Wörterbuchnetz
Lessico Etimologico Italiano Bibliographische AngabenLogo adwmz
 
accubitum bis accusare (Bd. 1, Sp. 331 bis 336)
Abschnitt zurück Abschnitt vor
Artikelverweis accubitum 'divano romano da mensa'
  
 
  III. It. accùbito m. 'il giacere disteso appog-
40 giandosi sul gomito (in particolare della posizione
  che gli antichi assumevano a mensa)' (1631, Adi-
  mari; B; dal 1829, Tramater; Crusca 1863; Acc.
  1941; DD), ~ 'letto conviviale in uso nei triclini
  presso i Romani' (Tramater 1829 — Fanfani-
45 Rigutini 1893), ~ 'tappeto che copre l'accubito'
  TB 1865.
  
 
  Derivato: it. accubitale m. 'tappeto che copre
  l'accubito' (Tramater 1829; VocUniv. 1845).
  
 
  Prestito dal lat. ACCUBITUM.
  
 
  DEI 32.

[Bd. 1, Sp. 332]

 
Artikelverweis 
accumbere 'sdraiarsi'

  
 
  I.1. Martin. akkóumme v.tr. 'posare, porre
  un oggetto sopra un altro, appoggiare' Merlo-
5 NuovePostilleREW, tarant. accòmmere DeVin-
  centiis, akkómmərə (Alessio,AFLBari 2,8),
  Francavilla Fontana ccommiri Ribezzo 72, otr.
  accòmmere VDS, salent. ccummíri ib.
  Con cambio di coniugazione: nap.a. accummare
10 'piegarsi, chinarsi' (DeGiovanni num.29)1, ta-
  rant. accummá v.tr. 'appoggiare' VDS, otr.
  ccumbare ib.
  Con scambio di prefisso: salent. nkúmmere
  'appoggiare (Alessio,AFLBari 2,8). — Lecc.
15 ncummu m. 'appoggio, sostegno' VDS.
  
 
  Derivati: martin. akkúmmə m. 'appoggio,
  sedile' Grassi 71, tarant. ~ (Alessio,AFLBari
  2,8), accùmmo DeVincentiis, Cutrofiano ccumbu
20 ib. — Tarant. dare accummo 'connivente con
  autori od agenti di opere malefatte' DeVincen-
  tiis.
  Martin. akkummətúrə m. 'appoggio, sedile'
  Grassi 71, Francavilla Fontana 'ccummituru Ri-
25 bezzo 32, Manduria ~ VDS.
  
 
  III. It. accubito m. 'pesantezza (nelle pal-
  pebre)' (prima metà del sec. XIII, Pietro Ispano
  volg., B).
  
 
  ACCUMBĔRE è sconosciuto nella Romania
  ad eccezione del salent. (I.) da dove passò nel gr.
  moderno sotto la forma ἀκκουμβεῖν 'appoggiare'
  con diversi derivati. Prestito scientifico isolato
35 della lingua dei medici, formato dal part. pass.
  accubitus 'sdraiato, disteso' sotto III.
  
 
  REW 88; DEI 30; Alessio,SBN 5,374 num. 208;
  LGII 20; DeGiovanni 29.
  
 
 
Artikelverweis 
accumulare 'ammassare'
  
 
  III.1. It. accumulare v.tr. 'ammassare, am-
  mucchiare; aggiungere; accrescere; colmare' (dal
  1313 ca., Dante, B; TB; DD), accumolare (1832,
50 Leopardi, B; 1922, Pea, B); corso accumulà
  Falcucci, sic. accumulari (Traina; Piccitto). —
  It. accumulare 'risparmiare; fare riserve o prov-

[Bd. 1, Sp. 333]

  viste' (1327, CeccoAscoli, B; 1472, Alberti, B —
  1673, Segneri, B; dal 1823, Cuoco, B; TB; DD);
  Castelnuovo di Magra akumulę 'risparmiare'
  (AIS 282, p.199), nap. accomolà danaro 'am-
5 massar danaro' D'Ambra, sic. accumulari (Trai-
  na; Piccitto). — It.a. accumulare di qc. v.tr. 'col-
  mare, ammassare' (1530, Sannazaro, B).
  It. accumularsi v.rifl. 'ammassarsi, aumentare'
  (dal 1758, Cocchi, B; Acc. 1941; DD).
  
 
  Derivati: it. accumulato agg. 'ammassato, ac-
  cresciuto, unito' (dal 1342, Boccaccio, B; TB); it.
  a. accumulatamente avv. 'a cumulo, a mucchio,
  copiosamente' (1375, Boccaccio, B; TB), ~
15 'sommamente, al colmo' (1555, N.Martelli, TB);
  it. accumulatissimamente avv. 'superl. di accu-
  mulatamente' TB 1865.
  
 
  It. accumulazione di qc. f. 'l'accumulare,
20 l'ammassare' (1375, Boccaccio, B; 1492, Lo-
  renzoMedici, B; dal 1691, Crusca; TB; Acc.
  1941; B; DD), ~ 'risparmio intenso, tenace eco-
  nomia di capitali; arricchimento progressivo'
  (1540, Guicciardini, B; TB; 1863, Boccardo,
25 B; Acc. 1941), ~ 'aumento e accumulazione di
  prove' (1852, Gher.; TB), ~ 'progresso per cui i
  materiali prodotti dall'erosione vengono am-
  massati in potenti depositi' B 1961.
  
 
30 It. accumulamento m. 'l'atto di accumulare (beni
  o ricchezze); ammassamento, affastellamento'
  (dal 1686, Segneri, B; TB; Acc. 1941; DD). — It.
  accumulanza f. 'accumulamento' Oudin 1643. —
  Amaseno akkulumatúra f. 'grano o grano-
35 ne, che si accumula sulla bocca della misura
  per colmarla; aggio del grano' Vignoli. — It.
  accumulo m. 'graduale e progressivo ammassa-
  mento; arricchimento' (dal 1936, L.Viani, B;
  DD).
  
 
  It. accumulatore m. 'chi accumula, risparmia-
  tore' (1549, Baldelli, B — 1686, Segneri, B; dal
  1859, Man.; TB; Acc. 1941; B; DD); accumula-
  trice f. 'chi accumula' (dal 1845, VocUniv.; TB;
45 Crusca 1863; “raro” DD).
  
 
  It. accumulabile agg. 'che si può accumulare;
  che si può aggiungere' (dal 1865, TB; B; DD);
  abr. (Avezzano) akkumulatívə agg. 'cumula-
50 tivo' DAM.
  
 
  2. It. accumulatore m. 'apparecchio che serve ad
  ammassare energia elettrica' (dal 1892, Hope
  463; Prati 10; Acc. 1941; B; DD).

[Bd. 1, Sp. 334]

  Prestito dal lat. ACCUMULARE (III.1.), cfr.
  fr. accumuler v.tr. 'amasser et mettre ensemble'
  (dal 1350 ca., FEW 24,91b), spagn. acumular
  (dal 1546, DCEC I, 982), cat., port. ~. Il termine
5 fisicale accumulatore (III.2.) è prestito dal fr.
  accumulateur m. 'appareil servant de réservoir
  d'énergie' (dal 1876, FEW 24,92a).
  
 
  BrüchMs. 270 seg.; Prati 10; DEI 33; FEW 24,
10 91 seg.
  
 
 cumulare
  
 
 
Artikelverweis 
accurare 'curare con diligenza'
  
 
  I. It. accurare v.tr. 'curare con diligenza'
20 (1306, Jacopone, VocUniv.; prima metà del sec.
  XVII, Magazzini, B; Oudin 1643; Veneroni
  1681; TB; Acc. 1941; B).
  
 
  Derivati: it. accurato agg. 'che usa molta atten-
25 zione; assai diligente, preciso, esatto (detto di
  persona)' (dal 1566, Caro, B; TB; Acc. 1941;
  B; DD), ~ 'eseguito con molta diligenza e preci-
  sione (detto di cosa)' (dal 1550, Vasari, B; TB;
  Acc. 1941; B; DD); accurato m. 'l'essere ac-
30 curato' TB 1865. — It. accuratamente avv. 'in
  modo diligente, curato, attento' (dal 1566, Caro,
  B; Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B; DD); ac-
  curatissimo agg. 'superl. di accurato' (1580, V.
  Borghini, Crusca 1863 — Fanfani-Rigutini 1893);
35 accuratissimamente avv. 'superl. di accurata-
  mente' (1405, F.Villani, B; 1664, Redi, TB).
  It. accuratezza f. 'diligenza; esattezza, precisione'
  (dal 1597, Soderini, B; Crusca 1863; TB; Acc.
  1941; B; DD).
40 It. disaccurato agg. 'trasandato, negletto, tras-
  curato, poco attento, poco diligente' (1642,
  B.Fioretti, B; Crusca 1863; TB). — It. disaccu-
  rare v.tr. 'trascurare' Man. 1861.
  It. inaccurato agg. 'poco accurato, imperfetto'
45 (1798, Milizia, B). — It. inaccuratezza f. 'trasan-
  datezza, mancanza di cura; mancanza di scru-
  polo' (1798, Milizia, B; 1846, Gioberti, B).
  
 
  Lat. ACCURARE continua nel fr.a. acurer
50 'prendre soin de' (1200 ca., FEW 2,1559) e
  nell'it. (I.).
  
 
  BrüchMs. 271; DEI 33.

[Bd. 1, Sp. 335]

 
Artikelverweis 
accurrere 'accorrere'

  
 
  I.1. Umbr.a. accorere (ad altra penitentia)
  'andare ad altra penitenza' (1080 ca., Con-
5 fessioneUmbra, TestiItCastellani 101), it. accor-
  rere v.intr. 'correre, dirigersi verso un luogo con
  prestezza' (dal 1276, Guido Guinizelli, Monaci
  117/1,11; Crusca 1863; TB; B; DD), piem.
  acore DiSant'Albino, sic. accùrriri Traina.
10 It.a. accorrere q. v.tr. 'soccorrere, aiutare' (prima
  metà del sec. XIII, OdoColonne, B, ScuolaSic-
  Panvini — dopo il 1320, Alfani, B; CieloAlcamo,
  B, Monaci 61,98; 1566, Caro, B s.v. accogliere;
  1799, Parini, B s.v. accogliere; Crusca 1863),
15 accorere (sec. XIII, Inghilfredi, ScuolaSicPan-
  vini), acorrere (sec. XIII, ScuolaSicPanvini), ac-
  correre a q. (1694, Segneri, B)1; umbro a. accur-
  rere v.intr. (1306, Jacopone, GlossCrusca
  1867).
  
 
  It. accorri! 'aiuto' (1313 ca., Dante, B, Enc-
  Dant.; Florio 1598; Oudin 1643).
  It. gridare accorr'uomo 'chiamare soccorso'
  (prima metà del sec. XIV, Livio volg., B —
25 1618, Buonarrotti il Giovane, B; PiovArlotto-
  Folena 387; AretinoAquilecchia; ParodiSCrusca
  103; 1726, Salvini, TB)2, it.a. gridare acquo-
  ruomo (1571, CelliniBacci 322,34), gridare ac-
  cur'uomo (fine del sec. XIV, PecoroneEspo-
30 sito), it. gridare all'accorruomo (1874, Rovani,
  Acc. 1941). — It.a. accorri huomo 'invocazione
  d'aiuto, di soccorso' Florio 1598, accorr'uomo
  (1676, Dati, TB — 1922, Panzini, B; Crusca
  1863), accor' huomo (Florio 1598; Veneroni
35 1681).
  
 
  2. Derivati
  2.a. It. accorrimento m. 'l'accorrere' (Crusca
  1691 — Crusca 1863).
  
 
  2.b. Piem. acorù agg. 'corso ad un luogo;
  convenuto' DiSant'Albino. — It. (gente, paesani)
  accorso agg. 'che è accorso, concorso in un
  luogo' (1618, Buonarroti il Giovane, B; 1824,
45 Botta, B), accorsi m.pl. 'persone accorse' (1913,
  D'Annunzio, B; 1934, Palazzeschi, B). — Vena-
  fro akkurtsá v.intr. 'correre dietro q., in-
  seguirlo (del cane)' DAM. — Lanciano akkur-

[Bd. 1, Sp. 336]

  sátə agg. 'frequentato (DAM; Finamore-2),
  vast. akkurtsótə DAM.
  It. accorrente agg. 'che accorre; che si raccoglie
  in un luogo' (1685, D.Bartoli, B — 1922, Bor-
5 gese, B), accorrenti m.pl. 'gente che accorre'
  (1934, Palazzeschi, B), piem. acorent m. 'avven-
  tore' DiSant'Albino.
  
 
  Lat. ACCURRĔRE continua nel logud. ak-
10 kúrrere (DES 436), nell'engad. acuórrer, nel
  fr.a. e nell'occit.a. acorre, nel cat., spagn., port.
  acorrer e nell'it. (I.). Vengono separate for-
  mazioni dal part.pass. accorso.
  
 
15 REW 89; BrüchMs. 261; Prati 10; DEI 32;
  FEW 24,92; DeGiovanni 30.
  
 
 currere, occurrere
  
 
 
Artikelverweis 
accusare 'incolpare, denunciare'
  
 
  I.1.a. It.a. achusare v.tr. 'incolpare, denun-
  ciare come colpevole, imputare, sostenere la col-
  pevolezza' (prima metà del sec. XIII, Giac-
  Pugliese,Monaci 57/4,4), it. accusare q. di qc.
30 (dal 1280 ca., ThomasLatini 66, B; DD), it.a.
  acusare (1281, RegolaServiVergine, Monaci
  138,67; sec. XIII, ContiAntichiCavalieriDel-
  Monte), gen.a. acosar (sec. XIV, CocitoPoesie),
  venez.a. achusare (1424, SprachbuchPausch
35 183), vic.a. accuxar (1415—1450, Bortolan),
  umbr.a. adcusare (1080 ca., ConfessioneUmbra,
  TestiItCastellani 98), sic.a. acusari (metà del sec.
  XIV, RegoleBranciforti), accusari (sec. XIV,
  CusimanoPoesie; 1380 ca., LibruBruni), piem.
40 acusè (1783, PipinoRacc-2; DiSant'Albino), bol.
  acusaer Ungarelli, romagn. aćusé (Salvioni,R
  39,433)1, sarz. akuzáre Masetti, rover. accusar
  Azzolini 1836, gard. akusè Lardschneider,
  bad.sup. akusé Pizzinini, aküsé ib., minerv.
45 accusèie Campanile, sic. accusari Traina.
  It. accusare q. di qc. v.tr. 'rimproverare, biasi-
  mare' (1374, Petrarca, B; 1575, Tasso, B; dal
  1837, Leopardi, B; DD); gess. arcusá v.tr. 'ri-
  ferir male sul conto d'alcuno' Finamore-22; it.
50 accusare v.tr. 'manifestare, rivelare, denotare,
  dichiarare' (1336 ca., Boccaccio, B; dal 1606,

[Bd. 1, Sp. 337]

  B.Davanzati, B; Rezasco; DD), lucch.a. accu-
  sare una pace 'dichiarare (un accordo)' (Barga
  1500 ca., Calabresi, AGI 58,192); sic.a. acusari
  v.tr. 'confessare' (metà del sec. XIV, Regole-
5 Branciforti).
  Tod.a. adcusare qc. 'denunziare in sede giudi-
  ziaria un fatto per cui è prevista una pena pe-
  cuniaria' (1490—1536 ca., Ageno, SFI 13,218),
  lecc.a. accusare (1496—1499, D'Elia), tod. ac-
10 cusare (le pecore) 'colpire con una multa il
  bestiame per danni da esso arrecati' (Mancini,
  SFI 18).
  
 
  Locuzioni: it. accusare una lettera a q. 'dichiarare
15 di aver ricevuto una lettera' (1566, Caro, B —
  1712, Magalotti, B; Crusca 1612), rover. accusar
  na lettra Azzolini 1836, it.a. accusare della rice-
  vuta di qc. (1566, Caro, Man.), it. accusare la
  ricevuta di qc. a q. (1642, Galilei, Man., B —
20 1828, Monti, B), piem. acusè ricevuta DiSant'Al-
  bino, it. accusare ricevuta di qc. a q. (dal 1865,
  TB; B; DD).
  It.a. accusare il punto giusto 'dire la cosa com'ella
  sta' (1566, Salviati, TB; 1580, V.Borghini, TB),
25 it. accusare la ronfa giusta 'dichiarare in giochi
  di carte di avere in mano una particolare com-
  binazione di carte, come atto che dà diritto a
  un determinato punteggio' (Crusca 1612—1691),
  accusare la verzicola id. (1688, NoteMalman-
30 tile, B), accusare (tre assi) (dal 1865, TB;
  Acc. 1941; B; DD), piem. acusè ii pont 'dir le
  sue carte, il suo gioco' DiSant'Albino, sarz.
  akuzáre v.tr. 'dichiarare di avere, riferito a
  una combinazione di carte nel gioco del tressette'
35 Masetti, venez. acusar 'notare i punti della par-
  tita' Boerio, rover. accusar Azzolini 1836, bol.
  acusaer 'dichiarare il punto o una combinazione
  di carte' Ungarelli, carr. akuzár 'dichiarare
  una combinazione di carte' (Luciano,ID 37),
40 minerv. accusèie Campanile, sic. accusari 'annun-
  ziare le combinazioni previste dalle regole del
  gioco per assicurarsi il corrispondente pun-
  teggio' Piccitto.
  
 
45 It.a. acusarsi v.rifl. 'accusarsi' (1281, Regola-
  ServiVergine, Monaci 138,10); it. accusarsi di qc.
  'incolparsi, rivelare le proprie mancanze, con-
  fessarsi colpevole' (dal 1321, Dante, B; DD);
  ~ 'manifestarsi, rivelarsi, dichiararsi' (1313 ca.,
50 Dante, B; 1444, G.Morelli, TB; 1744, Vico, B;
  1939, Negri, B); it.a. accusarsi persona morta
  'darsi per morto' (1337, CinoPistoia, TB), accu-
  sarsi morto (seconda metà del sec. XIV, Ser
  Giovanni, TB).

[Bd. 1, Sp. 338]

  Infinito sostantivato: it.a. accusare m. 'il fatto di
  accusare' (1347, BartSConcordio, B); it. accu-
  sarsi di qc. m. 'il fatto di incolparsi' (1686,
  Segneri, B).
  
 
  Derivati: it. accusato m. 'colui che è sotto ac-
  cusa' (dal 1280 ca., ThomasLatini 66, B; DD);
  ~ agg. 'dichiarato (detto nel gioco delle carte)'
  (1688, NoteMalmantile, B); ~ 'manifestato,
10 rivelato' (1891, D'Annunzio, B). — It. inac-
  cusato agg. 'che non ha ricevuto accusa' TB
  1865.
  It.a. accusante m. 'colui che accusa, che muove
  una imputazione, accusatore' (sec. XIV, SCriso-
15 stomo volg., TB; 1531, ProvvisioniConsigli,
  TB; 1600, B.Davanzati, B); ~ agg. 'che accusa,
  accusatore' (prima metà del sec. XIV, Cicerone
  volg., B, dopo il 1356, Lancia, B; seconda metà
  del sec. XIV, SAgostino volg., TB).
  
 
  It. accusa f. 'dichiarazione di colpa, imputazione,
  denuncia d'una infrazione alle leggi' (dal 1280
  ca., ThomasLatini; B; DD)3, ven.a. accuxa (sec.
  XV, PellegriniS,SMLV 18,104), venez.a. achusa
25 (1424, SprachbuchPausch 183), vic.a. accuxa
  (1415, Bortolan), sic.a. accusa (sec. XIV, Van-
  geloPalumbo), Tuenno acusa Quaresima, bad.
  sup. akǘsa Pizzinini, abr. akkúsə DAM,
  pesc. akkǘsə ib., minerv. acchéuse Campanile,
30 sic. accusa (“disus.”, Piccitto).
  Proverbio: it. scusa non richiesta, accusa mani-
  festa 'chi si scusa senza esserne richiesto, si ac-
  cusa' (1584, R.Borghini, B).
  It.a. accusa f. 'confessione, denuncia dei propri
35 peccati durante il sacramento della penitenza'
  (1313 ca., Dante, B; 1319 ca., Dante, B), it.
  accuse f.pl. 'biasimi, rimproveri' (dal 1527,
  Machiavelli, B); accusa f. 'dichiarazione di una
  combinazione che ha diritto a determinati punti
40 nei giochi delle carte' B 1961, tor. ~ (sec. XVII,
  Clivio, ID 37), moden. akúza Neri, sic. accusa
  Piccitto.
  It. accuso m. 'dichiarazione d'una determinata
  combinazione di carte' B 1961, piem. akǘz Levi,
45 Tuenno acuso Quaresima, acùs ib., sarz. akúzu
  Masetti, romagn. acus 'dichiarazione del seme
  che domina, o della cricca al gioco delle carte'
  Ercolani, venez. acùso Boerio, triest. akúṣo (Vi-
  dossich,ZrP 27,749), valsug. akúzo Prati, rover.
50 accuso Azzolini 1836, lucch. ~ Nieri, carr.
  akúzə (Luciano,ID 37), elb. accuso (“ant.”,

[Bd. 1, Sp. 339]

  Diodati), corso accusu Falcucci, roman. accu-
  so ChiappiniRolandiAgg., Avezzano akkúsə
  DAM.
  
 
5 Rover. accusetta f. 'accusazioncella' Azzolini
  1836. — It. accuserella f. 'dim. e dispr. d'accusa'
  TB 1865. — It. accusaccia f. 'pegg. d'accusa' TB
  1865. — Sic. accusicedda f. 'accusazioncella'
  Traina. — Rover. accusom 'doppia, tripla o
10 quadrupla verzicola o cricca' Azzolini 1836;
  accusot m. 'cricca; verzicola di tre, o di due, o di
  assi, od una napoletana' ib., accuset ib.
  
 
  It.a. accusamento m. 'accusa, imputazione,
15 biasimo, rimprovero' (sec. XIII, Ecclesiastico
  volg., TB; 1292, Giamboni, B; 1347, BartSCon-
  cordio, B; 1593, ParodiSCrusca 105; TB 1865).
  It. accusata f. 'dichiarazione di punti al gioco
  delle carte' (VocUniv. 1845; TB 1865; B), pav.
20 acusada Gambini, moden. akuzda Neri, bol.
  acusae Ungarelli, sic. accusata Piccitto.
  
 
  It. accusatore m. 'colui che accusa, che denun-
  cia, che biasima' (dalla fine del sec. XIII, Novel-
25 lino, B; DD), vic.a. accusaore (1381, Bortolan),
  accuxadore (1415, ib.), accuxaore (1415, ib.),
  accusadore (1433—1524, ib.), minerv. accu-
  sataùre Campanile; it. pubblico accusatore
  'magistrato che sostiene la pubblica accusa
30 contro l'imputato' (dal 1865, TB; B; DD); it.
  accusatrice f. 'colei che accusa, che denuncia,
  che biasima' (dal 1364, ZanobiStrata, B; DD),
  accusatorello m. 'dispr. d'accusatore' TB 1865;
  accusatore agg. 'che accusa' (dal 1865, TB; B).
  
 
  It. accusevole agg. 'che si può accusare' (Oudin
  1643; Veneroni 1681).
  
 
  It.a. raccusare v.tr. 'accusare di nuovo' (1543,
40 Firenzuola, TB)4; roman. raccusà a q. v.intr.
  'accusare, denunciare, riportare' DelMonteSo-
  netti, reccusà ib., abr.or.adriat. (Lettomanop-
  pello) raccusá 'rimproverare, rinfacciare' DAM.
  
 
45 It. riaccusare v.tr. 'ritorcere un'accusa, rispon-
  dere con accuse alle accuse' (1604, M.Adriani,
  TB), ~ 'accusare nuovamente' (dal 1872, TB;
  DD).
  
 
50 It. coaccusato m. 'accusato insieme con altri;
  coimputato' (dal 1865, TB; B; DD), ~ agg.ib.

[Bd. 1, Sp. 340]

  It. contraccusa f. 'riposta dell'accusato che con-
  futa e ritorce le accuse dell'accusatore' (1531,
  P.F.Giambullari, B; DD).
  
 
5 b. It.a. cusare ragione di qc. 'rivendicare
  particolari diritti' (sec. XIII, Malispini, B; 1348,
  G.Villani, B).
  Sottoceneri küzá v.tr. 'accusare, denunziare'
  (Keller, RLiR 13,311), borm. kuṣár Longa,
10 berg. cüsà Tiraboschi, bresc. cuzà Melchiori,
  anaun. küzr (Battisti, SbWien 160.3, 141),
  amp. cuzá Majoni; berg. cüsà 'multare, condan-
  nare q. a pagare una certa somma di denaro per
  trasgressione' Tiraboschi; Roveredo cusaa 'di-
15 chiarare i punti nel gioco a tressette' Raveglia,
  posch. küṣá 'dichiarare i punti al gioco delle
  carte' Michael 20, Trepalle kuzér (i punt)
  Huber, mil. cusà 'dichiarare le sue carte o verzi-
  cole per ritrarne qualche vantaggio' Cherubini,
20 berg. cüsà Tiraboschi, bresc. cuzà Melchiori,
  Tuenno kuzár Quaresima, pav. küzá Anno-
  vazzi, sic. ccusari Piccitto.
  Piazz. cusè v.intr. 'manifestare le altrui colpe o
  misfatti' Roccella.
25 It.a. cusarsi v.rifl. 'accusarsi, dichiararsi' (sec.
  XIII, A.Monte, B — 1348, FrBarberino, B;
  1370, D.Velluti, TB), cusarsi persona morta
  'darsi per morto' (sec. XIII, RimeAnt., Prati
  350).
  
 
  Derivati: berg. cüsa f. 'accusa' Tiraboschi; posch.
  kǘṣa f. 'dichiarazione di una combinazione che
  ha diritto a determinati punti nei giochi delle
  carte' Michael, berg. cüsa Tiraboschi, rovign.
35 kuzá Deanović.
  Tuenno cus m. 'dichiarazione d'una deter-
  minata combinazione di carte' Quaresima, rover.
  cuso Azzolini 1836.
  Bresc. cuzáda f. 'accusa' Melchiori; sic. ccusata
40 f. 'dichiarazione di una tal combinazione di carte
  che dà diritto a certi punti' Piccitto.
  Bresc. cuzaroel m. 'rapportatore, 'delatore' Mel-
  chiori.
  Breg.a. cusentar 'accusare' (SalvioniREW,RDR
45 4 erroneamente casentar; Faré)5.
  Composto: posch. küzapét m. 'peto' Michael.
  
 
  III.1.a. It. accusazione f. 'accusa' (1294, Latini,
  B — TB 1865; “disus.” B)6, vic.a. accusatione

[Bd. 1, Sp. 341]

  (1509, Bortolan), ven.a. acusasone (sec. XIII,
  Monaci 159/8,7), sen.a. accusazione (fine del
  sec. XIV, CantariVaranini), sic.a. accusationi
  (1520, Scobar, TrapaniVocabolari,ASSic. II.8),
5 piem. acusassion f. 'dichiarazione d'una combi-
  nazione di carte che dà diritto a certi punti'
  DiSant'Albino; it. accusazioncelle f.pl. (1306,
  GiordPisa, B; 1903, Tommaseo-Rigutini).
  
 
10 b. It. accusabile agg. 'imputabile, che può o
  deve essere accusato' (dal 1845, VocUniv.; TB;
  B; DD), corso ~ Falcucci; it. accusabilissimo
  agg. 'superl. di accusabile' TB 1865; accusa-
  bilità f. 'l'essere accusabile, imputabilità, possi-
15 bilità o opportunità d'accusare' (dal 1865, TB;
  Acc. 1941; B; DD).
  
 
  c. It.a. inaccusabile agg. 'perfetto, che non
  può essere criticato' (1494, PicoMirandola, B), it.
20 ~ 'che non può essere con ragione accusato'
  (dal 1869, TB; B; DD).
  
 
  d. It. accusatorio agg. 'd'accusa, che concerne
  l'accusa, l'imputazione' (prima del 1304, Plu-
25 tarco volg., B; dal 1559, B. Cavalcanti, B;
  DD), sic.a. accusatorio (sec. XV, RegoleBranci-
  forti), it. accusatoriamente avv. 'in modo accusa-
  torio' TB 1865.
  
 
30 2. It.a. accusanza f. 'accusa, imputazione,
  biasimo, lagnanza' (1276, Guinizelli, B)7.
  
 
  Lat. ACCUSARE continua nel fr. accuser (dal
  sec. X, FEW 24,93a), nell'occit.a. acuzar, nello
35 spagn., cat., port. acusar (dal 1140 ca., DCEC 1,
  32) e nell'it. (I.). Forme con la sincrasi dell'a-ini-
  ziale, forse favorite dalla sincrasi con la vocale a
  dell'articolo femminile (l'accusa > la cusa), sono
  elencate sotto I.1.b., cfr. engad. chüsa f. 'accusa',
40 surselv. tgisa DRG 3,660. Prestiti dal lat.
  ACCUSATIO sotto III.1.a., dal lat. ACCUSA-
  BILIS sotto III.1.b., dal lat. crist. INACCUSA-
  BILIS sotto III.1.c. e dal lat. giurid. ACCUSA-
  TORIUS sotto III.1.d. L'it.a. accusanza di
45 Guinizelli (III.2.) è probabilmente prestito fr.
  
 
  Faré 89a; BrüchMs. 272—274; Prati 350; DEI
  33, 1197, 1974; DRG 3,662 (Schorta); FEW
  24,93 seg.; DeGiovanni 31.
  
 
 incusare, imputare

[Bd. 1, Sp. 342]