Wörterbuchnetz
Lessico Etimologico Italiano Bibliographische AngabenLogo adwmz
 
Acharius bis Achilles (Bd. 1, Sp. 394 bis 399)
Abschnitt zurück Abschnitt vor
Artikelverweis Acharius
  
 
 III.1. Piem. acariatr agg. 'di umore o naturale
  fastidioso, ritroso, molesto, importuno, stucche-
  vole' DiSant'Albino.
  
 
30 Prestito dal fr. acariâtre (dalla fine del sec. XV,
  FEW 24,102) che denomina lo stato di una
  persona colpita dal mal de saint Aquaire, malattia
  per la cui guarigione ci si rivolgeva a santo Aca-
  rio, vescovo di Noyon nel sec. VII.
  
 
  Migliorini 126; FEW 24,102. — Pfister.
  
 
 
Artikelverweis 
acharne 'specie di pesce'
  
 
  I.1. It. cerne f. 'cernia (Epinephelus guaza L.,
40 Epinephelus gigas, Serranus gigas, Cerna gigas)'
  Florio 1598, cerna (VocUniv. 1847; TB 1865;
  “antiq.” Tommasini; Acc. 1941), triest. ~ Pin-
  guentini, elb. ćérna 'rombo chiodato' (Corte-
  lazzo, ID 28), bar. cèrne 'cernia (Epinephelus
45 guaza L.)' ScorciaSaggio, cal.merid. cerna NDC,
  sic. ~ (Traina; Piccitto).
  Sintagma: elb. ćrna di kanále f. 'suro (Tra-
  churus trachurus L.)' (Cortelazzo, ID 28).
  Derivato: it. cernita f. 'cernia' (Florio 1598 s.v.
50 cerne). — Sic. cirnotta f. 'cernia' Piccitto.

[Bd. 1, Sp. 395]

  II.1. It. cernia f. 'grosso pesce osseo, comme-
  stibile, con mandibola prominente (Epinephelus
  guaza L.; Serranus gigas)' (dal 1847, VocUniv.;
  Acc. 1941; B; DD)1, elb. ćrnya (Cortelazzo,ID
5 28), corso cérnia Falcucci, Bonifacio ćrniya
  (Massignon,ACILFR 10,1152), teram. (Torto-
  reto) ćrñə 'cerniola (Polyprion cernium L.)'
  DAM, vast. ćrniə ib., nap. cèrnia '(Perca
  gigas L.)' (D'Ambra; Altamura; Andreoli;
10 CostaZool.), bitont. cèrnie '(Serranus gigas)'
  Saracino—Valente, martin. cérie Prete, lecc. cèr-
  nia VDSSuppl., cèrgna VDS, otr. cèrnia ib., cal.
  ćrnia 'lucerna' DTC, sic. cèrnia '(Sparus orphus
  L.)' Traina, catan. cernia '(Epinephelus gigas)'
15 (LoPresti,FI 10,91), sic. çènnia Piccitto, trapan. ~
  'gobio nero (Gobius niger L.)' ib.
  
 
  Sintagmi: isch. cèrnie é funnale 'cernia di fondo
  (Polyprion cernium)' JoveneFauna; cèrnie é sco-
20 glie 'cernia nera, cerna, sciarrano gigante (Sera-
  nus gigas)' ib.; cèrnia nère ib.
  Significati figurati: otr. cèrnia f. 'uomo cretino'
  VDS; pant. cernia 'sbornia' Piccitto; ncerniare
  v.rifl. 'stordirsi' ib., lecc.gergo ncirniare v.rifl.
25 'ubriacarsi' ib.; lecc. ncerniatu agg. 'intontito,
  stonato' ib.
  Derivati e sintagmi: it. cernietta f. 'piccola cernia'
  VocUniv. 1847. — It. cerniola f. 'Polyprion ameri-
  canum L.' (Cortelazzo,BALM 10/12,382), nap.
30 cerniola de funnale '(Polyprion mediterraneum
  L.)' D'AmbraApp., isch. cerniole é funnale Jove-
  neFauna; elb. ćernyótta di kanále '(Polyprion
  americanum L.)' (Cortelazzo,BALM 10/12,
  382)1.
  
 
  II.2. It. acarno m. 'pesce di mare che ha le
  scaglie lucenti come oro' (Florio 1598; Oudin
  1643), acarna f. 'specie di perca' (1950, DEI 20).
  
 
40 La voce greca ἀχάρνας m. (Aristotele) penetrò
  nel latino sotto la forma pseudogreca ACHAR-
  NE (Plinio), cui stettero a fianco le forme latiniz-
  zate ACHARNA e ACARNA. La voce dotta
  rinascimentale elencata sotto II.2. risale proba-
45 bilmente ad ἀχαρνώς m., mentre tutte le altre
  attestazioni italiane richiedono forme latine con
  -er- corrispondenti ad ἄχερνα (Esichio); infatti,
  la forma ACERNA è attestata da Polemio Silvio
  (sec. V) e visse a Cherso-Óssero kerna (AR 21,

[Bd. 1, Sp. 396]

  266); il derivato ACERNIA si trova in glossari
  del sec. V e in Cassiodoro (sec. VI). La forma
  ACERNA si continua nell'it. (I.1.), nel cat.
  xerna, nello spagn., port. cherna2. It. cernia è
5 semidotta3; la sua zona di estensione comprende
  il campid. ćérnya (DES 1,447), ǵérnya ib., il
  marocchino ćornía (DCEC 2,40), l'ar.alger.
  êrniya ib. e l'it. (II.1.); esisteva anche nell'e-
  stinto dalmatico4 e nel mozar. (chírnia, DCEC 2,
10 40). Tutte le voci in questione designano diversi
  pesci grandi di colore rossastro la cui carne è
  pregiata.
  
 
  REW 96, Faré; DELI 226; Barbier fils, MLR
15 8,185—188; Palombi-Santarelli 49 seg.; DES 1,
  447; DCEC 2,40; LGII 73; Battisti, BALM 2/3—
  4,75 seg. — Kramer.
  
 
 
Artikelverweis 
achates 'àgata'
  
 
  II.1.a. It.a. acate m. 'varietà di quarzo' (dopo
25 il 1427, GiovDuccioSMiniato, B — seconda metà
  del sec. XV, AlamanniJodogne; AGalliWiese),
  acato (fine del sec. XIV, Bibbia volg., Gloss-
  Crusca 1867), acatos (sec. XIV, Bibbia, ms. Cam-
  bridge, University Library, Add. 6685, Corna-
30 gliotti).
  
 
  1.b. It.a. acate f. 'varietà di quarzo' (1585,
  Garzoni, B), mant.a. acates (inizio del sec. XIV,
  GhinassiBelcazer,SFI 23,51), pad.a. achates1
35 (fine del sec. XIV, BibbiaFolena), nap. àcata
  (Andreoli; Altamura).
  Derivati: it. acatini m.pl. 'chiocciole terrestri, a
  conchiglia di bei colori e disegni, dell'Africa

[Bd. 1, Sp. 397]

  tropicale' Garollo 1913. — Nap. acatella f. 'pic-
  cola agata' (Andreoli; Altamura).
  
 
  2.a. It.sett.a. agata m. 'varietà di quarzo'
5 (1452, LibroSidrach, ms. L.4.6 della Bibl. Civica
  “Angelo Maj” di Bergamo, Cornagliotti).
  2.b. It. agata f. 'varietà di quarzo' (dal 1400
  ca., Sacchetti, DELI; TB; DD), agate (ante 1327,
  CeccoAscoli2, B; sec. XIV, ZibaldoneAndreini,
10 Crusca 1863; ToscanellaDiz. 1568; 1779, Tar-
  gioni Tozzetti, B; Acc. 1941), it.a. agates (inizio
  del sec. XIV, Intelligenza, B), agatha Florio 1598,
  it.sett.a. agata (1452, LibroSidrach, ms. L.4.6
  della Biblioteca Civica “Angelo Maj” di Ber-
15 gamo, Cornagliotti), pietra agata ib., parm. agta
  f. Malaspina, bol. aegata Ungarelli, sic. àgata
  Traina.
  
 
  Sintagmi e composti: it. agata d'Islanda f.
20 'varietà di quarzo; ossidiana' VocUniv. 1845. —
  It. àgata arborizzata 'varietà di calcedonio, con
  inclusioni dendritiche rosse o nere' DD 1974. —
  It. àgata muschiosa 'varietà di calcedonio, con
  inclusioni di minerali verdi' DD 1974. — Parm.
25 agta a lumaga f. 'agata a strati concentrici o a
  spirale' Malaspina.
  
 
  Derivati: it. agatume m. 'minerale che ha le
  proprietà dell'àgata' (1779, Targioni Tozzetti,
30 B)3. — It. agatina f. 'medicamento in polvere
  poco adoperato, succedaneo del salicilato di soda'
  Garollo 1913, ~ 'geode, la cavità vuota di un'à-
  gata collo strato siliceo che la circonda di cristalli
  in formazione' ib. — It. agatini m.pl. 'chiocciole
35 terrestri, a conchiglia di bei colori e disegni,
  dell'Africa tropicale' Garollo 1913.
  It. agatato agg. 'striato come l'àgata' (1779,
  Targioni Tozzetti, B — 1893, Rigutini-Fanfani;
  Gher.; “disus.” Acc. 1941). — It. agatoso agg.
40 'che ha le qualità dell'àgata' (dal 1829, Tramater;
  TB; B). — It. (corpo) agatizzato agg. 'petrificato,
  parlando di certi corpi organici, i quali, perduta la
  loro sostanza, non conservano che la forma
  esteriore in cui si depone la materia silicea che si
45 concreta e indurisce' TB 1865.
  
 
  Prestito dal lat. ACHĀTĒS (< gr. ἀχάτης)4 che
  corrisponde al fr.a. achate, fr. agate, al port.,

[Bd. 1, Sp. 398]

  spagn., cat. ágata e al rum. agát(ă). La voce è
  diffusa a partire dei primi secoli del Medioevo
  coi lapidari; cfr. Ated.a. agat, ingl. agate. Dall'it.
  deriva serb. agata. Il genere maschile del lat.
5 ACHATES è conservato in pochi testi mediev.
  (1.a.). Il metaplasmo si è probabilmente realiz-
  zato sotto l'influsso di PETRA. La -g- delle
  forme neolat. (2.) non può essere spiegata dall'in-
  flusso del gr. ἀγαθός, perché tale voce non pene-
10 trò nella Romania. Si potrebbe pensare ad una
  etimologia popolare da Sant'Agata (morta nel
  251) il cui seno fu conservato come reliquia in un
  recipiente di agata nella cattedrale di Saint-Tro-
  phime a Arles (BrüchMs. 451)5. Un incrocio con
15 GAGATES 'giaietto' (SkokEtim. 1,12) non con-
  vince né dal lato semantico ('lignite picea di color
  nero') né dal lato fonetico.
  
 
  DEI 82; BrüchMs. 450 seg.; DELI 28; FEW
20 24,103. — Holtus; Kramer.
  
 
 
Artikelverweis 
Acheron 'uno dei quattro fiumi dell'in-
  ferno'
  
 
  II.1. It. inacherontarsi v.rifl. 'scendere nel-
  l'Acheronte, nell'oltretomba' (1628, Fr.M.Gual-
30 terotti, B).
  It. acherònzii m.pl. 'libri sacri degli Etruschi'
  (Tramater 1829; VocUniv. 1845).
  Sign.fig.: it. acherònzia f. 'farfalla crepuscolare
  (Acherontia atropos)' (dal 1875, Lessona,
35 DELI 15; B)1.
  
 
  2. It. acheronteo agg. 'che si riferisce all'Ache-
  ronte; infernale' (dalla prima metà del sec. XVIII,
  Augustini, B; Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B;
40 DD).
  
 
  3. It. acheròntico agg. 'infernale, funebre,
  mortuario' (dal 1756, Lampredi, TB; Crusca
  1863; Acc. 1941; B; DD).

[Bd. 1, Sp. 399]

  Sintagmi: it. pietre acherùntiche f.pl. 'pietre
  sepolcrali' (1779, Targioni Tozzetti, B), pietra
  acheròntica f. 'pietra sepolcrale' (1797, D'Alber-
  tiVillanuova); libri acheròntici 'libri sacri
5 etruschi' (Garollo 1913; DD 1974).
  
 
  Voce dotta del lat. ACHERON < gr. Ἀχέρων
  (II.1.)2. I derivati sono già attestati nel latino:
  ACHERONTEUS (II.2.) e ACHERONTICUS
10 (II.3.) che si riferisce anche ai LIBRI ACHE-
  RONTICI degli Etruschi con probabile allusione
  ai loro costumi funebri.
  
 
  DEI 38; DELI 15; FEW 24,103. — Pfister.
  
 
 
Artikelverweis gr.
achílleios 'che si riferisce ad Achille'
  
 
25 I.1. Cal.merid. (Cardeto) aχéḍḍiku m. 'mil-
  lefoglio (Achillea millefolium L.)' NDC.
  Cal.merid. ḍḍika f. 'millefoglio, achillea'
  NDC, Melicuccà χélika ib., San Lorenzo, Baga-
  ladi, Santo Stefano in Aspromonte χéḍḍika ib.,
30 Ortì χdera ib.1.
  
 
  I.2. Cal.merid. (Parghelia) skiyáći m. 'achil-
  lea, millefoglio' NDC2, Tropea, Brattiró, Ricadi
  skiáći ib., Spílinga skižáći ib., Jóppolo skiḍáći
35 ib., messin. skiḍḍáći ib., aχiḍḍáći ib.
  
 
  Il gr. ἀχίλλειος continua unicamente nel cal. me-
  rid. e nel messin. con forme derivate da ἀχίλλα-
  κον (I.1.) e da ἀχιλλάκιον (I.2.) per designare
40 l'erba vulneraria (Achillea millefolium L).
  
 
  DEI 38; LGII 73. — Pfister.
  
 
 
Artikelverweis 
Achilles
  
 
 II.1. Bol. achell m.pl. 'facchini; lottatori nella
  festa della colta' Ungarelli.
50 Locuzione: bol. andaer intî Achell 'esser ridotto
  alla peggio' Ungarelli.

[Bd. 1, Sp. 400]

  Sintagmi: Venez. far achele 'far lega' Boerio, far
  chele ib., it. tendine di Achille m. 'tendine che si
  allunga dalla massa muscolare della gamba e
  giunge fino alla parte più bassa del calcagno'
5 (Chambers 1748; D'AlbertiVillanuova 1797;
  ante 1936, Viani, B); tallone di Achille m. 'il
  punto debole, più esposto, più vulnerabile'
  (1950, Panzini, B).
  Sign.fig.: carr. akíle m. 'stupido, sciocco'
10 (Luciani, ID 37).
  Golfo di Catania achilli 'mpriiali 'i funnu m.
  'pesce (Laemargus brevipinna)' (LoPresti.FI
  10,88).
  Derivati: it. achillesco agg. 'che si riferisce ad
15 Achille; eroico' (ante 1803, Alfieri, B).
  Composti: it. achillodinìa f. 'affezione dolorosa
  alla regione del tendine d'Achille' B 1961. — It.
  achillotomìa f. 'sezione del tendine d'Achille' B
  1961.
  
 
  2. It. achille m. 'argomentazione dialettica;
  argomento più forte per combattere o sostenere
  una dottrina' (ante 1712, Magalotti, B — 1842,
  Manzoni, B).
  
 
  Prestiti dal lat. ACHILLES (< gr. Ἀχιλλεύς)
  con allusioni alla forza di questo eroe greco
  (II.1.). Il secondo significato (2.) risale ad Aristo-
  tele (Physica 6,9) dove un argomento di Zeno da
30 Elea contro il moto è chiamato Ἀχιλλεύς.
  
 
  Migliorini 139; FEW 24,103. — Pfister.