Wörterbuchnetz
Lessico Etimologico Italiano Bibliographische AngabenLogo adwmz
 
acereus bis acetabulum (Bd. 1, Sp. 374 bis 377)
Abschnitt zurück Abschnitt vor
Artikelverweis acereus 'pertinente all'acero'
  
 
  II.1. Chiav., Campodolcino aṣḗ m. 'acero fico
  (Acer pseudoplatanus L.)' (SalvioniREW,RDR
35 4), Prestone az (p.205), Soglio αž (p.45),
  Coltura αz (p.46), Sondrio aṣér (Salvioni-
  REW,RDR 4), posch. αz (p.58), aṣ (Michael
  20; Salvioni,RIL II,39,606); AIS 5891.
  
 
40 Queste forme si collegano alle forme retorom.
  che risalgono al lat. ACEREUS 'appartenente
  all'acero' (LIGNUM ACEREUM), cfr. p.es.
  surselv. iží, forma ben conosciuta a causa dell'a-
  cero di Trun sotto il quale fu giurata la Con-

[Bd. 1, Sp. 375]

  federazione grigia nell'anno 1424. Il suffisso
  ẹ(r) delle forme breg. corrisponde al suffisso
  -ARIU.
  
 
5 REW 95; VDSI 1,55; DRG 1,444seg. (Schorta).
  
 
  — Pfister.
  
 
  LEI acer
  
 
 
Artikelverweis 
acerosus 'a forma di pula'
  
 
15 II.1. It. aceroso agg. 'sottile e a punta come
  spina (detto di foglia perenne)' (VocUniv.
  1845; TB 1865; Acc. 1941).
  
 
  Prestito scientifico dal lat. ACEROSUS (Lucilio)
20 derivato da ACUS (-ĔRIS) 'pula'.
  
 
  DEI 35. — Pfister.
  
 
 
Artikelverweis 
acerra 'cassetta che conteneva l'incenso
  per i sacrifici; turibolo'
  
 
30 II.1. It. acerra f. 'cofanetto per conservare l'in-
  censo per i sacrifici' (dal sec. XVI, B.Baldini, B;
  TB; B; DD), ~ 'piccola ara portabile per bruciare
  aromi accanto ai morti' (Chambers 1748 — B
  1961; TB).
  
 
  Vocabolo dotto forse di origine etrusca (Ernout-
  Meillet), che si riferisce alla religione dei Roma-
  ni, sostituito nel latino cristiano da INCENSA-
  RIUM, TURIBULUM o TURICREMIUM1.
  
 
  DEI 35. — Pfister.
  
 
 
Artikelverweis 
acervus 'mucchio'
  
 
  I.1. Tosc. acerbo m. 'fastello' (MerloREW,
  MiscCoelho I,77), acerba f. ib.

[Bd. 1, Sp. 376]

  2. Derivati: emil.or. (imol.) žerbéαl m. 'stollo
  del pagliaio' (Toschi,RGI 36,22)1, Dozza ęrbl
  (p.467), Fusignano zarbal (p.458), march.
  sett. (Sant'Ágata Féltria) ćarbl (p.528); AIS
5 1400 cp.
  Romagn. (Brisighella) zarba f. 'stollo del
  pagliaio' (p.476), Meldola arbla (p.478),
  Cesenatico zurbla (p.479); AIS 1400 cp.
  Faent. inzarbêl m. 'stollo del pagliaio' Morri2, ~
10 'spilungone, assai lungo e magro' ib.
  
 
  II.1. Sen.a. acervo m. 'altura, luogo impervio'
  (fine del sec. XIV, CantariVaranini); it. ~ 'grande
  cumulo, grande ammasso' (1524, Ariosto, B —
15 1566, Caro, B; TB; Crusca 1863; “letter.” Acc.
  1941; B; DD), acerva pl.3 (fine del sec. XV,
  TanagliaRoncaglia).
  Derivati: it. acervale agg. '(di argomentazione
  sillogistica) sorite (che procede per accumula-
20 zione)' (ante 1828, Monti, TB — Crusca 1863; B).
  It. accervire v.tr. 'ammucchiare, accumulare'
  Florio 1598.
  It. acervare v.tr. 'ammucchiare, accumulare'
  (1828, Monti, DEI 36; Gher. 1852); acervato
25 agg. 'ammucchiato, ammassato' (1810, Monti,
  TB; Crusca 1863).
  
 
  2. It. acèrvolo m. '(term.medic.) minuscola
  concrezione calcarea che si forma nelle ghiandole
30 pineale e pituitaria' (VocUniv. 1845), acèrvulo
  (sec. XIX, DEI 36); acèrvula f. ib.
  It. acervulàrio m. '(term. paleont.) polipo fossile
  della fauna devonica' (1950, DEI 36); acervulà-
  ria f. 'coralli fossili della fauna devonica' ib.
35 It. acervuloma m. '(term.medic.) tumore delle
  meningi' (1950, DEI 36).
  
 
  Il lat. ACERVUS non ha continuatori romanzi al
  di fuori del dominio linguistico italiano (I.1.);
40 anche in Italia la voce è documentata in un'area
  molto ristretta. I derivati in -ale (Emilia or.,
  Romagna) e il lat.mediev.lig. acerbale presup-
  pongono un latino tardo *acervale 'stollo del
  pagliaio'. In II.1. sono elencati le continuazioni
45 dotte di ACERVUS, ACERVALIS e ACER-
  VARE. In II.2. le formazioni scientifiche moder-

[Bd. 1, Sp. 377]

  ne che corrispondono al fr. acervule (DEI 36),
  non registrato dal FEW e dal TLF.
  
 
  REW 79a, Faré; DEI 35 seg.; DELI 15. — Creva-
5 tin.
  
 
 coacervare, culmen
  
 
 
Artikelverweis 
acescere 'diventar acido, inacetire, inaci-
  dire'
  
 
  II.1. It. acescente agg. 'che è facile ad inacidi-
  re' (dal 1829, Tramater; Crusca 1863; TB; Acc.
  1941; B; DD).
  
 
20 Derivato: it. acescenza f. 'alterazione microbica
  dei liquidi idroalcolici compiuta dai batteri acetici
  che trasformano l'alcool in acido acetico' (ante
  1783, Targioni Tozzetti, D'AlbertiVillanuova;
  1827, DELI 15; B; DD); ~ 'tendenza ad inaci-
25 dire; inacidimento; acidità' (Tramater 1829 —
  Acc. 1941; Crusca 1863; TB).
  
 
  Prestito dal part.pres. di ACESCERE (frequen-
  tativo di ACERE 'essere ácido'), cfr. fr. acescent
30 'qui s'aigrit' (dal 1735, FEW 24,101).
  
 
  DEI 36; DELI 15; FEW 24,101. — Pfister.
  
 
 
Artikelverweis 
acetabulum 'vaso per aceto'
  
 
  II.1. It.a. acetabulo m. 'ampollina o calice
40 per aceto (o altri liquidi)' (fine del sec. XIV,
  Bibbia volg., B; sec. XIV, TrattatoMascalcie, B),
  acetabolo (ante 1729, Salvini, D'AlbertiVilla-
  nuova).
  Sign.fig.: it acetabulo m. '(term.bot.) calice del
45 fiore; coppa che reca gli organi riproduttori nei
  licheni' (1779, Targioni Tozzetti, B), acetabolo
  (VocUniv. 1845 — B 1961; TB); accettabolo m.
  'genere di pianta' Florio 1598, acetabolo Oudin
  1643.
  
 
  Derivati: it. acetabolaria f. '(term.bot.) genere di
  alghe cloroficee sifoncladali della famiglia delle
  dasicladiacee; alga verde marina a forma di
  fungo, con cappello a disco curvato verso l'alto,

[Bd. 1, Sp. 378]

  che vive fissata agli scogli' (1875, Lessona,
  DELI 15)1, acetabularia (1950, DEI 36; B 1961).
  It. acetabuloso agg. '(term.bot.) a forma d'aceta-
  bolo' VocUniv. 1845; acetabolario agg. ib.
  
 
  2.a. It. accettabolo m. 'strumento musicale a
  percussione, pipa' (1561, Citolini, Tipocosmia,
  pag.494, riga 21, Cornagliotti; Florio 1598).
  
 
10 2.b. It. accettabolo m. 'misura romana di
  capacità pari a un ottavo di staio' Florio 1598,
  acetabolo (dal VocUniv. 1845; Crusca 1863; TB;
  DD)2.
  
 
15 2.c. It. accettabolo m. 'bossolo per giocolieri'
  Florio 15983, acetabolo (ante 1729, Salvini,
  D'AlbertiVillanuova).
  
 
  2.d. It. acetabolo m. '(term. anatomico) cavità
20 articolare dell'osso iliaco nella quale è contenuta
  la testa del femore' (dal Florio 1598; Crusca
  1863; Acc. 1941; B; DD)4, acetabulo (1698,
  Redi, B).
  
 
25 2.e. It. acetabolo m. '(term.zool.) cavità respi-
  ratoria dei polipi e dei nautili' (ante 1729, Salvini,
  B; Crusca 1863; TB 1865; B 1961)5.
  
 
  2.f. It. acetabolo m. '(term.archeol.) sostanza
30 impietrita (denti fossili incavati a guisa di
  vasello)' D'AlbertiVillanuova 1797.
  Derivati: it. acetabolare f. '(term.zool.) genere di
  polipi a forma di acetabolo' VocUniv. 1845,
  acetabolaria ib.
  
 
  Prestiti dal lat. ACETABULUM nei significati
  già attestati nel latino: 'vaso, coppa' (1.), 'stru-
  mento musicale' (2.a.), 'misura: 1/4 di una
  emina; peso di 4 dramme attiche' (2.b.), 'bossolo
40 per giocoliere' (2.c.), 'cavità articolare dell'osso

[Bd. 1, Sp. 379]

  iliaco' (2.d.), 'ventosa nelle branchie dei polipi'
  (2.e.).
  
 
  DEI 36; DELI 15; FEW 24,101. — Pfister.