Wörterbuchnetz
Lessico Etimologico Italiano Bibliographische AngabenLogo adwmz
 
accordium bis accubare (Bd. 1, Sp. 319 bis 329)
Abschnitt zurück Abschnitt vor
Artikelverweis accordium 'accordo'
  
 
  II.1. It.a. accordio m. 'accordo' (1294, Guitt-
45 Arezzo, Monaci 76/15,28; fine del sec. XIV, Bib-
  bia volg., GlossCrusca 1867; 1494, BoiardoMen-
  galdo), lig.a. ~ (Parodi,AGI 15,43)1, breg.a.
  acordio (VDSI 1,25), lunig.a. ~ (Maccarrone-
  Faye,AGI 18), vic.a. ~ (1535, Bortolan), lucch.
50 a. ~ (sec. XV, Nieri), pis.a. ~ (sec. XV, Mala-
  goli), sic.a. acordiu (1380 ca., LibruBruni), piem.

[Bd. 1, Sp. 320]

  acordi (DiSant'Albino; Levi), valses. accòrdiu
  Tonetti, ukkórdyu (Spoerri,RIL II.51,409),
  Tuenno acordi Quaresima, vogher. acòrdi Mara-
  gliano, parm. acordi Malaspina, sarz. akrdyu
5 Masetti, lucch. accordio Nieri, pis. ~ Malagoli,
  nap. ~ (inizio del sec. XVII, CorteseMalato;
  D'Ambra), sic. accòrdiu (Traina; Piccitto).
  Piem.a. d'acordi loc.avv. 'd'accordo' (1490,
  PassioneRevelloCornagliotti), lunig.a. d'acordio
10 (MaccarroneFaye, AGI 18,509), Monaco d'a-
  krdi Arveiller 36, Pigna d'akórdyu (Mer-
  lo,ID 17), gen. d'accordio Casaccia, piem. d'ac-
  còrdi GelindoRenier, d'acordi DiSant'Albino,
  valses. d'accordiu Tonetti, tic. d'akrdi
15 (VDSI 1,25), Tuenno dacordi Quaresima, parm.
  d'accòrdi PeschieriApp., Novellara dakrdi
  (Malagoli,AGI 17,101), carr. d'akrdi (Lu-
  ciano,ID 37); lucch.a. essere d'accordio 'met-
  tersi in accordo' (sec. XV, Nieri), valses. essi
20 d'accordiu Tonetti, Tuenno esser d'acordi
  Quaresima.
  Roveredo naa d'acòrdi 'andare d'accordo'
  (VDSI 1,26), Tuenno nar d'acordi Quaresima,
  vogher. andà d'acòrdi Maragliano, parm. andàr
25 d'accòrdi in qc. PeschieriApp., sarz. ndár d'a-
  krdyu 'vivere in concordia (detto specialmente
  di coniugi e parenti)' Masetti, carr. nḍar d'a-
  krdi (Luciano,ID 37).
  
 
30 Derivati e composti: it.a. acordia f. 'accordo'
  (sec. XIII, ContiAntichiCavalieri, TB, Monaci
  155,229), Pirano cordia 'accordo per qualche
  comune impresa' Rosamani. — It. accordioso
  agg. 'pronto all'accordo' (Man. 1859; TB 1865).
35 Monaco en dezakrdi 'non d'accordo, in
  contrasto' Arveiller 36; vogher. disacòrdi m.
  'disaccordo, discordia' Maragliano.
  Ven. accordi-proprio 'scritture amichevole per
  sopire contese, registrate nell'Ufficio dei Giudici
40 del Proprio' Cecchetti.
  
 
  *ACCORDIUM è un derivato da *ACCOR-
  DARE, attestato nel lat.mediev. che continua
45 nell'occit.a. acordi (FEW 24,87a; VR 18,236)
  e principalmente nell'it sett. Il derivato acordia
  risente di concordia e rinforza la connessione con
  CONCORDIA e CONCORDARE. La forma
  CONCORDIUM, variante di CONCORDIA, è
50 attestata (Papirius, digesta 23,4,27; Ulpianus,
  digesta 24,1,3, BrüchMs. 258) e suggerisce
  l'esistenza di *ACCORDIUM nel lat. tardo, for-
  mazione col suffisso -ium degli astratti verbali
  (Leumann-Hofmann 209). Alla fine del Me-
55 dioevo accordio di tradizione dotta fu sostituito

[Bd. 1, Sp. 321]

  da accordo con motivazione morfologica più
  immediata (deverb. di *ACCORDARE).
  
 
  REW 71 b; BrüchMs. 258 seg.; Prati 10; DEI
5 31; Salvioni,RIL II.43,609 seg.; VDSI 1,25 seg.
  (Sganzini).
  
 
 
Artikelverweis 
accorrigere 'correggere, dirigere'
  
 
  I.1. It.a. accorgere v.tr. 'scorgere' (prima metà
  del sec. XIV, Bencivenni, TB; fine del sec. XIV,
  Bibbia volg., ib.), vic.a. acorzere (1464—1560,
15 Bortolan), accorzere (1560, ib.), sic.a. acorgiri
  (1380 ca., LibruBruni).
  
 
  It.a. acorgersi v.rifl. 'avvedersi, scorgere, discer-
  nere, venire a sapere' (sec. XIII, CompagnPrato,
20 ScuolaSicPanvini; 1292, GiamboniLibroSegre
  28,26), it. accorgersi di qc. (dal sec. XIII,
  GuidoColonne, ScuolaSicPanvini; EncDant.;
  Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B; DD), ast.a.
  accorze v.rifl. (sec. XVI, AlioneBottasso), ven.a.
25 acorgerse (1321, SantoStadyMonteverdi,StR 20),
  Ormea akṓlzese Schädel, gen. accòrzise di
  qc. Casaccia, piem. acôrs'se DiSant'Albino,
  acôrgesse Gavuzzi, acôrgisse ib., Tuenno arcòr-
  gerse Quaresima, arcòrzerse ib., mirand. ac-
30 còrzras Meschieri, sarz. akrdzerse Masetti,
  venez. acorzerse Boerio, vic. acorserse Pajello,
  Vittòrio Veneto acòrzerse Zanette, feltr. akór-
  derse Migliorini-Pellegrini, mugl. akówrdzerse
  DoriaMs., carr. akrdzẹrsẹ (Luciano,ID 37),
35 corso sett. accôrgesi Falcucci, Velletri ak-
  kórese (Crocioni, StR 5), roman. accòrgese
  ChiappiniRolandiAgg., accorgerse ib., ac-
  corgésse ib., Introdacqua akkrǵəse DAM,
  Amaseno akkriyəsə Vignoli, sic. accòrgirisi
40 Traina, sic.messin. accurgìrisi (ib.; Piccitto); sic.
  ~ 'prevedere, intuire, mostrarsi riconoscente'
  Piccitto.
  Infinito sostantivato: it.a. accorgere m. 'l'avve-
  dersi; comprensione, intuito' (1319 ca., Dante,
45 B; EncDant.; 1374, Petrarca, B; 1600, B.Davan-
  zati, B), trevig.a. acorger (inizio del sec. XIV,
  Pellegrini, StudiVen. 341).
  
 
  2.a. Derivati: it.a. accorgimento (del levante
50 del sole) m. 'notizia, cognizione' (1292, Giam-
  boni, B), acorgimento 'prontezza d'intuito, capa-
  cità di avvedersi, di comprendere; discernimento,
  prudenza' (1306, GiordPisaDelcorno), it. accor-
  gimento (dal 1313 ca., Dante, B; CruscaGiunte-

[Bd. 1, Sp. 322]

  Tor. 1843; Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B; DD),
  venez. acorzimento Boerio, rover. accorgiment
  Azzolini, carr. akurdzimnt (Luciano,ID 37),
  minerv. accurgemìende Campanile, sic. ac-
5 curgimentu Traina.
  It.a. accorgevole agg. 'atto ad accorgersi; dis-
  cernibile, che si scorge facilmente' (prima metà
  del sec. XIV, GuidoColonne volg., GlossCrusca
  1867).
  
 
  con prefissi: it.a. racorgersi v.rifl. 'riconoscere
  l'errore, ravvedersi del fallo' (sec. XIII, Davan-
  zatiMenichetti), racchorgersi (1262 ca., Latini,
  ParodiDante, BSD 3, 154), raccorgersi (prima
15 del 1300, RustFilippo, ParodiDante,BSD 3,154
  — sec. XIV, Ottimo, TB; EncDant.).
  
 
  Borm. nakrǵes v.rifl. 'accorgersi' Longa, Tuenno
  nascòrgerse Quaresima, vic. inacorserse Pajello,
20 poles. inacòrzarse Mazzucchi, feltr. inakórderse
  Migliorini-Pellegrini, Pieris di Monfalcone ina-
  krzarse Rosamani, triest., istr., Zara inakr-
  dzerse ib., rovign. inakwržase ib., inakuór-
  zase Deanović, Fiume inacòrierse Rosamani,
25 valsug. nacòrdrese Prati, nascòrdrese ib., rover.
  nascorzerse Azzolini 18361.
  
 
  con cambio di prefisso
  per-: trevig.a. percorger v.intr. 'accorgere' (pri-
30 ma metà del sec. XIV, Pellegrini,SMLV 5; fine
  del sec. XIII, CanzoneAuliver, Monaci 166,49)2,
  lomb.a. percorçerse 'accorgersi' (sec. XV, Bia-
  dene,StFR 7).
  
 
35 in-: Cavergno ninkr 'accorgersi' Salvioni-
  Merlo, Sottoceneri (Pugerna) niŋkúrǵas (Kel-
  ler,RLiR 10)3, berg. incórzes Tiraboschi, pav.
  inkrzαs (Galli-Meriggi,VR 13), poles. incr-
  zarse Mazzucchi, ven. incórzerse (SalvioniREW,
40 RDR 4), Pirano inkrdzerse Rosamani, amp.
  s'incòrze Majoni. — Berg. rincórzes 'accorgersi'
  Tiraboschi, rincórses Carminati-Viaggi.
  Con cambio di coniugazione: berg. incorzìs 'ac-
  corgersi' Tiraboschi, bresc. encorzìs Melchiori;
45 berg. rincorzìs 'accorgersi' Tiraboschi, Gandino
  rincorgìs ib.

[Bd. 1, Sp. 323]

  Con aferesi del prefisso4: it. corgersi di qc. 'ac-
  corgersi' (1348, FrBarberinoSansone), Leven-
  tina corjass FransciniFaré, mil. corsges Maggi-
  Isella, grad. krdzese Rosamani, pol. krzerse
5 ib., perug. còrgese Catanelli, Servigliano ccòr-
  ghjese (Camilli,AR 13), nap. córzersi (inizio del
  sec. XVIII, CorteseMalato s.v. córzero), lecc.
  (Squinzano) ccòrgere VDS.
  Con cambio di coniugazione: berg. corzìs v.rifl.
10 'accorgersi' Tiraboschi.
  
 
  2.b. accorto
  It. accorto agg. 'attento, avveduto, prudente;
  assennato, discreto, esperto; scaltro, astuto'
15 (dal 1294, GuittArezzo, TB; sec. XIII, Maestro
  Torrigiano, ScuolaSicPanvini; Crusca 1863; Acc.
  1941; B; DD), lomb.a. acorto (sec. XIII, Barse-
  gapèKeller), ven.a. acort sec. XVI, MorelPel-
  legrini, StVen.), venez.a. achorto (1424, Sprach-
20 buchPausch 189, 198), acorto ib., sen.a. accorto
  (fine del sec. XIV, CantariVaranini), acorto ib.,
  piem. acôrt DiSant'Albino, berg. acòrt Tira-
  boschi, rover. accort Azzolini 1836, gard.
  akrt Lardschneider, bad.sup. akórt Pizzinini,
25 carr. akrt (Luciano,ID 37), Introdacqua ak-
  kẃortə DAM, ~ 'che ha riguardi per uno' ib.,
  cal. accorto 'scaltro' Cristo, sic. accortu 'accorto'
  Traina, ~ 'scaltro' Piccitto, palerm. centr. (Par-
  tinico) accortu 'economo' ib.; it.a. accorto di
30 qc. 'avvertito, informato; che è a conoscenza'
  (1292, GiamboniLibroSegre 51,23 — 1327, Cec-
  coAscoli, B; EncDant.); it. accorto agg. 'pronto,
  disponibile, rapido, sollecito' (sec. XIII, Scuola-
  SicPanvini — 1590, Baldi, TB; DavanzatiMeni-
35 chetti; EncDant.; FrBarberinoSansone; Tana-
  gliaRoncaglia; 1810, Monti, Crusca 1863).
  
 
  Locuzioni avverbiali: it.a. essere acorto di
  (+ inf.) 'badare, stare a cuore' (prima metà del
40 sec. XIII, JacAquino, ScuolaSicPanvini), essere
  accorto a (+ inf.) 'essere attento, badare, fare at-
  tenzione' (1374, Petrarca, B), stare accorto (ante
  1276, PanuccioBagnoAgeno — 1374, Petrarca,
  B), ~ per (+ inf.) (1483, Pulci, B), piem. stè acort
45 DiSant'Albino, camp.sett. star akkwrto (AIS
  1346, p.713), tar akkrtə (AIS 1143, p.712),
  nap. tar akkrt (AIS 1143, p.721), cal.sett.
  star akkórtə (AIS 1346, pp.752, 750), salent.
  merid. star akkrto (AIS 1346, p.748), star
50 kkrtu (AIS 1346, p.749), cal.centr. star
  akkrtu (AIS 1143, p.765).

[Bd. 1, Sp. 324]

  It. fare accorto q. 'avvertire, informare, rendere
  cosciente' (1313 ca., Dante, TB — 1374, Pe-
  trarca, B; 1555, P.F.Giambullari, TB — Crusca
  1863; TB; Acc. 1941; B).
  
 
  Derivati: it. accorto avv. 'rapidamente, sollecita-
  mente' (1912, Pascoli, B).
  It. accortissimo agg. 'superl. di accorto' (dal
  1353, Boccaccio, B; Crusca 1863; TB; B; DD),
10 it. accortissimamente avv. 'superl. di accorta-
  mente' (1547, Bembo, B s.v. accortamente;
  1566, Caro, Crusca 1726; Crusca 1863; TB).
  It. accortamente avv. 'abilmente, in modo ac-
  corto, avveduto; astutamente, con malizia' (dal
15 1353, Boccaccio, B; Crusca 1863; TB; Acc.
  1941; B; DD), ~ 'di proposito, studiatamente'
  (dopo il 1320, Alfani, Crusca 1863; 1694,
  Segneri, ib.), fr.-it. acortemant (1343, Massart-
  NicVerona,MélDelbouille), acortement (1368
20 ca., PeiskerGuerraAttila).
  
 
  It. accortezza f. 'avvedutezza, perspicacia, astuzia,
  abilità, prudenza' (dal 1347, BartSConcordio,
  B; Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B; DD), piem.
25 acortéssa DiSant'Albino, corso accurtezza Fal-
  cucci, reat. (Leonessa) akọrttsa 'attenzione
  premurosa, cura per una persona' (AIS 709 cp.,
  p.615), Introdacqua akkurtttsə DAM, abr.
  ~ Bielli, nap. accurtezza 'accortezza, accorgi-
30 mento' Andreoli, regg.cal. accurtizza DTC, sic.
  ragus. ~ Piccitto, 'diligenza, accuratezza' ib.
  Nap. accurtènza f. 'accortezza, premura' Alta-
  mura.
  
 
35 Con prefissi: it. inaccorto agg. 'malaccorto, in-
  cauto, sconsiderato' (1527, Machiavelli, Crusca
  1899 — Crusca 1899; TB; “forma lett. e rara”
  B); inaccorto m. 'incauto' (1907, Carducci, B).
  It. disaccorto agg. 'non avveduto, imprudente;
40 poco scaltro, poco abile' (1883, De Sanctis, B;
  1930, Beltramelli, B).
  
 
  Con aferesi del prefisso: tosc.a. ccòrto agg.
  'accorto' (fine del sec. XIII, TestiSchiaffini 171,
45 11), lecc. ccórtu 'scaltro' (Morosi,AGI 4,134;
  VDS). — Perug. stè còrto de (+ inf.) 'badare,
  stare attento' Catanelli, Ripalimosani star
  kkrtə Minadeo. — Ven.a. cortura f. 'custodia,
  sorveglianza' (sec. XVI, SalvioniEgloga,AGI 16,
50 297). — Lecc. ccurtezza f. 'accortezza' VDS.
  
 
  Composti: it. male accorto agg. 'poco accorto,
  sconsiderato; imprudente' (sec. XIV, Eneide
  volg., TB s.v. accorto), malaccorto (dal 1532,

[Bd. 1, Sp. 325]

  Ariosto, B; TB; Crusca 1905; B; DD), maleac-
  corto Florio 1598, piem. malacort DiSant'Al-
  bino; it. malaccorto m. 'privo di accortezza e di
  senno' (1573, Tasso, B — 1928, Sbarbaro, B;
5 Crusca 1905), maleaccorto (1834, Guerrazzi, B);
  it.a. ~ agg. 'inesperto, inetto; impacciato, goffo'
  (1488, Da Mosto, B), it. malaccorto (dal 1758,
  Manni, B; Crusca 1905; DD); ~ 'inconsulto,
  maldestro, avventato (detto di azione imprudente
10 o sconsiderata)' (1735, Muratori, B — 1913, Graf,
  B; Crusca 1905); (lavoro) malaccorto 'mal
  riuscito, imperfetto, scadente' (1907, Carducci,
  B); (denti) malaccorti agg. 'non idonei all'uso,
  inadatti' (1944, Marinetti, B).
15 It. malaccortamente avv. 'imprudentemente, in
  modo poco opportuno' (dalla seconda metà del
  sec. XVI, P.Segni, B; TB; Crusca 1905; B;
  DD). — It. malaccortezza f. 'mancanza di avve-
  dutezza; imprevidenza, sconsideratezza' (1950,
20 Pavese, B).
  
 
  ACCORRIGĔRE è un derivato di CORRI-
  GĔRE, tipico dell'it. (I.). Mediante il prefisso
  AD- il significato 'correggere, dirigere' viene raf-
25 forzato in 'scortare, guardare' > 'badare, accor-
  gersi di qc.'. Una evoluzione semantica paral-
  lela valida per l'Iberoromania e l'Italia pre-
  senta l'altro derivato di CORRIGERE, il
  verbo EXCORRIGERE, con i verbi spagn.a.
30 escurrir e l'it. scorgere e scortare. La tappa
  intermedia supposta da Diez, Meyer-Lübke
  e von Wartburg ACCORRIGERE 'correg-
  gere un errore; abbandonare un'opinione
  falsa considerando i fatti' > 'scorgere' non con-
35 vince (Maurer, RJb 8,32; BrüchMs.261). Il part.
  pass. accorto con tutta la sua famiglia (I.2.b.)
  viene separato dagli altri derivati di accorgere
  (I.2.a.). Tra i derivati mediante prefissi il tipo
 inaccorgersi⸣ è caratteristico per una zona che
40 corrisponde all'influsso venez. che include il
  Veneto, il Friuli, l'Istria e raggiunge perfino
  l'Engadina: engad. s'inacordscher 'accorgersi'. Le
  forme fr. mediev. (FEW 24,87) accort, accorte-
  ment, accortesse e malaccort sono prestiti dall'it.
45 Lo stesso vale per il croato akortu 'astuto' (sec.
  XVI, Hyrkkänen num. 20).
  
 
  REW 85; Faré; BrüchMs. 260 seg.; Prati 10;
  DEI 31 seg.; FEW 24,87; Maurer,RJb 8,32 seg.;
50 DeGiovanni 53.
  
 
 corrigere, excorrigere

[Bd. 1, Sp. 326]

 
Artikelverweis 
accredere 'essere disposto a credere'

  
 
  I.1.a. Sic.a. acrídiri q. 'fare credito' (sec. XIV,
  VangeloPalumbo); Velletri accredere 'fidarsi'
5 (Crocioni,StR 5), pesc., chiet. akrtə 'credere'
  DAM, cal. accredi v.tr. 'comprare o vendere qc.
  a credenza' DTC, sic., niss. accridiri 'dare a cre-
  dito' Piccitto, palerm.centr. (Corleone) accrìriri
  'vendere a credito' ib.
  
 
  b. It.a. fare accredere qc. a q. v.tr. 'far cre-
  dere' (1349, BusGubbio, Man. — 1556, Della
  Casa, TB), gen.a. far acreer (sec. XIV, Anonimo-
  Cocito), piem.a. far acredere (1490, Passione-
15 RevelloCornagliotti); it.a. farsi acredere 'farsi
  credere' (1353, BoccaccioDecamConcord.).
  
 
  2. Lig. (Pigna) far inkre 'dare ad inten-
  dere cosa non vera' (Merlo,ID 17), piem. an-
20 cherde 'credere' (Levi,AATorino 63,96).
  
 
  Lat. ACCREDĔRE continua nel fr.a. acreire,
  nello spagn.a. acreer 'dar prestado' (DCEC 1,
  936), nell'engad.a. dêr ad acrair 'persuadere'
25 (Bifrun; FEW 2,1309) e nell'it. (I.). Nella lingua
  standard non è esistito che nel sintagma fare
  accredere di modo che è sentito come a credere
  (1.b). Il cambio del prefisso da a- a en- caratte-
  rizza la zona gallorom. (prov. e fr.-prov.) con
30 propaggini nella Liguria e nel Piemonte (2.).
  
 
  REW 86; BrüchMs. 266; FEW 2,1305 segg.
  
 
 credere
  
 
 
Artikelverweis 
accrescere 'crescere; accrescersi'
  
 
  I. It.a. acrescere v.tr. 'fare aumentare, ingran-
  dire; crescere, far prosperare; aggiungere' (1250,
  GiacLentini, ScuolaSicPanvini — 1302 ca., Bart-
45 SConcordio, VolgSegre 406,5; DavanzatiMeni-
  chetti; OnestoBolognaOrlando; GiamboniTrat-
  tatoSegre), it. accrescere (dalla fine del sec. XIII,
  SoffrediGrazia, B; TB; DD), gen.a. acrexer (sec.
  XIV, AnonimoCocito), berg.a. acreser (sec. XV,
50 Lorck 159), bol.a. acrescere (lo contado) (ini-
  zio del sec. XIV, PetronioCorti), fior.a. acresciere
  (lo fanciullo) 'far prosperare' (1310, TestiSchiaf-
  fini 188), sic.a. accrisiri 'accrescere' (1380 ca.,
  LibruBruni); metaur. acréscia Conti, pis. ac-

[Bd. 1, Sp. 327]

  crésce Malagoli; abr. akkrə 'levare l'olio
  dalla superficie dell'acqua con una grossa con-
  chiglia, o con una padella' DAM; andr. accrèsce
  (il giorno) 'accrescere, aumentare di durata' Co-
5 tugno, bitont. ~ Saracino, minerv. accrèssce
  'accrescere, aumentare' Campanile, cosent. ac-
  críscere DTC, regg.cal. accrísciri ib., sic. ac-
  crìsciri Traina; Città Sant'Angelo arcrèsce 'spaz-
  zare l'aia dopo che con le pale si è ammuc-
10 chiato il grano nel mezzo' Finamore-2, Sannio
  accresce l'aira 'vigliare' Nittoli.
  It.a. acrescere v.intr. 'divenir maggiore, aumen-
  tare, ingrandire' (prima metà del sec. XIII,
  Maestro Francesco, ScuolaSicPanvini; Davan-
15 zatiMenichetti), accrescere (1308, Dante, Enc-
  Dant. — 1527, Ariosto, B), acresciere (1562,
  Landucci, Gallina 128); accrescere in qc. (1370
  ca., PaoloCertaldo, B), acrescere in qc. (fine del
  sec. XV, FilGalloGrignani), ven.a. acresser (sec.
20 XIII, DistichaCatonisArnerich), nap.a. accre-
  scere in qc. (sec. XV, JacJennaroCorti), sic.a.
  acrixiri (a la scriptura) (sec. XIV, Vangelo-
  Palumbo).
  It.a. acrescersi v.rifl. 'divenire maggiore, aumen-
25 tare, ingrandirsi' (1272, Re Enzo,ScuolaSicPan-
  vini, B1; sec. XIII, ib.; fine del sec. XIII, Matteo-
  LibriVincenti), it. accrescersi (dal 1308, Dante,
  B; DD), bol.a. acrescerse (seconda metà del sec.
  XIII, Paolo Zoppo, Monaci 84/1,36), lomb.a.
30 acrescerse (parlando di giorni) 'divenir più lunghi'
  (sec. XIII, ProvNatFem., Monaci 68,52).
  Infinitivo sostantivato: it.a. acrescer di q. m. 'in-
  grandimento' (sec. XIV, FrBarberinoSansone).
  
 
35 2. Derivati: it.a. acrescimento m. 'aumento,
  ingrandimento, incremento, prosperità' (dopo
  il 1257, Bonagiunta, B; sec. XIV, FrBarberino-
  Sansone)2, it. accrescimento (dalla seconda metà
  del sec. XIII, Tesoro volg., B; EncDant.; TB;
40 DD), it.a. acrescemento (dopo il 1243, Faba,
  Monaci 34/4,6; fine del sec. XIII, MatteoLibri-
  Vincenti), acresimento (1255, Ricordi dome-
  stici, Monaci 71,1; fine del sec. XIII, Matteo-
  LibriVincenti), acresemento (fine del sec. XIII,
45 MatteoLibriVincenti), acrescimento (d'avere)

[Bd. 1, Sp. 328]

  (1335, Edler), piem.a. acressament (sec. XV,
  RecomendacionesSaluzzo, DocumentiGasca 1),
  sic.a. acriximentu (sec. XIV, SenisioMarinoni),
  sic. accriscimentu Traina. — It. accrescimento m.
5 'amplificazione (termine di retorica)' (1566,
  Caro, TB; 1707, B.Averani, TB); ~ 'alluvione'
  TB 1865; ~ 'modalità per la quale, quando un
  erede non possa per qualunque ragione par-
  tecipare all'eredità, la sua parte va ad accrescere
10 quella dei coeredi' (1963, Codice civile, B).
  It.a. acrescenza f. 'accrescimento, aumento'
  (dopo il 1257, Bonagiunta, B).
  
 
  It. accrescitore m. 'chi accresce' (1292, Giam-
15 boni, CruscaGiunteTor. 1843 — 1584, A.Graz-
  zini, Crusca 1863; 1907, Carducci, B; 1924,
  D'Annunzio, B; Acc. 1941), accrescitrice f. 'chi
  accresce' (1332, AlbPiagentina, TB; 1336 ca.,
  Boccaccio, B; 1729, Salvini, B — Crusca 1863). —
20 Gess. accrescetora f. 'granata di ginestra per
  spazzare l'aia, la stalla' Finamore-13, Sannio ac-
  crescetòra 'granata' Nittoli.
  
 
  It. accrescente agg. 'che accresce' (prima me-
25 tà del sec. XIV, Cicerone volg., B; 1646,
  Buonarroti il Giovane, B — 1758, Cocchi, B;
  Crusca 1863; TB), it.a. ~ 'crescente' (fine del
  sec. XIV, Bibbia volg., TB; prima metà del sec.
  XIV, GuidoColonne volg., TB). — Cal. accriscen-
30 tari 'ammucchiare il grano' DTC.
  It.a. (amore) acresciuto agg. 'allargato; cresciuto'
  (prima metà del sec. XIII, Maestro Francesco,
  ScuolaSicPanvini), it. accresciuto 'cresciuto, alle-
  vato' (prima metà del sec. XIV, Ugurgieri, B —
35 1831, Colletta, B; Crusca 1863; TB), sic.a.
  acrixutu (sec. XIV, SenisioMarinoni), acrixuta-
  menti avv. ib.; it. accresciuto agg. 'ampliato'
  (1580, V.Borghini, TB; 1729, Salvini, Crusca
  1863).
40 It.a. accrescitivo agg. 'che dà incremento, che
  accresce' (1308, Dante, B; sec. XIV, Libro-
  CuraMalattie, Man.), it. (particella, forma) ac-
  crescitiva 'che conferisce a una parola una
  significazione accessoria di grandezza' (dal
45 1684, Redi, B; DD); accrescitivo m. 'desinenza
  che accresce il significato della parola; la parola
  stessa dotata di tale desinenza' (dal 1725,
  Salvini, B; TB; DD). — It. accrescitivamente avv.
  'con progressivo accrescimento; esageratamente'
50 (1757, A.Gori, Man.; Crusca 1863, TB).

[Bd. 1, Sp. 329]

  Con prefisso rafforzativo: lucch. racrescere v.tr.
  'accrescere' (Salvioni,AGI 16,428). — It.a. rac-
  crescimento m. 'il raccrescere, la cosa raccres-
  ciuta' (1348, G.Villani, TB); raccresciuto agg.
5 'cresciuto nuovamente' (1363, M.Villani, Crusca
  1612).
  
 
  Il lat. ACCRESCĔRE continua nel fr. accroître
  FEW II, 1327), occit.a. acreiser, cat. acréixer,
10 spagn. acrecer, port. acrescer e nell'it. (I.).
  
 
  REW 87, Faré; BrüchMs. 267 seg.; Prati 10;
  DEI 32; DeGiovanni 27.
  
 
15crescere
  
 
 
Artikelverweis 
accrētio 'aumento'
  
 
  III. It. accrezione f. 'crescita, accrescimento'
  (sec. XVII, C.Mei, B; TB 1865); ~ 'concrezione,
25 raccolta di feci (term.medic.)' (sec. XVII, DEI;
  sec. XVIII, Bicchierai, B; TB 1865); ~ 'unione
  o accessione (term.giurid.)' TB 1865.
  
 
  Prestito dal lat. ACCRETIO.
  
 
 concretio, discretio
  
 
  DEI 32.
  
 
 
Artikelverweis 
accubare 'essere accampato'
  
 
40 I.1. It. accovare v.tr. 'covare, coprire' (Florio
  1598 — Veneroni 1681), nap. ~ 'nascondere'
  (inizio del sec. XVII, CorteseMalato), Pomi-
  gliano d'Arco ~ (Salvioni,RIL II.44,762), irp.
  akková (p.724), cilent. (Castellabate) ~
45 (Rohlfs,ZrP 57), Omignano akkuvá (ib.; p.
  740), Teggiano ~ (p.731), luc.nord-occ. ak-
  kuβá (pp.726, 732); AIS 900. — Molf. akkəvá
  'prendere in protezione' (Merlo, MIL 23,267
  N 68).
50 It.a. accovare (il vino in terra) v.tr. 'abbattere
  (la vite)' (1512, TanagliaRoncaglia), cal.merid.
  (Nicótera) accuvari v.tr. 'acculattare' DTC.
  It. accovarsi v.rifl. 'accovacciarsi, ritirarsi nel
  proprio covo' (1880, Giuliani, B; 1956, Papini,

[Bd. 1, Sp. 330]

  B), metaur. acováss (Merlo, MIL 23,267 N 68),
  tosc. accovarsi 'posarsi, sedersi' FanfaniUso,
  pist. ~ (Merlo, MIL 23,267 N 68), Roccalbegna
  akkovássi 'accovacciarsi' Alberti-Eschini, cal.
5 merid. (Nicótera) accuvari v.rifl. 'accovarsi'
  DTC.
  
 
  2. Derivati
  a. Nap. accovata f. 'inchino, reverenza' (Mer-
10 lo, MIL 23,267 N 68). — Sen. accovàto agg. 'ac-
  coccolato, accovacciato' Cagliaritano, accovìto
  ib., procid. accuvèto Parascandola.
  
 
  b. in-: nap. (Pomigliano d'Arco) annaccovare
15 v.tr. 'rimpiattare, nascondere' (Salvioni,RIL II.
  44,762), Montella annakková (Marano,ID
  5,98)1; annakkuvúni 'giuoco del rimpiat-
  tino' ib.
  
 
20 c. -acciare: Mola akkuvats 'raggrumare'
  (Nitti,ID 19).
  It. accovacciarsi v.rifl. 'appiattarsi, rannicchiarsi;
  mettersi nel covo; rintanarsi' (dal 1480, Poli-
  ziano, B; Crusca 1863; Acc. 1941; B; DD), tosc.
25 ~ FanfaniUso; abr. akkuvaććársə 'accovac-
  ciarsi, appollaiarsi' DAM, teram. (Sant'Omero)
  akkufaássə 'accovacciarsi' ib.
  It. accovacciato agg. 'messo a giacere; rannic-
  chiato; che se ne sta raccolto nel proprio covo'
30 (sec. XIV, TrattatoMascalcie, B; dal 1686,
  Segneri, B; Acc. 1941; B; DD).
  
 
  d. -olare: it. accovolarsi v.rifl. 'accoccolarsi,
  accovacciarsi' (Oudin 1643; Veneroni 1681),
35 lucch. accovolarsi Nieri, sen. ~ FanfaniUso.
  It.a. accovolato agg. 'accovacciato' (1422, Fi-
  lippoAgazzari, B).
  
 
  e. -acciolare: it. accovacciolarsi v.rifl. 'ac-
40 covacciarsi; mettersi nel covo' (1470, L.Pulci,
  Crusca 1863; dal 1643, Oudin; Crusca 1863;
  TB; Acc. 1941; B), tosc. ~ FanfaniUso; it. ~
  'mettersi a letto ammalato' (sec. XIV, Pataffio,
  Crusca 1863); accovacciolato agg. 'che sta rac-
45 colto nel proprio covacciolo, nel proprio can-
  tuccio' (Crusca 1863 — B 1961; TB).
  
 
  3. Sic. accuffulàrisi v.rifl. 'accoccolarsi; acco-
  vacciarsi; rannicchiarsi; fermarsi a lungo in un
50 posto; accasciarsi per troppa stanchezza' Piccitto,
  accufulàrisi 'accoccolarsi, acquattarsi; amma-

[Bd. 1, Sp. 331]

  larsi' Piccitto, niss.-enn. (Santa Caterina Villar-
  mosa) ~ 'accoccolarsi, acquattarsi', pant. ~ ib.;
  sic.sud-or. (Vittoria) accufunàrisi v.rifl. 'accoc-
  colarsi, accovacciarsi, rannicchiarsi' Piccitto. —
5 Sic. ccufulàrisi v.rifl. 'rannicchiarsi, acquattarsi'
  Piccitto.
  Sic. accuffuluni avv. 'coccoloni, accoccolato'
  Piccitto, accufuluni ib. — Sic. accufulunàrisi v.rifl.
  'accoccolarsi; accovacciarsi' Piccitto.
10 Sic. accufularatu agg. 'accoccolato; abbattuto, av-
  vilito' Piccitto. — Sic. accufurunatu agg. 'svo-
  gliato, di cattivo umore (di chi sta avvertendo i
  sintomi di un incipiente malessere)' Piccitto.
  Raccostato all'it. accovare: sic. accuffàrisi v.rifl.
15 'accoccolarsi; accovacciarsi' Piccitto.
  
 
  Lat. ACCUBARE continua nel fr.a. acouver v.a.
  'couvrir' (FEW 24,87b), nell'it. e nei dial. tosc.
  e merid. (I.1.). I derivati sono divisi in forma-
20 zioni col prefisso in- (2.b.) e in formazioni coi
  suffissi verbali -acciare (2.c.), -olare (2.d.), -ac-
  ciolare (2.e.). Le forme sic. con -f(f)- (3.) sono
  interpretate come accostamento paretimologico
  al sic. cufulari 'focolare' (< FOCUS). La
25 spiegazione di Meyer-Lübke (REW 2351)
  di un influsso di CONFLARE non convince (cfr.
  FEW 24,88 N 2).
  
 
  REW 2351; Faré 10; DEI 32; FEW 24,87 seg.
  
 
 cubare