Wörterbuchnetz
Lessico Etimologico Italiano Bibliographische AngabenLogo adwmz
 
accrētio bis accurare (Bd. 1, Sp. 329 bis 334)
Abschnitt zurück Abschnitt vor
Artikelverweis accrētio 'aumento'
  
 
  III. It. accrezione f. 'crescita, accrescimento'
  (sec. XVII, C.Mei, B; TB 1865); ~ 'concrezione,
25 raccolta di feci (term.medic.)' (sec. XVII, DEI;
  sec. XVIII, Bicchierai, B; TB 1865); ~ 'unione
  o accessione (term.giurid.)' TB 1865.
  
 
  Prestito dal lat. ACCRETIO.
  
 
 concretio, discretio
  
 
  DEI 32.
  
 
 
Artikelverweis 
accubare 'essere accampato'
  
 
40 I.1. It. accovare v.tr. 'covare, coprire' (Florio
  1598 — Veneroni 1681), nap. ~ 'nascondere'
  (inizio del sec. XVII, CorteseMalato), Pomi-
  gliano d'Arco ~ (Salvioni,RIL II.44,762), irp.
  akková (p.724), cilent. (Castellabate) ~
45 (Rohlfs,ZrP 57), Omignano akkuvá (ib.; p.
  740), Teggiano ~ (p.731), luc.nord-occ. ak-
  kuβá (pp.726, 732); AIS 900. — Molf. akkəvá
  'prendere in protezione' (Merlo, MIL 23,267
  N 68).
50 It.a. accovare (il vino in terra) v.tr. 'abbattere
  (la vite)' (1512, TanagliaRoncaglia), cal.merid.
  (Nicótera) accuvari v.tr. 'acculattare' DTC.
  It. accovarsi v.rifl. 'accovacciarsi, ritirarsi nel
  proprio covo' (1880, Giuliani, B; 1956, Papini,

[Bd. 1, Sp. 330]

  B), metaur. acováss (Merlo, MIL 23,267 N 68),
  tosc. accovarsi 'posarsi, sedersi' FanfaniUso,
  pist. ~ (Merlo, MIL 23,267 N 68), Roccalbegna
  akkovássi 'accovacciarsi' Alberti-Eschini, cal.
5 merid. (Nicótera) accuvari v.rifl. 'accovarsi'
  DTC.
  
 
  2. Derivati
  a. Nap. accovata f. 'inchino, reverenza' (Mer-
10 lo, MIL 23,267 N 68). — Sen. accovàto agg. 'ac-
  coccolato, accovacciato' Cagliaritano, accovìto
  ib., procid. accuvèto Parascandola.
  
 
  b. in-: nap. (Pomigliano d'Arco) annaccovare
15 v.tr. 'rimpiattare, nascondere' (Salvioni,RIL II.
  44,762), Montella annakková (Marano,ID
  5,98)1; annakkuvúni 'giuoco del rimpiat-
  tino' ib.
  
 
20 c. -acciare: Mola akkuvats 'raggrumare'
  (Nitti,ID 19).
  It. accovacciarsi v.rifl. 'appiattarsi, rannicchiarsi;
  mettersi nel covo; rintanarsi' (dal 1480, Poli-
  ziano, B; Crusca 1863; Acc. 1941; B; DD), tosc.
25 ~ FanfaniUso; abr. akkuvaććársə 'accovac-
  ciarsi, appollaiarsi' DAM, teram. (Sant'Omero)
  akkufaássə 'accovacciarsi' ib.
  It. accovacciato agg. 'messo a giacere; rannic-
  chiato; che se ne sta raccolto nel proprio covo'
30 (sec. XIV, TrattatoMascalcie, B; dal 1686,
  Segneri, B; Acc. 1941; B; DD).
  
 
  d. -olare: it. accovolarsi v.rifl. 'accoccolarsi,
  accovacciarsi' (Oudin 1643; Veneroni 1681),
35 lucch. accovolarsi Nieri, sen. ~ FanfaniUso.
  It.a. accovolato agg. 'accovacciato' (1422, Fi-
  lippoAgazzari, B).
  
 
  e. -acciolare: it. accovacciolarsi v.rifl. 'ac-
40 covacciarsi; mettersi nel covo' (1470, L.Pulci,
  Crusca 1863; dal 1643, Oudin; Crusca 1863;
  TB; Acc. 1941; B), tosc. ~ FanfaniUso; it. ~
  'mettersi a letto ammalato' (sec. XIV, Pataffio,
  Crusca 1863); accovacciolato agg. 'che sta rac-
45 colto nel proprio covacciolo, nel proprio can-
  tuccio' (Crusca 1863 — B 1961; TB).
  
 
  3. Sic. accuffulàrisi v.rifl. 'accoccolarsi; acco-
  vacciarsi; rannicchiarsi; fermarsi a lungo in un
50 posto; accasciarsi per troppa stanchezza' Piccitto,
  accufulàrisi 'accoccolarsi, acquattarsi; amma-

[Bd. 1, Sp. 331]

  larsi' Piccitto, niss.-enn. (Santa Caterina Villar-
  mosa) ~ 'accoccolarsi, acquattarsi', pant. ~ ib.;
  sic.sud-or. (Vittoria) accufunàrisi v.rifl. 'accoc-
  colarsi, accovacciarsi, rannicchiarsi' Piccitto. —
5 Sic. ccufulàrisi v.rifl. 'rannicchiarsi, acquattarsi'
  Piccitto.
  Sic. accuffuluni avv. 'coccoloni, accoccolato'
  Piccitto, accufuluni ib. — Sic. accufulunàrisi v.rifl.
  'accoccolarsi; accovacciarsi' Piccitto.
10 Sic. accufularatu agg. 'accoccolato; abbattuto, av-
  vilito' Piccitto. — Sic. accufurunatu agg. 'svo-
  gliato, di cattivo umore (di chi sta avvertendo i
  sintomi di un incipiente malessere)' Piccitto.
  Raccostato all'it. accovare: sic. accuffàrisi v.rifl.
15 'accoccolarsi; accovacciarsi' Piccitto.
  
 
  Lat. ACCUBARE continua nel fr.a. acouver v.a.
  'couvrir' (FEW 24,87b), nell'it. e nei dial. tosc.
  e merid. (I.1.). I derivati sono divisi in forma-
20 zioni col prefisso in- (2.b.) e in formazioni coi
  suffissi verbali -acciare (2.c.), -olare (2.d.), -ac-
  ciolare (2.e.). Le forme sic. con -f(f)- (3.) sono
  interpretate come accostamento paretimologico
  al sic. cufulari 'focolare' (< FOCUS). La
25 spiegazione di Meyer-Lübke (REW 2351)
  di un influsso di CONFLARE non convince (cfr.
  FEW 24,88 N 2).
  
 
  REW 2351; Faré 10; DEI 32; FEW 24,87 seg.
  
 
 cubare
  
 
 
Artikelverweis 
accubitum 'divano romano da mensa'
  
 
  III. It. accùbito m. 'il giacere disteso appog-
40 giandosi sul gomito (in particolare della posizione
  che gli antichi assumevano a mensa)' (1631, Adi-
  mari; B; dal 1829, Tramater; Crusca 1863; Acc.
  1941; DD), ~ 'letto conviviale in uso nei triclini
  presso i Romani' (Tramater 1829 — Fanfani-
45 Rigutini 1893), ~ 'tappeto che copre l'accubito'
  TB 1865.
  
 
  Derivato: it. accubitale m. 'tappeto che copre
  l'accubito' (Tramater 1829; VocUniv. 1845).
  
 
  Prestito dal lat. ACCUBITUM.
  
 
  DEI 32.

[Bd. 1, Sp. 332]

 
Artikelverweis 
accumbere 'sdraiarsi'

  
 
  I.1. Martin. akkóumme v.tr. 'posare, porre
  un oggetto sopra un altro, appoggiare' Merlo-
5 NuovePostilleREW, tarant. accòmmere DeVin-
  centiis, akkómmərə (Alessio,AFLBari 2,8),
  Francavilla Fontana ccommiri Ribezzo 72, otr.
  accòmmere VDS, salent. ccummíri ib.
  Con cambio di coniugazione: nap.a. accummare
10 'piegarsi, chinarsi' (DeGiovanni num.29)1, ta-
  rant. accummá v.tr. 'appoggiare' VDS, otr.
  ccumbare ib.
  Con scambio di prefisso: salent. nkúmmere
  'appoggiare (Alessio,AFLBari 2,8). — Lecc.
15 ncummu m. 'appoggio, sostegno' VDS.
  
 
  Derivati: martin. akkúmmə m. 'appoggio,
  sedile' Grassi 71, tarant. ~ (Alessio,AFLBari
  2,8), accùmmo DeVincentiis, Cutrofiano ccumbu
20 ib. — Tarant. dare accummo 'connivente con
  autori od agenti di opere malefatte' DeVincen-
  tiis.
  Martin. akkummətúrə m. 'appoggio, sedile'
  Grassi 71, Francavilla Fontana 'ccummituru Ri-
25 bezzo 32, Manduria ~ VDS.
  
 
  III. It. accubito m. 'pesantezza (nelle pal-
  pebre)' (prima metà del sec. XIII, Pietro Ispano
  volg., B).
  
 
  ACCUMBĔRE è sconosciuto nella Romania
  ad eccezione del salent. (I.) da dove passò nel gr.
  moderno sotto la forma ἀκκουμβεῖν 'appoggiare'
  con diversi derivati. Prestito scientifico isolato
35 della lingua dei medici, formato dal part. pass.
  accubitus 'sdraiato, disteso' sotto III.
  
 
  REW 88; DEI 30; Alessio,SBN 5,374 num. 208;
  LGII 20; DeGiovanni 29.
  
 
 
Artikelverweis 
accumulare 'ammassare'
  
 
  III.1. It. accumulare v.tr. 'ammassare, am-
  mucchiare; aggiungere; accrescere; colmare' (dal
  1313 ca., Dante, B; TB; DD), accumolare (1832,
50 Leopardi, B; 1922, Pea, B); corso accumulà
  Falcucci, sic. accumulari (Traina; Piccitto). —
  It. accumulare 'risparmiare; fare riserve o prov-

[Bd. 1, Sp. 333]

  viste' (1327, CeccoAscoli, B; 1472, Alberti, B —
  1673, Segneri, B; dal 1823, Cuoco, B; TB; DD);
  Castelnuovo di Magra akumulę 'risparmiare'
  (AIS 282, p.199), nap. accomolà danaro 'am-
5 massar danaro' D'Ambra, sic. accumulari (Trai-
  na; Piccitto). — It.a. accumulare di qc. v.tr. 'col-
  mare, ammassare' (1530, Sannazaro, B).
  It. accumularsi v.rifl. 'ammassarsi, aumentare'
  (dal 1758, Cocchi, B; Acc. 1941; DD).
  
 
  Derivati: it. accumulato agg. 'ammassato, ac-
  cresciuto, unito' (dal 1342, Boccaccio, B; TB); it.
  a. accumulatamente avv. 'a cumulo, a mucchio,
  copiosamente' (1375, Boccaccio, B; TB), ~
15 'sommamente, al colmo' (1555, N.Martelli, TB);
  it. accumulatissimamente avv. 'superl. di accu-
  mulatamente' TB 1865.
  
 
  It. accumulazione di qc. f. 'l'accumulare,
20 l'ammassare' (1375, Boccaccio, B; 1492, Lo-
  renzoMedici, B; dal 1691, Crusca; TB; Acc.
  1941; B; DD), ~ 'risparmio intenso, tenace eco-
  nomia di capitali; arricchimento progressivo'
  (1540, Guicciardini, B; TB; 1863, Boccardo,
25 B; Acc. 1941), ~ 'aumento e accumulazione di
  prove' (1852, Gher.; TB), ~ 'progresso per cui i
  materiali prodotti dall'erosione vengono am-
  massati in potenti depositi' B 1961.
  
 
30 It. accumulamento m. 'l'atto di accumulare (beni
  o ricchezze); ammassamento, affastellamento'
  (dal 1686, Segneri, B; TB; Acc. 1941; DD). — It.
  accumulanza f. 'accumulamento' Oudin 1643. —
  Amaseno akkulumatúra f. 'grano o grano-
35 ne, che si accumula sulla bocca della misura
  per colmarla; aggio del grano' Vignoli. — It.
  accumulo m. 'graduale e progressivo ammassa-
  mento; arricchimento' (dal 1936, L.Viani, B;
  DD).
  
 
  It. accumulatore m. 'chi accumula, risparmia-
  tore' (1549, Baldelli, B — 1686, Segneri, B; dal
  1859, Man.; TB; Acc. 1941; B; DD); accumula-
  trice f. 'chi accumula' (dal 1845, VocUniv.; TB;
45 Crusca 1863; “raro” DD).
  
 
  It. accumulabile agg. 'che si può accumulare;
  che si può aggiungere' (dal 1865, TB; B; DD);
  abr. (Avezzano) akkumulatívə agg. 'cumula-
50 tivo' DAM.
  
 
  2. It. accumulatore m. 'apparecchio che serve ad
  ammassare energia elettrica' (dal 1892, Hope
  463; Prati 10; Acc. 1941; B; DD).

[Bd. 1, Sp. 334]

  Prestito dal lat. ACCUMULARE (III.1.), cfr.
  fr. accumuler v.tr. 'amasser et mettre ensemble'
  (dal 1350 ca., FEW 24,91b), spagn. acumular
  (dal 1546, DCEC I, 982), cat., port. ~. Il termine
5 fisicale accumulatore (III.2.) è prestito dal fr.
  accumulateur m. 'appareil servant de réservoir
  d'énergie' (dal 1876, FEW 24,92a).
  
 
  BrüchMs. 270 seg.; Prati 10; DEI 33; FEW 24,
10 91 seg.
  
 
 cumulare
  
 
 
Artikelverweis 
accurare 'curare con diligenza'
  
 
  I. It. accurare v.tr. 'curare con diligenza'
20 (1306, Jacopone, VocUniv.; prima metà del sec.
  XVII, Magazzini, B; Oudin 1643; Veneroni
  1681; TB; Acc. 1941; B).
  
 
  Derivati: it. accurato agg. 'che usa molta atten-
25 zione; assai diligente, preciso, esatto (detto di
  persona)' (dal 1566, Caro, B; TB; Acc. 1941;
  B; DD), ~ 'eseguito con molta diligenza e preci-
  sione (detto di cosa)' (dal 1550, Vasari, B; TB;
  Acc. 1941; B; DD); accurato m. 'l'essere ac-
30 curato' TB 1865. — It. accuratamente avv. 'in
  modo diligente, curato, attento' (dal 1566, Caro,
  B; Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B; DD); ac-
  curatissimo agg. 'superl. di accurato' (1580, V.
  Borghini, Crusca 1863 — Fanfani-Rigutini 1893);
35 accuratissimamente avv. 'superl. di accurata-
  mente' (1405, F.Villani, B; 1664, Redi, TB).
  It. accuratezza f. 'diligenza; esattezza, precisione'
  (dal 1597, Soderini, B; Crusca 1863; TB; Acc.
  1941; B; DD).
40 It. disaccurato agg. 'trasandato, negletto, tras-
  curato, poco attento, poco diligente' (1642,
  B.Fioretti, B; Crusca 1863; TB). — It. disaccu-
  rare v.tr. 'trascurare' Man. 1861.
  It. inaccurato agg. 'poco accurato, imperfetto'
45 (1798, Milizia, B). — It. inaccuratezza f. 'trasan-
  datezza, mancanza di cura; mancanza di scru-
  polo' (1798, Milizia, B; 1846, Gioberti, B).
  
 
  Lat. ACCURARE continua nel fr.a. acurer
50 'prendre soin de' (1200 ca., FEW 2,1559) e
  nell'it. (I.).
  
 
  BrüchMs. 271; DEI 33.

[Bd. 1, Sp. 335]