Wörterbuchnetz
Lessico Etimologico Italiano Bibliographische AngabenLogo adwmz
 
accredere bis accumbere (Bd. 1, Sp. 326 bis 332)
Abschnitt zurück Abschnitt vor
Artikelverweis accredere 'essere disposto a credere'
  
 
  I.1.a. Sic.a. acrídiri q. 'fare credito' (sec. XIV,
  VangeloPalumbo); Velletri accredere 'fidarsi'
5 (Crocioni,StR 5), pesc., chiet. akrtə 'credere'
  DAM, cal. accredi v.tr. 'comprare o vendere qc.
  a credenza' DTC, sic., niss. accridiri 'dare a cre-
  dito' Piccitto, palerm.centr. (Corleone) accrìriri
  'vendere a credito' ib.
  
 
  b. It.a. fare accredere qc. a q. v.tr. 'far cre-
  dere' (1349, BusGubbio, Man. — 1556, Della
  Casa, TB), gen.a. far acreer (sec. XIV, Anonimo-
  Cocito), piem.a. far acredere (1490, Passione-
15 RevelloCornagliotti); it.a. farsi acredere 'farsi
  credere' (1353, BoccaccioDecamConcord.).
  
 
  2. Lig. (Pigna) far inkre 'dare ad inten-
  dere cosa non vera' (Merlo,ID 17), piem. an-
20 cherde 'credere' (Levi,AATorino 63,96).
  
 
  Lat. ACCREDĔRE continua nel fr.a. acreire,
  nello spagn.a. acreer 'dar prestado' (DCEC 1,
  936), nell'engad.a. dêr ad acrair 'persuadere'
25 (Bifrun; FEW 2,1309) e nell'it. (I.). Nella lingua
  standard non è esistito che nel sintagma fare
  accredere di modo che è sentito come a credere
  (1.b). Il cambio del prefisso da a- a en- caratte-
  rizza la zona gallorom. (prov. e fr.-prov.) con
30 propaggini nella Liguria e nel Piemonte (2.).
  
 
  REW 86; BrüchMs. 266; FEW 2,1305 segg.
  
 
 credere
  
 
 
Artikelverweis 
accrescere 'crescere; accrescersi'
  
 
  I. It.a. acrescere v.tr. 'fare aumentare, ingran-
  dire; crescere, far prosperare; aggiungere' (1250,
  GiacLentini, ScuolaSicPanvini — 1302 ca., Bart-
45 SConcordio, VolgSegre 406,5; DavanzatiMeni-
  chetti; OnestoBolognaOrlando; GiamboniTrat-
  tatoSegre), it. accrescere (dalla fine del sec. XIII,
  SoffrediGrazia, B; TB; DD), gen.a. acrexer (sec.
  XIV, AnonimoCocito), berg.a. acreser (sec. XV,
50 Lorck 159), bol.a. acrescere (lo contado) (ini-
  zio del sec. XIV, PetronioCorti), fior.a. acresciere
  (lo fanciullo) 'far prosperare' (1310, TestiSchiaf-
  fini 188), sic.a. accrisiri 'accrescere' (1380 ca.,
  LibruBruni); metaur. acréscia Conti, pis. ac-

[Bd. 1, Sp. 327]

  crésce Malagoli; abr. akkrə 'levare l'olio
  dalla superficie dell'acqua con una grossa con-
  chiglia, o con una padella' DAM; andr. accrèsce
  (il giorno) 'accrescere, aumentare di durata' Co-
5 tugno, bitont. ~ Saracino, minerv. accrèssce
  'accrescere, aumentare' Campanile, cosent. ac-
  críscere DTC, regg.cal. accrísciri ib., sic. ac-
  crìsciri Traina; Città Sant'Angelo arcrèsce 'spaz-
  zare l'aia dopo che con le pale si è ammuc-
10 chiato il grano nel mezzo' Finamore-2, Sannio
  accresce l'aira 'vigliare' Nittoli.
  It.a. acrescere v.intr. 'divenir maggiore, aumen-
  tare, ingrandire' (prima metà del sec. XIII,
  Maestro Francesco, ScuolaSicPanvini; Davan-
15 zatiMenichetti), accrescere (1308, Dante, Enc-
  Dant. — 1527, Ariosto, B), acresciere (1562,
  Landucci, Gallina 128); accrescere in qc. (1370
  ca., PaoloCertaldo, B), acrescere in qc. (fine del
  sec. XV, FilGalloGrignani), ven.a. acresser (sec.
20 XIII, DistichaCatonisArnerich), nap.a. accre-
  scere in qc. (sec. XV, JacJennaroCorti), sic.a.
  acrixiri (a la scriptura) (sec. XIV, Vangelo-
  Palumbo).
  It.a. acrescersi v.rifl. 'divenire maggiore, aumen-
25 tare, ingrandirsi' (1272, Re Enzo,ScuolaSicPan-
  vini, B1; sec. XIII, ib.; fine del sec. XIII, Matteo-
  LibriVincenti), it. accrescersi (dal 1308, Dante,
  B; DD), bol.a. acrescerse (seconda metà del sec.
  XIII, Paolo Zoppo, Monaci 84/1,36), lomb.a.
30 acrescerse (parlando di giorni) 'divenir più lunghi'
  (sec. XIII, ProvNatFem., Monaci 68,52).
  Infinitivo sostantivato: it.a. acrescer di q. m. 'in-
  grandimento' (sec. XIV, FrBarberinoSansone).
  
 
35 2. Derivati: it.a. acrescimento m. 'aumento,
  ingrandimento, incremento, prosperità' (dopo
  il 1257, Bonagiunta, B; sec. XIV, FrBarberino-
  Sansone)2, it. accrescimento (dalla seconda metà
  del sec. XIII, Tesoro volg., B; EncDant.; TB;
40 DD), it.a. acrescemento (dopo il 1243, Faba,
  Monaci 34/4,6; fine del sec. XIII, MatteoLibri-
  Vincenti), acresimento (1255, Ricordi dome-
  stici, Monaci 71,1; fine del sec. XIII, Matteo-
  LibriVincenti), acresemento (fine del sec. XIII,
45 MatteoLibriVincenti), acrescimento (d'avere)

[Bd. 1, Sp. 328]

  (1335, Edler), piem.a. acressament (sec. XV,
  RecomendacionesSaluzzo, DocumentiGasca 1),
  sic.a. acriximentu (sec. XIV, SenisioMarinoni),
  sic. accriscimentu Traina. — It. accrescimento m.
5 'amplificazione (termine di retorica)' (1566,
  Caro, TB; 1707, B.Averani, TB); ~ 'alluvione'
  TB 1865; ~ 'modalità per la quale, quando un
  erede non possa per qualunque ragione par-
  tecipare all'eredità, la sua parte va ad accrescere
10 quella dei coeredi' (1963, Codice civile, B).
  It.a. acrescenza f. 'accrescimento, aumento'
  (dopo il 1257, Bonagiunta, B).
  
 
  It. accrescitore m. 'chi accresce' (1292, Giam-
15 boni, CruscaGiunteTor. 1843 — 1584, A.Graz-
  zini, Crusca 1863; 1907, Carducci, B; 1924,
  D'Annunzio, B; Acc. 1941), accrescitrice f. 'chi
  accresce' (1332, AlbPiagentina, TB; 1336 ca.,
  Boccaccio, B; 1729, Salvini, B — Crusca 1863). —
20 Gess. accrescetora f. 'granata di ginestra per
  spazzare l'aia, la stalla' Finamore-13, Sannio ac-
  crescetòra 'granata' Nittoli.
  
 
  It. accrescente agg. 'che accresce' (prima me-
25 tà del sec. XIV, Cicerone volg., B; 1646,
  Buonarroti il Giovane, B — 1758, Cocchi, B;
  Crusca 1863; TB), it.a. ~ 'crescente' (fine del
  sec. XIV, Bibbia volg., TB; prima metà del sec.
  XIV, GuidoColonne volg., TB). — Cal. accriscen-
30 tari 'ammucchiare il grano' DTC.
  It.a. (amore) acresciuto agg. 'allargato; cresciuto'
  (prima metà del sec. XIII, Maestro Francesco,
  ScuolaSicPanvini), it. accresciuto 'cresciuto, alle-
  vato' (prima metà del sec. XIV, Ugurgieri, B —
35 1831, Colletta, B; Crusca 1863; TB), sic.a.
  acrixutu (sec. XIV, SenisioMarinoni), acrixuta-
  menti avv. ib.; it. accresciuto agg. 'ampliato'
  (1580, V.Borghini, TB; 1729, Salvini, Crusca
  1863).
40 It.a. accrescitivo agg. 'che dà incremento, che
  accresce' (1308, Dante, B; sec. XIV, Libro-
  CuraMalattie, Man.), it. (particella, forma) ac-
  crescitiva 'che conferisce a una parola una
  significazione accessoria di grandezza' (dal
45 1684, Redi, B; DD); accrescitivo m. 'desinenza
  che accresce il significato della parola; la parola
  stessa dotata di tale desinenza' (dal 1725,
  Salvini, B; TB; DD). — It. accrescitivamente avv.
  'con progressivo accrescimento; esageratamente'
50 (1757, A.Gori, Man.; Crusca 1863, TB).

[Bd. 1, Sp. 329]

  Con prefisso rafforzativo: lucch. racrescere v.tr.
  'accrescere' (Salvioni,AGI 16,428). — It.a. rac-
  crescimento m. 'il raccrescere, la cosa raccres-
  ciuta' (1348, G.Villani, TB); raccresciuto agg.
5 'cresciuto nuovamente' (1363, M.Villani, Crusca
  1612).
  
 
  Il lat. ACCRESCĔRE continua nel fr. accroître
  FEW II, 1327), occit.a. acreiser, cat. acréixer,
10 spagn. acrecer, port. acrescer e nell'it. (I.).
  
 
  REW 87, Faré; BrüchMs. 267 seg.; Prati 10;
  DEI 32; DeGiovanni 27.
  
 
15crescere
  
 
 
Artikelverweis 
accrētio 'aumento'
  
 
  III. It. accrezione f. 'crescita, accrescimento'
  (sec. XVII, C.Mei, B; TB 1865); ~ 'concrezione,
25 raccolta di feci (term.medic.)' (sec. XVII, DEI;
  sec. XVIII, Bicchierai, B; TB 1865); ~ 'unione
  o accessione (term.giurid.)' TB 1865.
  
 
  Prestito dal lat. ACCRETIO.
  
 
 concretio, discretio
  
 
  DEI 32.
  
 
 
Artikelverweis 
accubare 'essere accampato'
  
 
40 I.1. It. accovare v.tr. 'covare, coprire' (Florio
  1598 — Veneroni 1681), nap. ~ 'nascondere'
  (inizio del sec. XVII, CorteseMalato), Pomi-
  gliano d'Arco ~ (Salvioni,RIL II.44,762), irp.
  akková (p.724), cilent. (Castellabate) ~
45 (Rohlfs,ZrP 57), Omignano akkuvá (ib.; p.
  740), Teggiano ~ (p.731), luc.nord-occ. ak-
  kuβá (pp.726, 732); AIS 900. — Molf. akkəvá
  'prendere in protezione' (Merlo, MIL 23,267
  N 68).
50 It.a. accovare (il vino in terra) v.tr. 'abbattere
  (la vite)' (1512, TanagliaRoncaglia), cal.merid.
  (Nicótera) accuvari v.tr. 'acculattare' DTC.
  It. accovarsi v.rifl. 'accovacciarsi, ritirarsi nel
  proprio covo' (1880, Giuliani, B; 1956, Papini,

[Bd. 1, Sp. 330]

  B), metaur. acováss (Merlo, MIL 23,267 N 68),
  tosc. accovarsi 'posarsi, sedersi' FanfaniUso,
  pist. ~ (Merlo, MIL 23,267 N 68), Roccalbegna
  akkovássi 'accovacciarsi' Alberti-Eschini, cal.
5 merid. (Nicótera) accuvari v.rifl. 'accovarsi'
  DTC.
  
 
  2. Derivati
  a. Nap. accovata f. 'inchino, reverenza' (Mer-
10 lo, MIL 23,267 N 68). — Sen. accovàto agg. 'ac-
  coccolato, accovacciato' Cagliaritano, accovìto
  ib., procid. accuvèto Parascandola.
  
 
  b. in-: nap. (Pomigliano d'Arco) annaccovare
15 v.tr. 'rimpiattare, nascondere' (Salvioni,RIL II.
  44,762), Montella annakková (Marano,ID
  5,98)1; annakkuvúni 'giuoco del rimpiat-
  tino' ib.
  
 
20 c. -acciare: Mola akkuvats 'raggrumare'
  (Nitti,ID 19).
  It. accovacciarsi v.rifl. 'appiattarsi, rannicchiarsi;
  mettersi nel covo; rintanarsi' (dal 1480, Poli-
  ziano, B; Crusca 1863; Acc. 1941; B; DD), tosc.
25 ~ FanfaniUso; abr. akkuvaććársə 'accovac-
  ciarsi, appollaiarsi' DAM, teram. (Sant'Omero)
  akkufaássə 'accovacciarsi' ib.
  It. accovacciato agg. 'messo a giacere; rannic-
  chiato; che se ne sta raccolto nel proprio covo'
30 (sec. XIV, TrattatoMascalcie, B; dal 1686,
  Segneri, B; Acc. 1941; B; DD).
  
 
  d. -olare: it. accovolarsi v.rifl. 'accoccolarsi,
  accovacciarsi' (Oudin 1643; Veneroni 1681),
35 lucch. accovolarsi Nieri, sen. ~ FanfaniUso.
  It.a. accovolato agg. 'accovacciato' (1422, Fi-
  lippoAgazzari, B).
  
 
  e. -acciolare: it. accovacciolarsi v.rifl. 'ac-
40 covacciarsi; mettersi nel covo' (1470, L.Pulci,
  Crusca 1863; dal 1643, Oudin; Crusca 1863;
  TB; Acc. 1941; B), tosc. ~ FanfaniUso; it. ~
  'mettersi a letto ammalato' (sec. XIV, Pataffio,
  Crusca 1863); accovacciolato agg. 'che sta rac-
45 colto nel proprio covacciolo, nel proprio can-
  tuccio' (Crusca 1863 — B 1961; TB).
  
 
  3. Sic. accuffulàrisi v.rifl. 'accoccolarsi; acco-
  vacciarsi; rannicchiarsi; fermarsi a lungo in un
50 posto; accasciarsi per troppa stanchezza' Piccitto,
  accufulàrisi 'accoccolarsi, acquattarsi; amma-

[Bd. 1, Sp. 331]

  larsi' Piccitto, niss.-enn. (Santa Caterina Villar-
  mosa) ~ 'accoccolarsi, acquattarsi', pant. ~ ib.;
  sic.sud-or. (Vittoria) accufunàrisi v.rifl. 'accoc-
  colarsi, accovacciarsi, rannicchiarsi' Piccitto. —
5 Sic. ccufulàrisi v.rifl. 'rannicchiarsi, acquattarsi'
  Piccitto.
  Sic. accuffuluni avv. 'coccoloni, accoccolato'
  Piccitto, accufuluni ib. — Sic. accufulunàrisi v.rifl.
  'accoccolarsi; accovacciarsi' Piccitto.
10 Sic. accufularatu agg. 'accoccolato; abbattuto, av-
  vilito' Piccitto. — Sic. accufurunatu agg. 'svo-
  gliato, di cattivo umore (di chi sta avvertendo i
  sintomi di un incipiente malessere)' Piccitto.
  Raccostato all'it. accovare: sic. accuffàrisi v.rifl.
15 'accoccolarsi; accovacciarsi' Piccitto.
  
 
  Lat. ACCUBARE continua nel fr.a. acouver v.a.
  'couvrir' (FEW 24,87b), nell'it. e nei dial. tosc.
  e merid. (I.1.). I derivati sono divisi in forma-
20 zioni col prefisso in- (2.b.) e in formazioni coi
  suffissi verbali -acciare (2.c.), -olare (2.d.), -ac-
  ciolare (2.e.). Le forme sic. con -f(f)- (3.) sono
  interpretate come accostamento paretimologico
  al sic. cufulari 'focolare' (< FOCUS). La
25 spiegazione di Meyer-Lübke (REW 2351)
  di un influsso di CONFLARE non convince (cfr.
  FEW 24,88 N 2).
  
 
  REW 2351; Faré 10; DEI 32; FEW 24,87 seg.
  
 
 cubare
  
 
 
Artikelverweis 
accubitum 'divano romano da mensa'
  
 
  III. It. accùbito m. 'il giacere disteso appog-
40 giandosi sul gomito (in particolare della posizione
  che gli antichi assumevano a mensa)' (1631, Adi-
  mari; B; dal 1829, Tramater; Crusca 1863; Acc.
  1941; DD), ~ 'letto conviviale in uso nei triclini
  presso i Romani' (Tramater 1829 — Fanfani-
45 Rigutini 1893), ~ 'tappeto che copre l'accubito'
  TB 1865.
  
 
  Derivato: it. accubitale m. 'tappeto che copre
  l'accubito' (Tramater 1829; VocUniv. 1845).
  
 
  Prestito dal lat. ACCUBITUM.
  
 
  DEI 32.

[Bd. 1, Sp. 332]

 
Artikelverweis 
accumbere 'sdraiarsi'

  
 
  I.1. Martin. akkóumme v.tr. 'posare, porre
  un oggetto sopra un altro, appoggiare' Merlo-
5 NuovePostilleREW, tarant. accòmmere DeVin-
  centiis, akkómmərə (Alessio,AFLBari 2,8),
  Francavilla Fontana ccommiri Ribezzo 72, otr.
  accòmmere VDS, salent. ccummíri ib.
  Con cambio di coniugazione: nap.a. accummare
10 'piegarsi, chinarsi' (DeGiovanni num.29)1, ta-
  rant. accummá v.tr. 'appoggiare' VDS, otr.
  ccumbare ib.
  Con scambio di prefisso: salent. nkúmmere
  'appoggiare (Alessio,AFLBari 2,8). — Lecc.
15 ncummu m. 'appoggio, sostegno' VDS.
  
 
  Derivati: martin. akkúmmə m. 'appoggio,
  sedile' Grassi 71, tarant. ~ (Alessio,AFLBari
  2,8), accùmmo DeVincentiis, Cutrofiano ccumbu
20 ib. — Tarant. dare accummo 'connivente con
  autori od agenti di opere malefatte' DeVincen-
  tiis.
  Martin. akkummətúrə m. 'appoggio, sedile'
  Grassi 71, Francavilla Fontana 'ccummituru Ri-
25 bezzo 32, Manduria ~ VDS.
  
 
  III. It. accubito m. 'pesantezza (nelle pal-
  pebre)' (prima metà del sec. XIII, Pietro Ispano
  volg., B).
  
 
  ACCUMBĔRE è sconosciuto nella Romania
  ad eccezione del salent. (I.) da dove passò nel gr.
  moderno sotto la forma ἀκκουμβεῖν 'appoggiare'
  con diversi derivati. Prestito scientifico isolato
35 della lingua dei medici, formato dal part. pass.
  accubitus 'sdraiato, disteso' sotto III.
  
 
  REW 88; DEI 30; Alessio,SBN 5,374 num. 208;
  LGII 20; DeGiovanni 29.