Wörterbuchnetz
Lessico Etimologico Italiano Bibliographische AngabenLogo adwmz
 
accommodatio bis accorrigere (Bd. 1, Sp. 309 bis 321)
Abschnitt zurück Abschnitt vor
Artikelverweis accommodatio 'adattamento'
  
 
  II. It. accommodazione f. 'adattamento, accon-
  discenza' (1559, B.Cavalcanti, TB, GlossCrusca
  1867; Chambers 1748; B), vic.a. accomodation
20 (1590, Bortolan); it. accomodazione 'prestanza,
  deposito' (1646, Buonarroti il Giovane, TB);
  ~ 'condiscendenza dimostrata da Dio verso
  l'uomo con l'incarnazione' (1852, Gher., B).
  
 
25 III. It. accomodazione f. 'accomodamento
  (term. ottico)' (dal 1941, Acc.; B; D; DEI 30);
  disaccomodazione 'rilasciamento del cristallino
  (term.ottico)' B 1966.
  
 
30 Prestito dal lat. ACCOMMODATIO, cfr. fr.
  accomodation f. 'action d'accommoder à qch.,
  de conformer' (1566 — Ac 1932, FEW 24,82b).
  Il term. ottico (III.) dal fr. accomodation de l'œil
  (dal 1863, FEW 24,82b).
  
 
  BrüchMs. 244; DEI 30; FEW 24,81 seg.
  
 
  LEI accommodare, LEI accommodativus, LEI accommo-
  dus, commodus
  
 
 
Artikelverweis 
accommodativus 'adattabile, accomo-
  dante'
  
 
  III. It. accomodativo agg. 'adattabile, accomo-
  dante, che si adatta facilmente, arrendevole'
  (1543, Firenzuola, Man.; seconda metà del sec.
  XVI, P.F.Cambi, B; Crusca 1863; TB; 1938,
50 D'Annunzio, B; Acc. 1941).
  
 
  Prestito dal lat. ACCOMMODATIVUS, ter-
  mine grammaticale che ricorre nelle Institutiones
  grammaticae di Prisciano, pubblicate negli anni

[Bd. 1, Sp. 310]

  1470 e 1472 a Venezia e per questa ragione
  conosciute nell'ambiente umanistico all'inizio
  del Cinquecento.
  
 
5 LEI accommodare, LEI accommodatio, LEI accommo-
  dus, commodus
  
 
 
Artikelverweis 
accommodus 'conveniente'
  
 
  III. It. accomodo a qc. agg. 'adatto, convenien-
  te, opportuno' (prima metà del sec. XIV, Ugur-
  gieri, B; 1597, G.Soderini, GlossCrusca 1867;
15 1918, D'Annunzio, B); it.a. accomodamente avv.
  'acconciamente' (1520, Ariosto, TB).
  
 
  Prestito dal lat. ACCOMMODUS.
  
 
20 LEI accommodare, LEI accommodatio, LEI accommoda-
  tivus, commodus
  
 
 
Artikelverweis 
accordare 'concordare'
  
 
  I.1.a. It. accordare qc. con qc. v.tr. 'met-
  tere in armonia, concordare, far corrispondere'
  (1294, Latini, B, Monaci 97/2,52; 1483, Pulci,
30 B — 1642, Galilei, TB), it.a. acordare q. a. qc.
  (sec. XIII, ContiAntichiCavalieriDelMonte), ac-
  cordare qc. a qc. (dalla fine del sec. XIII, Giam-
  boni, B; DavanzatiMenichetti; EncDant.; Crusca
  1863; TB; Acc. 1941; B; DD), accordare qc. in
35 qc. (fine del sec. XIII, OnestoBolognaOrlando),
  acordare 'concedere, permettere, consentire'
  (sec. XIII, ScuolaSicPanvini XLIV, 22,10), ac-
  cordare (dal 1313 ca., Angiolieri, B; Crusca
  1863; TB; Acc. 1941; B; DD), sic.a. acordari
40 (1380 ca., LibruBruni), piem. acordè DiSant'Al-
  bino, tor. accordé (sec. XVII, Clivio, ID 37),
  vogher. acurdà Maragliano, parm. acordar Mala-
  spina, venez. ~ Boerio, rover. accordar Azzolini,
  minerv. accurdèie Campanile.
45 It. accordare q./qc. v.tr. 'mettere d'accordo,
  conciliare, pacificare; appianare le differenze'
  (dal 1342, Boccaccio, TB; Crusca 1863; Acc.
  1941; B; DD), piem. acordè DiSant'Albino,
  venez. acordar Boerio, abr. accurdá 'consolare
50 con concessioni i bambini quando piangono'
  DAM, Matera accordà 'rabbonire, acquiescere,
  acquietare' Rivelli, otrant. accurdá VDS, sic.
  accurdari 'metter d'accordo, conciliare, dirimere
  una questione' Piccitto.

[Bd. 1, Sp. 311]

  It.a. accordare v.tr. 'venire a patti, far conven-
  zioni, contrarre accordi' (1342, Cavalca, TB;
  1563, Nardi, Crusca 1863—1566, De' Nerli,
  Crusca 1863), vast.a. ~ (1503, Anelli), lecc.a.
5 ~ (1499 ca., D'Elia 75,1), gen. accordâ q. 'allo-
  gare alcuno a servizio' Olivieri, com. acordà
  Monti, cordà ib., vogher. acurdà Maragliano,
  parm. acordar Malaspina, parm. ~ 'noleggiare
  (cavalli)' Malaspina, faent. acurdê 'allogare
10 alcuno a servizio' Morri, corso accurdà Falcucci;
  it. accordare (lo scotto, l'oste, lo speziale) 'pa-
  gare, soddisfare' (1388, A.Pucci, Brambilla, LN
  37,10 — 1584, A.Grazzini, VocUniv.), sic.
  accurdari Piccitto.
15 Proverbi: it.a. accordare col fornaio 'vivere bene;
  non aver bisogno di pane; non essere in stato di
  necessità' Florio 1598; it. chi ha accordato l'oste
  può andare a dormire 'chi con qualche premio
  o dono ha soddisfatto quella persona che
20 potrebbe recare impaccio ai suoi disegni, può
  stare con l'animo quieto' (Tramater 1829 —
  Crusca 1863; 1853, Prov.tosc., TB).
  It.a. accordare v.tr. 'persuadere ad accordarsi'
  (1556, Alamanni, TB); vast.a. accordare q.
25 'subornare, indurre q. con promesse o donativi
  a testimoniare il falso' (inizio del sec. XVI,
  DAM).
  It. accordare (il prezzo) v.tr. 'stabilire, fissare,
  pattuire, contrattare' (1512, Vespucci, Zaccaria
30 39 — 1837, Botta, Crusca 1863), rover. accordar
  Azzolini.
  It. accordare qc. con qc. 'far concordare le parole
  tra loro secondo le regole grammaticali' (1400
  ca., Sacchetti, B; 1655, D.Bartoli, TB; DD).
35 Venez.a. acordare ensenbre v.intr. 'conciliarsi,
  mettersi d'accordo' (1299, TestiStussi 16,8), it.a.
  accordare a. q. 'consentire, condiscendere'
  (1363, M.Villani, Crusca 1863), sic. accurdari
  Piccitto, it. accordare 'essere in armonia, fare
40 consonanza' (1565, Varchi, TB — Crusca
  1863).
  
 
  It. accordarsi v.rifl. 'mettersi d'accordo, essere
  d'accordo, intendersi; venire a patti, contrarre
45 accordi' (dal sec. XIII, ContiAntichiCavalieri,
  Monaci 155,34, TB; OnestoBolognaOrlando;
  Jacopone,Monaci 160/2,25; EncDant.; Crusca
  1863; Acc. 1941; B; DD), it.a. acordarsi (sec.
  XIII, ContiAntichiCavalieriDelMonte), pad.a.
50 acordare v.rifl. (fine del sec. XIV, BibbiaFolena),
  ven.a. achordarse (a. qc.) (1487, VidossichTri-
  stano,StR 4), sen.a. achordarsi (1260, Lettera
  sen., Monaci 74, 122), sic.a. accordari v.rifl. (sec.
  XIV, PoesieCusimano), acordarisi (1380 ca.,

[Bd. 1, Sp. 312]

  LibruBruni), acordarse (sec. XV, EustochiaCata-
  lano), piem. acordesse DiSant'Albino, mil. ac-
  cordàss MaggiIsella, parm. acordares Malaspina,
  romagn. acurdês Ercolani, venez. acordarse
5 Boerio, bad.sup. s'akord Pizzinini, abr. ac-
  curdarse DAM, sic. accurdari v.rifl. Piccitto. —
  It. accordarsi v.rifl. 'essere in armonia, corrispon-
  dere, essere conforme' (dal sec. XIII, Seneca
  volg., B; EncDant.; Crusca 1863; TB; Acc.
10 1941; B; DD), acordarse (fine del sec. XIII,
  MatteoLibriVincenti), sic.a. accurdari (sec.
  XIV, VangeloPalumbo), mil. accordàss Maggi-
  Isella; it.a. accordarsi di (+ inf.) 'consentire'
  (prima del 1292, GiamboniTrattatoSegre),
15 venez.a. acordare (+ inf.) v.rifl. (1307, Testi-
  Stussi 43,4); it. accordarsi a q. 'consentire, con-
  discendere, aderire' (1353, Boccaccio, B —
  Crusca 1863; TB; B).
  It. accordarsi 'concordarsi secondo le regole
20 grammaticali' (dal 1641, Buommattei, B; TB).
  
 
  Derivati: it. accordato agg. 'messo d'accordo,
  concordato, pattuito' (inizio del sec. XIV, Lenzi,
  Crusca 1863 — fine del sec. XIV, Fioretti, B;
25 dal 1606, B.Davanzati, B; Crusca 1863; TB;
  Acc. 1941; B), sen.a. acordato (di qc.) (fine del
  sec. XIV, CantariVaranini), sic.a. accordatu
  (sec. XV, PoesieCusimano), piem. acordà Di-
  Sant'Albino, vogher. acurdà 'vincolato a prestar
30 servizio' Maragliano. — It. accordato m. 'patto,
  accordo, intesa' (1601, Ammirato, B — Crusca
  1863; Acc. 1941). — It.a. accordato agg. 'pagato,
  soddisfatto' (1550, Vasari, B; 1584, Grazzini,
  B); it. ~ 'concesso, permesso' (1712, Magalotti,
35 B — Crusca 1863; Acc. 1941), piem. acordà
  DiSant'Albino. — Locuzione: it. accordato che
  'concesso che' TB 1865.
  It. accordato '(termine gramm.) che accorda in
  genere e numero' (1641, Buommattei, B —
40 Crusca 1863).
  It. accordatamente avv. 'd'accordo, d'intesa, se-
  condo i patti' (sec. XIII, Malispini, B; Crusca
  1612 — Crusca 1863; TB; Acc. 1941), ~ 'in ar-
  monia, concordemente' (1685, D.Bartoli, B;
45 Crusca 1863; TB; B). — It. accordatissimo agg.
  'superl. di accordato' TB 1865.
  
 
  It. accordante agg. 'concordante; conforme'
  (seconda metà del sec. XIII, Tesoro volg., B —
50 1400 ca., Sacchetti, AgenoVerbo 179; 1604,
  M.Adriani, B — B 1961; Crusca 1863; TB).
  
 
  It. accordamento m. 'accordo, consenso' (sec.
  XIII, DavanzatiMenichetti; dalla seconda metà

[Bd. 1, Sp. 313]

  del sec. XVI, P.F.Cambi, TB — B 1961; Crusca
  1863; TB), piem.a. acordement (sec. XII,
  SermoniSubalpConcord.), nap. accordamiento
  D'Ambra; fr.-it. par acordement de 'con deci-
5 sione concorde' (1300 ca., MartinCanalLimen-
  tani); it.a. far acordamento 'armonizzarsi' (se-
  conda metà del sec. XIII, MaestroRinuccino,
  DavanzatiMenichetti), essere d'un accordamento
  'essere d'accordo, consentire' (1310 ca.,
10 Fiore, B).
  Tosc. accordellato m. 'trattato e pratiche, più
  che altro segrete, di negozio da concludere'
  (< -ellare, FanfaniUso)1, montal. ~ 'combric-
  cola, accordo di persone' Nerucci; tosc. accor-
15 dellinata 'accordo, patto' FanfaniUso.
  Abr.or.adriat. (Alanno) akkurdarllə m. 'ac-
  cordo, concordia, fra due persone che hanno
  litigato' DAM.
  
 
20 It. accordatore m. 'chi mette d'accordo, con-
  ciliatore' (1406, Buti, B; Crusca 1691 — B 1961;
  Crusca 1863; TB), piem. acordator DiSant'Al-
  bino; it. accordatore agg. B 1961.
  
 
25 It. accordevole agg. 'che si può accordare; con-
  veniente, accordabile; remissivo' (1292, Giam-
  boni, B; Florio 1598 — Crusca 1863; TB; 1952,
  Comisso, B); accordevolmente avv. 'convenien-
  temente; armonicamente; in armonia' (sec. XIV,
30 TrattatoVirtù, B; 1574, Minturno, TB).
  It. accordabile agg. 'che si può accordare; con-
  ciliabile' (dal 1854, Pellico, B; Crusca 1863;
  TB; Acc. 1941; B; DD), venez. acordabile Boe-
  rio, sic. accurdabbili Traina; it. accordabile 'che
35 si può concedere' (VocUniv. 1845; TB 1865). —
  It. accordabilissimo agg. 'superl. di accordabile'
  (dal 1865, TB; B). — It. accordabilmente avv.
  (TB 1865; Acc. 1941).
  
 
40 Con prefissi: r(e): it. raccordare v.tr. 'pacificare,
  accordare, riconciliare' (1340 ca., Palladio volg.,
  TB), ~ 'accordare nuovamente; collegare, unire
  per mezzo di un raccordo' Florio 1598. —
  Grosset.a. racordarsi v.rifl. 'mettersi d'accordo'
45 (1219, BreveMontieri, Monaci 30,17), raccor-
  darsi (ib. 30,22), Ripalimosani rrękwərdá-
  rəzə 'accordarsi di nuovo' Minadeo.
  It. riaccordarsi v.rifl. 'accordarsi di nuovo' TB
  1872.
50 Derivati: it. raccordatrice f. 'colei che raccorda'
  (sec. XIV, Ovidio volg., Man.). — It. raccordo m.

[Bd. 1, Sp. 314]

  'arco di cerchio che collega due rettifili; gomito
  in una tubatura' (dal sec. XIX, DEI 3191; DD).
  
 
  dis-: it.a. disaccordante agg. 'discordante, in-
5 conciliabile, contrastante' (prima metà del sec.
  XIV, StoriaBarlaamGiosafatte, B). — It. disac-
  cordo m. 'mancanza di accordo; disparere, dis-
  senso profondo' (dal 1685, D.Bartoli, B; DD),
  ~ 'stonatura, disarmonia, sproporzione' (dal
10 1755, Maffei, B). — It. disaccordarsi v.rifl.
  'provocare discordia, inimicare; non essere in
  armonia' (TB 1869 — B 1966). — It. disaccor-
  danza f. 'disaccordo' TB 1869.
  
 
15 in-: it. inaccordabile agg. 'inconciliabile'
  (Oudin 1643 — Crusca 1729; B; Crusca 1899),
  sic. inaccurdabbili Traina, it. inaccordabile 'che
  non può essere accordato, che non si può con-
  cedere' (1683, Siri, B; DD 1974).
  
 
  1.b. It. accordo m. 'concordia, armonia; confor-
  mità, convenienza' (dal 1310 ca., Fiore, Enc-
  Dant., B; Crusca 1863; Acc. 1941; B; DD);
  venez.a. metre acordo intro de q. 'far accordare'
25 (1299, TestiStussi 18.6), it.a. porre accordo tra
  q. (1588, Speroni,GiunteTor. 1843).
  It.a. acordo m. 'patto, convenzione, concordato,
  trattato; accomodamento, transazione' (sec.
  XIII, ContiAntichiCavalieriDelMonte XI, 127),
30 it. accordo m. (dalla fine del sec. XIII, Detto,
  EncDant.; Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B; DD),
  it.a. trattato d'accordo (1348, G.Villani, B), fior.
  a. accordo (fine del sec. XIII, TestiSchiaffini
  165,29), sen.a. achordo (1260, Lettera sen.,
35 Monaci 74,66), lecc.a. accordo (1499 ca.,
  D'Elia 75,7), venez. acordo Boerio, mugl. ak-
  wórdo DoriaMs., rover. accord Azzolini 1836,
  corso accórdu Falcucci, Montefalco akkrdu
  MeriniArtiMestieri 213, abr. akkwórdə DAM,
40 Sannio accuordo Nittoli, sic. accòrdu (Traina;
  Piccitto); fior. accordo 'lo stabilire le condizioni
  di matrimonio prima delle nozze' (Pierac-
  cioni,LN 4).
  Proverbi: it. meglio un magro accordo che una
45 grassa sentenza 'è più conveniente accordarsi che
  litigare' (1566, A.Grazzini, B — Crusca 1863),
  Soglio l'è méier ün mègar acòrd cu üna gròssa
  santenza (VDSI 1,25), Francavilla al Mare
  mmíyə nu trít' akkrdə kyi na bbónə
50 káwsə DAM.
  It. accordo m. (term.gramm.) 'concordanza' (dal
  TB 1865; B; DD). — It. accordo dritto m. '(term.
  marin.) pezzo di legno che posa perpendicolar-
  mente alla terra, mentre gli altri per contro si

[Bd. 1, Sp. 315]

  attraversano in senso orizzontale' (Vanzon 1827;
  VocUniv. 1845); accordi m.pl. '(term.marin.)
  due grossi pezzi di legno che servono a sostenere
  la nave durante la costruzione' VocUniv. 1845.
  
 
  Sintagmi preposizionali
  in: it.a. essere in accordo 'concordare, vivere in
  armonia' (sec. XIII, Malispini, B), it. in accordo
  'concordemente' (1661, D.Bartoli, B), in accordo
10 con qc. (1954, Moravia, B).
  di: it.a. d'accordo con q. 'concordemente, in
  armonia' (1324, D.Compagni, B), it. d'accordo
  (1385, Stefani, B; dal 1525, Firenzuola, Crusca
  1863; B; DD), piem.a. di acordo (1490, Pas-
15 sioneRevelloCornagliotti); it. di buon accordo
  'volentieri' (1589, BargagliaPellegriniCerreta),
  fior. di comune accordo Camaiti; it.a. essere
  d'accordo con q. 'concordare' (1324, D.Com-
  pagni, B), essere d'accordo 'accordarsi' (dal 1363,
20 M.Villani, B; Crusca 1863; DD), venez. esser
  d'accordo Boerio; it. rimanere d'accordo (dal
  1385, Stefani, B; DD); stare d'accordo (1665,
  Lippi, B — 1890, Collodi, B), ~ a (+ inf.) (1692,
  Segneri, B), venez. star d'accordo Boerio; it.
25 andare d'accordo (dal 1712, Magalotti, B; DD),
  Graveglia an d'akrdu Plomteux, mirand.
  andar d'accord Meschieri, faent. andè d'acôrd
  Morri, venez. andar d'accordo Boerio, vic. andar
  dacordo Pajello, capodistr. andar dacordo Rosa-
30 mani; it. porre d'accordo q. 'far. accordare'
  (1532, Ariosto, B; 1612, Buonarroti il Giovane,
  Crusca 1863); mettere d'accordo q. (dal 1745,
  Crudeli, Crusca 1863; TB; B; DD). — Corso
  cascà d'accórdu 'mettersi d'accordo, trovarsi
35 d'accordo' Falcucci.
  It. d'amore e d'accordo 'con concordia totale'
  (1348, G.Villani, B; dal 1712, Magalotti, B;
  Crusca 1863; Acc. 1941; DD), fior. d'amore e
  d'accordo Camaiti.
40 It. d'accordo 'loc. con valore asseverativo, affer-
  mazione assoluta' (1533, Ariosto, B; dal 1858,
  Nievo, B; DD), mil. dacòrd Cherubini, berg.
  decorde Tiraboschi, venez. ~ Boerio, valsug.
  dacòrdo Prati; Introdacqua dakkúordə DAM,
45 Rotello dękkrdə ib., mil. dacòrd m. 'accordo,
  intesa' Cherubini, berg. decorde Tiraboschi,
  valsug. dacòrdo Prati.
  
 
  Derivati: it. accorduccio m. 'accordo meschino'
50 TB 1865; accorducciaccio m. 'dimin. peggior.
  di accordo' TB 1865; pis. d'accordone '(fam.)
  pienamente d'accordo' Malagoli; it. d'accordis-
  simo 'superl. di d'accordo' (dal 1533, Ariosto,
  B; DD).

[Bd. 1, Sp. 316]

  1.c. Vic.a. cordare 'accordare, mettere in ar-
  monia' (1560, Bortolan), Leventina cordà Fran-
  sciniFaré, borm. kọrdr Longa, com. cordà
  MontiApp., mil. ~ MaggiIsella, berg. ~ Tira-
5 boschi, venez. cordàr (“voce bassa”, Boerio),
  feltr. kordár Migliorini-Pellegrini, amp. cordà
  'rabbonire (un bambino che strilla)' Majoni, Ri-
  palimosani kkwərdá 'consolare con concessioni
  i bambini quando piangono' Minadeo, salent.
10 (Francavilla Fontana) ccurdare 'rappacificare'
  VDS.
  Borm. kordás v.rifl. 'accordarsi, pattuire'
  Longa, bresc. cordás (Gagliardi 1759; Mel-
  chiori), poles. cordarse Mazzucchi.
15 Derivati: en-: berg. incordà v.tr. 'accordare'
  Carminati; bagol.gerg. encordà stipulare un con-
  tratto, assumere servizio' Vaglia. — Grad. incordo
  m. 'accordo' Rosamani.
  tra-: it.a. tracordarsi v.rifl. 'grandemente con-
20 cordare' (prima metà del sec. XIV, Livio volg.,
  TB).
  dis-: ver. descordàr 'rompere un accordo, un'in-
  tesa' Beltramini.
  
 
25 2.a. It. accordare v.tr. 'armonizzare strumenti
  musicali o voci all'intonazione desiderata' (dal
  1292, Giamboni, B; Crusca 1863; TB; Acc.
  1941; B; DD), gen. accordâ Olivieri, piem.
  acordè DiSant'Albino, parm. acordar Malaspina,
30 venez. acordar Boerio, gard. akurd Lard-
  schneider, akǫrd ib., bad.sup. akọrd Piz-
  zinini, fior. accordare (Pieraccioni,LN 4), abr.
  accurdá DAM, sic. accurdari Piccitto.
  It. accordare un liuto e una campana 'mettere
35 d'accordo cose fra loro incompatibili' (1601,
  Caporali, B).
  It. accordarsi v.rifl. 'armonizzarsi (termine musi-
  cale)' (1529, Castiglione, B — 1807, Fiacchi,
  Crusca 1863).
  
 
  Derivati: it. accordío m. 'accordatura continuata,
  in genere uggiosa' (dal TB 1865; Acc. 1941; B).
  It. accordamento m. 'accordo, consonanza di
  suoni o voci, concordanza, armonia (termine
45 mus. o pitt.)' (sec. XIV, TrattatoRepubblica,
  B; 1574, Vasari, B — B 1961; Crusca 1863; TB;
  Acc. 1941), parm. acordament Malaspina, corso
  accurdamentu Falcucci.
  It. accordatura f. 'intonare allo stesso diapason
50 due o più strumenti musicali o voci; il modo in
  cui i varî strumenti sono accordati; giusta
  intonazione' (dal 1631, Adimari, Crusca 1863;
  TB; Acc. 1941; B; DD), piem. acordatura
  DiSant'Albino, parm. acordadura Malaspina,

[Bd. 1, Sp. 317]

  venez. cordadura Boerio, tosc. accordatura Fan-
  faniUso, sic. accurdatura (Traina; Piccitto); it.
  fornire in accordatura 'trattare a lungo una que-
  stione, un affare, senza venire a capo di nulla'
5 (1742, Fagiuoli, Crusca 1863), andare in accor-
  datura (Man. 1859 — Crusca 1863), andarsene in
  accordatura (Man. 1859 — 1903, Tommaseo-
  Rigutini, B), tosc. ~ FanfaniUso, it. finire in ac-
  cordatura (Man. 1859 — Crusca 1863), tosc. ~
10 FanfaniUso.
  It. accordata f. 'l'accordare alla meglio stru-
  menti musicali' (dal 1865, TB; Acc. 1941; B;
  DD), venez. acordàda Boerio, rover. accordaa
  Azzolini 1836, sic. accurdata (Traina; Piccitto);
15 it. accordatina f. 'dimin. di accordata' (TB 1865;
  B 1961), sic. accurdatina Piccitto; sic. accurda-
  tedda Traina.
  
 
  It. accordatore m. 'chi accorda strumenti musi-
20 cali' (1342, Boccaccio, B; dal 1612, Crusca;
  Crusca 1863; TB; B; DD), piem. acordator
  DiSant'Albino, parm. acordador Malaspina, ro-
  ver. accordar Azzolini 1836, tosc. accordatore
  FanfaniUso, sic. accurdaturi (Traina; Piccitto),
25 accordatrice f. 'chi accorda' (dal 1729, Salvini,
  TB; DD).
  It.a. acordante m. chi accorda uno strumento'
  (sec. XIV, PuccioBelundi, AgenoVerbo 179;
  1400 ca., Sacchetti, ib.), it. accordante (Crusca
30 1729 — B 1961). — It. accordato agg. 'armonizzato,
  conforme (detto di strumenti musicali, di voci, di
  colori)' (dal 1556, Della Casa, B; TB; 1593,
  ParodiCrusca 102; Crusca 1863; Acc. 1941;
  B; DD). — It. (strumento) non accordabile agg.
35 'che non può accordarsi' TB 1861. — It. inaccorda-
  bile agg. '(strumento) che non può essere accor-
  dato' (B 1972; DD 1974).
  
 
  con prefisso
  
 
  dis-: it. disaccordarsi v.rifl. 'dissonare, stonare'
  (1666, Magalotti, B); disaccordare v.tr. 'di-
  sarmonizzare strumenti musicali o voci' (“raro”,
  B 1961). — It. disaccordato agg. 'non accordato,
45 stonato (strumento musicale)' (1684, D.Bartoli,
  B). — It. disaccordo m. '(term.musicale) disar-
  monia, mancanza di accordo; componimento
  musicale volutamente dissonante' (dal 1860,
  F.Ugolini, B; TB; B).
  
 
  2.b. It. accordi m.pl. 'associazione di colori o
  di suoni diversi; armonia; consonanza' (dal 1581,
  Galilei, B), accordo (dal Florio 1598; TB;
  Crusca 1863; Acc. 1941; B; DD), mirand.

[Bd. 1, Sp. 318]

  accord Meschieri, venez. acordo Boerio, bad.sup.
  akórt Pizzinini.
  It. accordo m. 'filo di ottone negli strumenti a
  lingua dell'organo che con il suo alzarsi o abbas-
5 sarsi modifica l'intonazione' (VocUniv. 1845;
  TB 1865); accordo m. 'antico violone con do-
  dici o quindici corde intonate coll'arco' VocUniv.
  1845.
  
 
10 Derivati: it. accorduccio m. '(term. mus.) ac-
  cordo, intonatura insoddisfacente' TB 1865.
  It. riaccordare v.tr. 'accordare di nuovo' (TB
  1872; Rigutini-Fanfani 1893), Ripalimosani
  rrękkwərdá Minadeo.
15 Composto: it. buonaccordo m. 'strumento musi-
  cale (detto anche arpicordo o gravicembalo) a
  tasti, con corde metalliche e con fondo in legno,
  orizzontale' (1605, Allegri, B — Crusca 1866;
  1913, D'Annunzio, B).
  
 
  2.c. Mirand. cordare v.tr. 'incordare (stru-
  menti a corda)' Meschieri, poles. ~ Mazzucchi,
  Vittorio Veneto cordàr Zanette, amp. cordà
  Majoni, Ripalimosani kkwərdá Minadeo.
  
 
  Derivati: en-: bresc. encordà 'accordare (stru-
  menti)' (Gagliardi 1759; Melchiori), Tuenno en-
  cordar Quaresima, valsug. ncordár Prati2, corso
  incurdà Falcucci, lecc. ncurdare VDS. — Bresc.
30 encordadura f. 'accordatura' Melchiori, Tuenno
  ~ Quaresima; bresc. encordadûr m. 'colui che
  accorda strumenti' Melchiori.
  dis-: ver. descordàr 'turbare l'intonazione' Bel-
  tramini.
35 s-: it. scordarsi v.rifl. 'perdere l'accordatura
  (detto di uno strumento a corda)' Isella Dossi,
  parm. scordár Malaspina. — Mil. scordatura (di
  un servizio) 'rottura di qualche pezzo di un ser-
  vizio dalla quale risulti rovinato l'insieme'
40 IsellaDossi.
  
 
  III.1. It.a. accordanza f. 'accordo, consenso'
  (prima del 1300, RustFilippo, B; 1310 ca.,
  Fiore, B), fare acordansa di (+ inf.) 'mettersi
45 d'accordo' (sec. XIII, Galliziani, B), prender
  acordanza di (+ inf.) (1294, GuittArezzo, B,
  Monaci 53,7), fare accordanza 'trovare accordo'
  (1272, Re Enzo, B; 1294, Dante, B, EncDant.);
  essere in accordanza 'concordare' (1290, Guido-
50 Colonne, B; 1313 ca., Angiolieri, B); acordanza

[Bd. 1, Sp. 319]

  'rapporto equilibrato' (seconda metà del sec.
  XIII, Maestro Rinuccino, DavanzatiMenichetti),
  accordanza f. 'armonia, proporzione' (1571,
  Cellini, B), fior. ~ 'accordamento' Politi 1614.
  
 
  Lat. *ACCORDARE continua in tutte le lingue
  romanze occidentali: fr. accorder (FEW 24,83b),
  occit.a. acordar ib., cat., spagn., port. acordar,
  logud. accordare, engad. acorder, friul. acordá
10 e le forme italiane (I.). *ACCORDARE è for-
  mato su CONCORDARE secondo la coppia
  modello ASSENTIRE/CONSENTIRE. Ernout
  ha dimostrato che la base etimologica di questo
  verbo è COR, ammettendo una notevole in-
15 fluenza secondaria di CHORDA già nel latino.
  Due etimi distinti *ACCORDARE e *AC-
  CHORDARE (Battisti, DEI) non sono neces-
  sari. Il significato mus. (per influsso di CHOR-
  DA) è riunito sotto (I.2.). Tra i derivati il
20 sostantivo verbale accordo e la sua famiglia è
  isolato sotto b. (esiste anche nel fr. accord, nel
  cat. acort, spagn. acuerdo [1251, DCEC 1,28]).
  Forme raccorciate (cordare) sono trattate
  sotto c., conservando così la sottodivisione di
25 Wartburg in FEW 24,83—87. It.a. accordanza,
  ben attestata dagli autori della Scuola siciliana,
  è considerata come prestito della lirica troba-
  doresca sotto III.1.
  
 
30 REW 71 a, Faré; BrüchMs. 253—259; Prati 10;
  DEI 31, 634, 3850; DRG 1,72—73 (Pult);
  DCEC 1,28; VDSI 1,25 seg. (Sganzini); FEW
  24,83—87; Malkiel 120 seg.; Singleton, Language
  17 (1941), 119—126; A.Ernout, cor et chorda,
35 Revue Philologique 26 (1952), 157—161; De
  Giovanni 52.
  
 
 chorda
  
 
 
Artikelverweis 
accordium 'accordo'
  
 
  II.1. It.a. accordio m. 'accordo' (1294, Guitt-
45 Arezzo, Monaci 76/15,28; fine del sec. XIV, Bib-
  bia volg., GlossCrusca 1867; 1494, BoiardoMen-
  galdo), lig.a. ~ (Parodi,AGI 15,43)1, breg.a.
  acordio (VDSI 1,25), lunig.a. ~ (Maccarrone-
  Faye,AGI 18), vic.a. ~ (1535, Bortolan), lucch.
50 a. ~ (sec. XV, Nieri), pis.a. ~ (sec. XV, Mala-
  goli), sic.a. acordiu (1380 ca., LibruBruni), piem.

[Bd. 1, Sp. 320]

  acordi (DiSant'Albino; Levi), valses. accòrdiu
  Tonetti, ukkórdyu (Spoerri,RIL II.51,409),
  Tuenno acordi Quaresima, vogher. acòrdi Mara-
  gliano, parm. acordi Malaspina, sarz. akrdyu
5 Masetti, lucch. accordio Nieri, pis. ~ Malagoli,
  nap. ~ (inizio del sec. XVII, CorteseMalato;
  D'Ambra), sic. accòrdiu (Traina; Piccitto).
  Piem.a. d'acordi loc.avv. 'd'accordo' (1490,
  PassioneRevelloCornagliotti), lunig.a. d'acordio
10 (MaccarroneFaye, AGI 18,509), Monaco d'a-
  krdi Arveiller 36, Pigna d'akórdyu (Mer-
  lo,ID 17), gen. d'accordio Casaccia, piem. d'ac-
  còrdi GelindoRenier, d'acordi DiSant'Albino,
  valses. d'accordiu Tonetti, tic. d'akrdi
15 (VDSI 1,25), Tuenno dacordi Quaresima, parm.
  d'accòrdi PeschieriApp., Novellara dakrdi
  (Malagoli,AGI 17,101), carr. d'akrdi (Lu-
  ciano,ID 37); lucch.a. essere d'accordio 'met-
  tersi in accordo' (sec. XV, Nieri), valses. essi
20 d'accordiu Tonetti, Tuenno esser d'acordi
  Quaresima.
  Roveredo naa d'acòrdi 'andare d'accordo'
  (VDSI 1,26), Tuenno nar d'acordi Quaresima,
  vogher. andà d'acòrdi Maragliano, parm. andàr
25 d'accòrdi in qc. PeschieriApp., sarz. ndár d'a-
  krdyu 'vivere in concordia (detto specialmente
  di coniugi e parenti)' Masetti, carr. nḍar d'a-
  krdi (Luciano,ID 37).
  
 
30 Derivati e composti: it.a. acordia f. 'accordo'
  (sec. XIII, ContiAntichiCavalieri, TB, Monaci
  155,229), Pirano cordia 'accordo per qualche
  comune impresa' Rosamani. — It. accordioso
  agg. 'pronto all'accordo' (Man. 1859; TB 1865).
35 Monaco en dezakrdi 'non d'accordo, in
  contrasto' Arveiller 36; vogher. disacòrdi m.
  'disaccordo, discordia' Maragliano.
  Ven. accordi-proprio 'scritture amichevole per
  sopire contese, registrate nell'Ufficio dei Giudici
40 del Proprio' Cecchetti.
  
 
  *ACCORDIUM è un derivato da *ACCOR-
  DARE, attestato nel lat.mediev. che continua
45 nell'occit.a. acordi (FEW 24,87a; VR 18,236)
  e principalmente nell'it sett. Il derivato acordia
  risente di concordia e rinforza la connessione con
  CONCORDIA e CONCORDARE. La forma
  CONCORDIUM, variante di CONCORDIA, è
50 attestata (Papirius, digesta 23,4,27; Ulpianus,
  digesta 24,1,3, BrüchMs. 258) e suggerisce
  l'esistenza di *ACCORDIUM nel lat. tardo, for-
  mazione col suffisso -ium degli astratti verbali
  (Leumann-Hofmann 209). Alla fine del Me-
55 dioevo accordio di tradizione dotta fu sostituito

[Bd. 1, Sp. 321]

  da accordo con motivazione morfologica più
  immediata (deverb. di *ACCORDARE).
  
 
  REW 71 b; BrüchMs. 258 seg.; Prati 10; DEI
5 31; Salvioni,RIL II.43,609 seg.; VDSI 1,25 seg.
  (Sganzini).
  
 
 
Artikelverweis 
accorrigere 'correggere, dirigere'
  
 
  I.1. It.a. accorgere v.tr. 'scorgere' (prima metà
  del sec. XIV, Bencivenni, TB; fine del sec. XIV,
  Bibbia volg., ib.), vic.a. acorzere (1464—1560,
15 Bortolan), accorzere (1560, ib.), sic.a. acorgiri
  (1380 ca., LibruBruni).
  
 
  It.a. acorgersi v.rifl. 'avvedersi, scorgere, discer-
  nere, venire a sapere' (sec. XIII, CompagnPrato,
20 ScuolaSicPanvini; 1292, GiamboniLibroSegre
  28,26), it. accorgersi di qc. (dal sec. XIII,
  GuidoColonne, ScuolaSicPanvini; EncDant.;
  Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B; DD), ast.a.
  accorze v.rifl. (sec. XVI, AlioneBottasso), ven.a.
25 acorgerse (1321, SantoStadyMonteverdi,StR 20),
  Ormea akṓlzese Schädel, gen. accòrzise di
  qc. Casaccia, piem. acôrs'se DiSant'Albino,
  acôrgesse Gavuzzi, acôrgisse ib., Tuenno arcòr-
  gerse Quaresima, arcòrzerse ib., mirand. ac-
30 còrzras Meschieri, sarz. akrdzerse Masetti,
  venez. acorzerse Boerio, vic. acorserse Pajello,
  Vittòrio Veneto acòrzerse Zanette, feltr. akór-
  derse Migliorini-Pellegrini, mugl. akówrdzerse
  DoriaMs., carr. akrdzẹrsẹ (Luciano,ID 37),
35 corso sett. accôrgesi Falcucci, Velletri ak-
  kórese (Crocioni, StR 5), roman. accòrgese
  ChiappiniRolandiAgg., accorgerse ib., ac-
  corgésse ib., Introdacqua akkrǵəse DAM,
  Amaseno akkriyəsə Vignoli, sic. accòrgirisi
40 Traina, sic.messin. accurgìrisi (ib.; Piccitto); sic.
  ~ 'prevedere, intuire, mostrarsi riconoscente'
  Piccitto.
  Infinito sostantivato: it.a. accorgere m. 'l'avve-
  dersi; comprensione, intuito' (1319 ca., Dante,
45 B; EncDant.; 1374, Petrarca, B; 1600, B.Davan-
  zati, B), trevig.a. acorger (inizio del sec. XIV,
  Pellegrini, StudiVen. 341).
  
 
  2.a. Derivati: it.a. accorgimento (del levante
50 del sole) m. 'notizia, cognizione' (1292, Giam-
  boni, B), acorgimento 'prontezza d'intuito, capa-
  cità di avvedersi, di comprendere; discernimento,
  prudenza' (1306, GiordPisaDelcorno), it. accor-
  gimento (dal 1313 ca., Dante, B; CruscaGiunte-

[Bd. 1, Sp. 322]

  Tor. 1843; Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B; DD),
  venez. acorzimento Boerio, rover. accorgiment
  Azzolini, carr. akurdzimnt (Luciano,ID 37),
  minerv. accurgemìende Campanile, sic. ac-
5 curgimentu Traina.
  It.a. accorgevole agg. 'atto ad accorgersi; dis-
  cernibile, che si scorge facilmente' (prima metà
  del sec. XIV, GuidoColonne volg., GlossCrusca
  1867).
  
 
  con prefissi: it.a. racorgersi v.rifl. 'riconoscere
  l'errore, ravvedersi del fallo' (sec. XIII, Davan-
  zatiMenichetti), racchorgersi (1262 ca., Latini,
  ParodiDante, BSD 3, 154), raccorgersi (prima
15 del 1300, RustFilippo, ParodiDante,BSD 3,154
  — sec. XIV, Ottimo, TB; EncDant.).
  
 
  Borm. nakrǵes v.rifl. 'accorgersi' Longa, Tuenno
  nascòrgerse Quaresima, vic. inacorserse Pajello,
20 poles. inacòrzarse Mazzucchi, feltr. inakórderse
  Migliorini-Pellegrini, Pieris di Monfalcone ina-
  krzarse Rosamani, triest., istr., Zara inakr-
  dzerse ib., rovign. inakwržase ib., inakuór-
  zase Deanović, Fiume inacòrierse Rosamani,
25 valsug. nacòrdrese Prati, nascòrdrese ib., rover.
  nascorzerse Azzolini 18361.
  
 
  con cambio di prefisso
  per-: trevig.a. percorger v.intr. 'accorgere' (pri-
30 ma metà del sec. XIV, Pellegrini,SMLV 5; fine
  del sec. XIII, CanzoneAuliver, Monaci 166,49)2,
  lomb.a. percorçerse 'accorgersi' (sec. XV, Bia-
  dene,StFR 7).
  
 
35 in-: Cavergno ninkr 'accorgersi' Salvioni-
  Merlo, Sottoceneri (Pugerna) niŋkúrǵas (Kel-
  ler,RLiR 10)3, berg. incórzes Tiraboschi, pav.
  inkrzαs (Galli-Meriggi,VR 13), poles. incr-
  zarse Mazzucchi, ven. incórzerse (SalvioniREW,
40 RDR 4), Pirano inkrdzerse Rosamani, amp.
  s'incòrze Majoni. — Berg. rincórzes 'accorgersi'
  Tiraboschi, rincórses Carminati-Viaggi.
  Con cambio di coniugazione: berg. incorzìs 'ac-
  corgersi' Tiraboschi, bresc. encorzìs Melchiori;
45 berg. rincorzìs 'accorgersi' Tiraboschi, Gandino
  rincorgìs ib.

[Bd. 1, Sp. 323]

  Con aferesi del prefisso4: it. corgersi di qc. 'ac-
  corgersi' (1348, FrBarberinoSansone), Leven-
  tina corjass FransciniFaré, mil. corsges Maggi-
  Isella, grad. krdzese Rosamani, pol. krzerse
5 ib., perug. còrgese Catanelli, Servigliano ccòr-
  ghjese (Camilli,AR 13), nap. córzersi (inizio del
  sec. XVIII, CorteseMalato s.v. córzero), lecc.
  (Squinzano) ccòrgere VDS.
  Con cambio di coniugazione: berg. corzìs v.rifl.
10 'accorgersi' Tiraboschi.
  
 
  2.b. accorto
  It. accorto agg. 'attento, avveduto, prudente;
  assennato, discreto, esperto; scaltro, astuto'
15 (dal 1294, GuittArezzo, TB; sec. XIII, Maestro
  Torrigiano, ScuolaSicPanvini; Crusca 1863; Acc.
  1941; B; DD), lomb.a. acorto (sec. XIII, Barse-
  gapèKeller), ven.a. acort sec. XVI, MorelPel-
  legrini, StVen.), venez.a. achorto (1424, Sprach-
20 buchPausch 189, 198), acorto ib., sen.a. accorto
  (fine del sec. XIV, CantariVaranini), acorto ib.,
  piem. acôrt DiSant'Albino, berg. acòrt Tira-
  boschi, rover. accort Azzolini 1836, gard.
  akrt Lardschneider, bad.sup. akórt Pizzinini,
25 carr. akrt (Luciano,ID 37), Introdacqua ak-
  kẃortə DAM, ~ 'che ha riguardi per uno' ib.,
  cal. accorto 'scaltro' Cristo, sic. accortu 'accorto'
  Traina, ~ 'scaltro' Piccitto, palerm. centr. (Par-
  tinico) accortu 'economo' ib.; it.a. accorto di
30 qc. 'avvertito, informato; che è a conoscenza'
  (1292, GiamboniLibroSegre 51,23 — 1327, Cec-
  coAscoli, B; EncDant.); it. accorto agg. 'pronto,
  disponibile, rapido, sollecito' (sec. XIII, Scuola-
  SicPanvini — 1590, Baldi, TB; DavanzatiMeni-
35 chetti; EncDant.; FrBarberinoSansone; Tana-
  gliaRoncaglia; 1810, Monti, Crusca 1863).
  
 
  Locuzioni avverbiali: it.a. essere acorto di
  (+ inf.) 'badare, stare a cuore' (prima metà del
40 sec. XIII, JacAquino, ScuolaSicPanvini), essere
  accorto a (+ inf.) 'essere attento, badare, fare at-
  tenzione' (1374, Petrarca, B), stare accorto (ante
  1276, PanuccioBagnoAgeno — 1374, Petrarca,
  B), ~ per (+ inf.) (1483, Pulci, B), piem. stè acort
45 DiSant'Albino, camp.sett. star akkwrto (AIS
  1346, p.713), tar akkrtə (AIS 1143, p.712),
  nap. tar akkrt (AIS 1143, p.721), cal.sett.
  star akkórtə (AIS 1346, pp.752, 750), salent.
  merid. star akkrto (AIS 1346, p.748), star
50 kkrtu (AIS 1346, p.749), cal.centr. star
  akkrtu (AIS 1143, p.765).

[Bd. 1, Sp. 324]

  It. fare accorto q. 'avvertire, informare, rendere
  cosciente' (1313 ca., Dante, TB — 1374, Pe-
  trarca, B; 1555, P.F.Giambullari, TB — Crusca
  1863; TB; Acc. 1941; B).
  
 
  Derivati: it. accorto avv. 'rapidamente, sollecita-
  mente' (1912, Pascoli, B).
  It. accortissimo agg. 'superl. di accorto' (dal
  1353, Boccaccio, B; Crusca 1863; TB; B; DD),
10 it. accortissimamente avv. 'superl. di accorta-
  mente' (1547, Bembo, B s.v. accortamente;
  1566, Caro, Crusca 1726; Crusca 1863; TB).
  It. accortamente avv. 'abilmente, in modo ac-
  corto, avveduto; astutamente, con malizia' (dal
15 1353, Boccaccio, B; Crusca 1863; TB; Acc.
  1941; B; DD), ~ 'di proposito, studiatamente'
  (dopo il 1320, Alfani, Crusca 1863; 1694,
  Segneri, ib.), fr.-it. acortemant (1343, Massart-
  NicVerona,MélDelbouille), acortement (1368
20 ca., PeiskerGuerraAttila).
  
 
  It. accortezza f. 'avvedutezza, perspicacia, astuzia,
  abilità, prudenza' (dal 1347, BartSConcordio,
  B; Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B; DD), piem.
25 acortéssa DiSant'Albino, corso accurtezza Fal-
  cucci, reat. (Leonessa) akọrttsa 'attenzione
  premurosa, cura per una persona' (AIS 709 cp.,
  p.615), Introdacqua akkurtttsə DAM, abr.
  ~ Bielli, nap. accurtezza 'accortezza, accorgi-
30 mento' Andreoli, regg.cal. accurtizza DTC, sic.
  ragus. ~ Piccitto, 'diligenza, accuratezza' ib.
  Nap. accurtènza f. 'accortezza, premura' Alta-
  mura.
  
 
35 Con prefissi: it. inaccorto agg. 'malaccorto, in-
  cauto, sconsiderato' (1527, Machiavelli, Crusca
  1899 — Crusca 1899; TB; “forma lett. e rara”
  B); inaccorto m. 'incauto' (1907, Carducci, B).
  It. disaccorto agg. 'non avveduto, imprudente;
40 poco scaltro, poco abile' (1883, De Sanctis, B;
  1930, Beltramelli, B).
  
 
  Con aferesi del prefisso: tosc.a. ccòrto agg.
  'accorto' (fine del sec. XIII, TestiSchiaffini 171,
45 11), lecc. ccórtu 'scaltro' (Morosi,AGI 4,134;
  VDS). — Perug. stè còrto de (+ inf.) 'badare,
  stare attento' Catanelli, Ripalimosani star
  kkrtə Minadeo. — Ven.a. cortura f. 'custodia,
  sorveglianza' (sec. XVI, SalvioniEgloga,AGI 16,
50 297). — Lecc. ccurtezza f. 'accortezza' VDS.
  
 
  Composti: it. male accorto agg. 'poco accorto,
  sconsiderato; imprudente' (sec. XIV, Eneide
  volg., TB s.v. accorto), malaccorto (dal 1532,

[Bd. 1, Sp. 325]

  Ariosto, B; TB; Crusca 1905; B; DD), maleac-
  corto Florio 1598, piem. malacort DiSant'Al-
  bino; it. malaccorto m. 'privo di accortezza e di
  senno' (1573, Tasso, B — 1928, Sbarbaro, B;
5 Crusca 1905), maleaccorto (1834, Guerrazzi, B);
  it.a. ~ agg. 'inesperto, inetto; impacciato, goffo'
  (1488, Da Mosto, B), it. malaccorto (dal 1758,
  Manni, B; Crusca 1905; DD); ~ 'inconsulto,
  maldestro, avventato (detto di azione imprudente
10 o sconsiderata)' (1735, Muratori, B — 1913, Graf,
  B; Crusca 1905); (lavoro) malaccorto 'mal
  riuscito, imperfetto, scadente' (1907, Carducci,
  B); (denti) malaccorti agg. 'non idonei all'uso,
  inadatti' (1944, Marinetti, B).
15 It. malaccortamente avv. 'imprudentemente, in
  modo poco opportuno' (dalla seconda metà del
  sec. XVI, P.Segni, B; TB; Crusca 1905; B;
  DD). — It. malaccortezza f. 'mancanza di avve-
  dutezza; imprevidenza, sconsideratezza' (1950,
20 Pavese, B).
  
 
  ACCORRIGĔRE è un derivato di CORRI-
  GĔRE, tipico dell'it. (I.). Mediante il prefisso
  AD- il significato 'correggere, dirigere' viene raf-
25 forzato in 'scortare, guardare' > 'badare, accor-
  gersi di qc.'. Una evoluzione semantica paral-
  lela valida per l'Iberoromania e l'Italia pre-
  senta l'altro derivato di CORRIGERE, il
  verbo EXCORRIGERE, con i verbi spagn.a.
30 escurrir e l'it. scorgere e scortare. La tappa
  intermedia supposta da Diez, Meyer-Lübke
  e von Wartburg ACCORRIGERE 'correg-
  gere un errore; abbandonare un'opinione
  falsa considerando i fatti' > 'scorgere' non con-
35 vince (Maurer, RJb 8,32; BrüchMs.261). Il part.
  pass. accorto con tutta la sua famiglia (I.2.b.)
  viene separato dagli altri derivati di accorgere
  (I.2.a.). Tra i derivati mediante prefissi il tipo
 inaccorgersi⸣ è caratteristico per una zona che
40 corrisponde all'influsso venez. che include il
  Veneto, il Friuli, l'Istria e raggiunge perfino
  l'Engadina: engad. s'inacordscher 'accorgersi'. Le
  forme fr. mediev. (FEW 24,87) accort, accorte-
  ment, accortesse e malaccort sono prestiti dall'it.
45 Lo stesso vale per il croato akortu 'astuto' (sec.
  XVI, Hyrkkänen num. 20).
  
 
  REW 85; Faré; BrüchMs. 260 seg.; Prati 10;
  DEI 31 seg.; FEW 24,87; Maurer,RJb 8,32 seg.;
50 DeGiovanni 53.
  
 
 corrigere, excorrigere

[Bd. 1, Sp. 326]