Al-
  bino2, tic. aquist (VDSI 1,230)3, com. ~ Monti,
20 berg. aquést Tiraboschi, vogher. akωíst Mara-
  gliano, parm. acquist Malaspina, romagn. aquèst
  Ercolani, acvèst ib., triest. aquisto Pinguentini,
  rover. acquist Azzolini, corso acquistu Falcucci,
  Èvisa aquistu Ceccaldi, Magione akωísto Mo-
25 retti, abr. (Introdacqua) akkωtə DAM, sic.
  acquistu Piccitto, piazz. aquist Roccella.
  It.a. aquisto m. 'guadagno; vantaggio' (fine del
  sec. XIII, RinAquino, Monaci 56/IV, 56; Laude,
  ib. 159/VI, 165A), acquisto (1308 ca., Dante;
30 dal 1483, Berni, Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B;
  DD); lunig.a. aquisto 'roba guadagnata, acqui-
  stata; avere' (sec. XV, MaccarroneFaye, AGI
  18), sic.a. aquistu (1380 ca., LibruBruni).
  It. acquisto m. 'ingaggio, acquisto da parte d'una
35 società sportiva d'un giocatore appartenente ad
  un'altra società' (B 1961; DD 1974).
  It. acquisto m. 'accrescimento, incremento, in-
  grandimento' (1321, Dante, EncDant. — TB
  1865; Crusca 1863; B), piem. aquist 'cresci-
40 mento (di piante)' DiSant'Albino; ~ 'accresci-
  mento di pregio' ib.
  Pad.a. aquesto m. 'alluvione' (ante 1389, Ri-
  meFrVannozzoMedin), it. acquisto (ante 1647,
  Torricelli, Crusca 1863; TB 1865; Rezasco
45 1881).
  Sintagmi: it. ad acquisto d'oro 'a fin di guadagno'
  (1321 ca., SiebzehnerDante).
  It. beni d'acquisto 'beni acquistati' (1535, Leone
  Ebreo, B); it. di acquisto 'non naturale, affettato'

[Bd. 1, Sp. 462]

  (1955, Alvaro, B); ~ 'detto di parentela acquisita'
  Cornagliotti; potere di acquisto (della moneta)
  'quantità di beni che l'unità monetaria può com-
  prare in un determinato momento' B 1961.
5 It. male acquisto 'acquisizione fraudolenta; ap-
  propriazione indebita; cattivo guadagno' (1319
  ca., Dante, B — 1400, Sacchetti, B), malacquisto
  (1321 ca., Dante, B; 1883, C.Arrighi, B — 1940,
  Bacchelli, B), it. mal acquisto (ante 1348, FrBar-
10 berino, B; sec. XIV, Tedaldi, B), malo acquisto
  (ante 1555, Giambullari, Crusca 1863), berg. mal
  aquest Tiraboschi; tosc. malo acquisto Fanfa-
  niUso, sic. malacquistu Traina, piazz. malaquist
  'id.; furto' Roccella; di mal acquisto 'illecitamen-
15 te' (sec. XIV, VitaSSPadri volg., Gher.; ante
  1555, Giambullari, Man. 1859), berg. roba de
  mal aquest Tiraboschi, parm. roba d'mal aquist
  Malaspina.
  Locuzioni verbali: it.a. fare aquisto 'acquistare'
20 (sec. XIII, Mettifuoco, ScuolaSicPanvini; sec.
  XV, TanagliaRoncaglia), it. fare acquisti (B
  1961; DD 1974), piem. fe aquist DiSant'Albino;
  it. farsi acquisto 'guadagnare per sé' (prima del
  1306, Iacopone, Gher.; 1532, Ariosto, Gher. —
25 1585, Tasso, TB).
  
 
  Derivati:
  r-/ri-: it. racquisto m. 'l'atto del riacquistare'
  (prima metà del sec. XIV, GuidoColonne volg.,
30 TB — 1353, Boccaccio, TB; 1532, Ariosto, TB —
  TB 1872). — Locuzione: it. fare racquisto 'riacqui-
  stare' VocUniv. 1853.
  It. riacquisto m. 'atto o effetto del riacquistare'
  (dal 1527, Machiavelli, B; TB; B; DD), tosc. ~
35 FanfaniSuppl., sic. riacquistu 'il riacquistare; la
  cosa riacquistata' Traina.
  
 
  dis-: it. disacquisto m. 'perdita, danno' (ante
  1540, Guicciardini, B).
  
 
  2.b. It.a. aquista f. 'acquisto, guadagno' (sec.
  XIII, Laude, Monaci 159/VI, 165 ms. G), abr.a.
  acquista (1430 ca., GuerraAquilValentini).
  
 
45 Il lat. *ACQUĪSTARE, foggiato sul part.pass.
  forte *ACQUISTUS (< ACQUĪRĔRE) si è
  conservato nell'occit.a. acquistar 'acquérir' (FEW
  24,111b), nel francoprov. acquitter, nel castigl.
  aquistar 'conquistar' (DEEH) e nell'it. (I.1.).
50 I derivati sono elencati sotto (1.b.) e le forme
  leccesi con cambio del prefisso sotto (1.c.). Le
  forme del part. pass. *ACQUISTUM costitui-
  scono una famiglia lessicale a parte (2.a.). Le

[Bd. 1, Sp. 463]

  prime attestazioni nel lat.mediev. risalgono al
  sec. XI (MittellatWb.). La forma femm. corri-
  spondente acquista sost. è separata (2.b.), cfr.
  occit.a. acquista (1187, FEW 24,111b).
  
 
  REW 111a; BrüchMs. 307 seg.; DEI 47; Prati
  12; DELI 1,17; VDSI 1,230 (Spiess); DRG
  1,329 (Pult); FEW 24,111. — Cornagliotti;
  Pfister.
  
 
  LEI acquīrĕre, LEI acquisitio
  
 
 
Artikelverweis 
acredo 'sapore acuto e piccante'
  
 
  II.1. It. acrèdine f. 'asprezza acida, sapore
  acuto e piccante' (1499, Ricettario fior., B; dal
  1698, F.Negri, B; TB; Acc. 1941), agredine
20 Oudin 1643; cal.centr. (Cetraro) acrédine f. 'spe-
  cie di erba dalle foglie grasse' NDC; it. acredine f.
  'acrimonia degli umori del corpo (term. medico)'
  (1733, G. Del Papa, B; TB), ~ 'acidità (di sto-
  maco)' (1783, Targioni Tozzetti, TB); ~ 'livore,
25 rancore, malignità' (dal 1889, D'Annunzio, B;
  DD).
  
 
  Prestito dal lat. ACREDO (p.es. Palladio).
  
 
30 DEI 47 seg. — Pfister.
  
 
  LEI acer
  
 
 
Artikelverweis 
acredula 'piccola civetta o grillo'
  
 
  II.1. It. acrèdula f. 'piccolo uccello (famiglia
  delle Paridae), fornito di coda assai lunga' (ante
40 1729, Salvini, B).
  
 
  Prestito dal lat. ACREDULA il cui significato è
  discusso, formato come FICEDULA o QUER-
  QUEDULA.
  
 
  DEI 48. — Pfister.