Wörterbuchnetz
Lessico Etimologico Italiano Bibliographische AngabenLogo adwmz
 
acclivitas bis accommodatio (Bd. 1, Sp. 291 bis 309)
Abschnitt zurück Abschnitt vor
Artikelverweis acclivitas 'acclività'
  
 
  III. It. acclività f. 'condizione di ciò che è
  acclive; disposizione in salita; ripidezza' (1642,
  Galilei, B).
  
 
50 Latinismo del Galilei.
  
 
  LEI acclivis

[Bd. 1, Sp. 292]

 
Artikelverweis 
accognitus 'conosciuto'

  
 
  III. It.a. acconto m. 'familiare, amico, confi-
  dente; corrispondente' (1294, Latini, TB; 1348,
5 G.Villani, TB; B), Lanciano accunde 'avventore,
  bottegaio' Finamore-2, vast. akkíndə 'cliente,
  avventore, chi abitualmente si serve in una bot-
  tega o dell'opera di un artefice' Anelli, Intro-
  dacqua akkóndə DAM, Ripalimosani ęk-
10 kúndə Minadeo, Larino, Rotello ~ DAM, nap.
  accunto (inizio del sec. XVII, CorteseMalato),
  bar. accunde (1613, Sada-Scorcia-Valente),
  Mola akkntə (Nitti,ID 19), tarant. accunto
  VDS.
  
 
  It.a. accontare con q. 'far conoscenza, incon-
  trarsi, mettersi in contatto, far conoscere una per-
  sona a un'altra' (1292, GiamboniLibroSegre
  28,4; B), accontare v.tr. (1294, GuittArezzo,
20 B; 1353, Boccaccio, B; Oudin 1643), acontare
  'fare amicizia' (sec. XIII, ScuolaSicPanvini).
  Infinitivo sostantivato: it. buon accontar m.
  'buone amicizie' (1310 ca., Fiore, EncDant.).
  It.a. accontarsi con q. 'abboccarsi; mettersi
25 d'accordo; essere in rapporti di dimestichezza'
  (seconda metà del sec. XIII, Tesoro volg., B;
  1353, Boccaccio, B; 1600, B.Davanzati — 1907,
  Carducci, B), it.a. acontarsi con q. (1292,
  GiamboniLibroSegre 28,7), accontarsi a q.
30 (1321, Dante, B), acontarsi a q. (sec. XIII, Da-
  vanzatiMenichetti; 1304, LambGhinoFresco-
  baldi, Monaci 105/10,10), accontarsi a q. (1321,
  Dante, B), lomb.a. acuintarse (1315, MarriBon-
  vensin).
  
 
  Derivati: it.a. accontato di q. agg. 'ben noto,
  fidato, familiare' (1277, JacLeona, B; 1348,
  G.Villani, B; TB); acontato a qc. (sec. XIII,
  ScuolaSicPanvini).
  
 
  It.a. accontanza f. 'familiarità, compagnia,
  buona accoglienza' (prima del 1294, Latini,
  Ageno, LN 13,76; seconda metà del sec. XIII,
  Tesoro volg. B; sec. XIII, BaccBaccone, TB;
45 1310 ca., Fiore, B; Mettifuoco, EncDant.; Bona-
  giunta Monaco, EncDant.; prima metà del sec.
  XIV, Bencivenni, Crusca 1806; 1342, Cavalca,
  Man.), acontanza (sec. XIII, DavanzatiMeni-
  chetti), accontanze (1310 ca., Fiore, B), pis.a.
50 acontanza (sec. XIII, Malagoli), sic.a. acontança
  (1380 ca., LibruBruni).
  It.a. accontamento m. 'incontro, abboccamento'
  (ca. 1320, GironeCortese volg., B), pis.a.
  acontamento (sec. XIII, Malagoli); it.a. belli

[Bd. 1, Sp. 293]

  accontamenti pl. 'accoglienza gentile; maniere
  graziose' (inizio del sec. XIV, Intelligenza, B).
  
 
  It. accontevole con q. agg. 'affabile; che si mette
5 d'accordo' (1294, Latini, TBGiunte; Oudin
  1643).
  
 
  Con prefisso: it.a. raccontarsi con q. 'riconciliarsi'
  (sec. XIII, Seneca volg., TB).
  
 
  Lat. ACCOGNITUS, part. pass. di ACCOGNO-
  SCERE 'riconoscere' (attestato da Tertullia-
  no e da Petronio; Wölfflin ALL 10,131) diventò
  un termine tipico della lirica cortese nel fr.a. e
15 fu probabilmente trasmesso dai poeti della
  Scuola poetica siciliana e dai volgarizzatori del
  Duecento (Latini, B.Giamboni). Per le forme
  nap., abr. e pugl. del tipo ⸢acconto⸣ è possibile
  un influsso angioino.
  
 
  REW 79; BrüchMs. 248 seg.; Prati 9; DEI 30
  seg.; FEW 24,77 seg.; De Giovanni 24.
  
 
 
Artikelverweis 
accola 'confinante, vicino'
  
 
  I. Posch.a. áccola f. 'cascina di campagna,
  gruppo di casolari separati dal comune' (Salvioni,
35 RIL II.39,605), lacola (1500, Michael, VDSI
  1,22).
  
 
  Derivato: posch. accoladro m. 'giudice d'ap-
  pello in materia civile' (<-ATOR, metà del
40 sec. XVI — fine del sec. XVIII, Salvioni,RIL
  II.39,569).
  
 
  Lat. ACCOLA 'vicino' (sostantivo in Tacito) è
  largamente diffuso nel grigion. romancio acla
45 (DRG 1,76) e si estende sino al posch. (I.). La
  forma posch. si accorda con le voci delle zone
  contigue del grigion.centr. e dell'alta Engadina.
  ACCOLA entra spesso come elemento di topo-
  nimi retorom. (SchortaNamenbuch 2 seg.) e alto-
50 atesini (BattistiTopon.,AAA 52, num.1101;
  Francescato,Il Tesaur 4,26). Toponimi mediolat.
  provenienti da documenti pav.1 e march.2 e il

[Bd. 1, Sp. 294]

  verbo lat.mediev. ver. acolare 'coltivare i campi;
  pascolare'3 fanno supporre un'area medievale
  più vasta di ACCOLA nell'Italia sett. e centr.
  Questa zona si unisce con quella della Galloro-
5 mania, documentata da testi mediolat.: acla (765,
  cart. Gorze 26, Hubschmid), accola (Reims
  sec. IX, polypt. S.Rémi 8, ib.).
  
 
  REW 81; DRG 1,76—83 (Vieli; R.v.Planta);
10 VDSI 1,22 (Sganzini); Francescato,Il Tesaur
  4,25 seg.; Hubschmid, lettera 25.2.80. — Pfister.
  
 
 
Artikelverweis 
accolligere 'cogliere, ricevere'
  
 
  I.1.a. It. accogliere v.tr. 'ricevere, concedere
  ospitalità, offrire rifugio; accettare volentieri'
20 (dal 1250, GiacLentini, ScuolaSicPanvini; Dante-
  MaianoBettarini; DavanzatiMenichetti; Enc-
  Dant.; Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B; DD),
  it.a. acogliere (1476, MasuccioPetrocchi), lomb.
  a. acoie (1315, Bonvesin, Monaci 146/1,60),
25 acolier (sec. XV, Biadene, StFR 7), vic.a.
  acolger (1509, Bortolan), cagliese akóy Soravia,
  venez. acolger Boerio, triest. acòlier Pinguentini,
  rover. accoglier Azzolini 1836, corso accóglie
  Falcucci, Evisa ~ Ceccaldi 94, tod. accògliere
30 (Mancini,SFI 18), Castro dei Volsci akkółə
  (Vignoli,StR 7), Amaseno akkółi Vignoli, sic.
  accògghiri (Traina; Piccitto), accògliri ib.
  It. accogliere qc. (acqua, moneta, virtù, ecc.) 'rac-
  cogliere, mettere insieme' (fine del sec. XIII,
35 Novellino, B — 1363, M.Villani, B; EncDant.;
  1595, Tasso, B — Crusca 1863; TB; B), accorre
  (1546, Alamanni, B; 1903, Tommaseo-Rigutini),
  sen.a. accògliere (il fieno) (fine del sec. XIV,
  CantariVaranini), corso (Evisa) accóglie Ceccaldi
40 94, tod. accògliere avanti 'far precedere (le
  bestie)' (Mancini,SFI 18), palian. akkółe 'radu-
  nare, ammassare' Navone, Massafra accògghië
  'raccogliere' (Alessio,AFLBari 2,30), tarant. ac-
  cògghiere 'raccogliere cose sparse' DeVincentiis,
45 regg.cal. akkggyri 'mettere insieme' DTC,
  sic. accògghiri 'raccogliere' (“disus.” Piccitto).

[Bd. 1, Sp. 295]

  Lomb.a. acoie qc. (rosa) 'cogliere' (1315,
  Bonvesin, Monaci 146/1,50), acolier (sec. XV,
  Biadene, StFR 7), acollie (1315, SalvioniBon-
  vesin,GSLI 8,417)1, it.a. acogliere (fiore) Boiar-
5 doMengaldo, gen. accheûgge 'cogliere, racco-
  gliere, ragranellare' Casaccia, lig.or. (Cogorno)
  akǵe 'fare la raccolta delle olive, dei fichi,
  ecc.' Plomteux, Castro dei Volsci akkółə 'id.
  (il granturco)' (Vignoli,StR 7), bar. akkə
10 'raccogliere' Sada-Scorcia-Valente.
  It. accogliere le vele 'ammainare le vele' (1546,
  Alamanni, B; 1595, Tasso, B), gen. accheûgge
  'addugliare (un cavo, una gomena)' ib., ac-
  cheûgge e rè 'ripiegare le reti, ritirarle' ib.,
15 accheûgge i drappi 'stendere i panni' ib., luc.-
  cal. akkłi (lu flu) 'dipanare' (AIS 1508, p.
  742), teram. akkyyə 'attingere acqua' (Mer-
  lo,RALincei V.29), abr. ~ DAM, abr.occ.
  (Avezzano) akkóllə ib.
20 It.a. accogliere q. (soldati, masnadieri) 'racco-
  gliere, radunare' (1363, M.Villani, B), it. ac-
  cogliere (il passo) 'condurre al riparo' (1617,
  Baldi, B), accogliere v.tr. 'contenere, compren-
  dere, avere in sé' (1374, Petrarca, Man.; dal
25 1525, G.Rucellai, Man.; Crusca 1863; TB; Acc.
  1941; “ant.” B; DD), it.a. ~ 'capire, intendere,
  ricevere (nella mente)' (1374, Petrarca, B; 1532,
  Ariosto, B; 1595, Tasso, B; Crusca 1863, TB), ~
  (un saporetto) 'aggiungere' (1535, Berni, B), it.
30 accogliere (in mezzo) qc. 'circondare, cingere'
  (1566, Caro, TB), it. accogliere 'accettare (una
  proposta, un'idea); acconsentire; esaudire' (1595,
  Tasso, B; dal 1828, Monti, Crusca 1863; B; DD),
  venez. acolger Boerio.
35 It. accogliere q. 'cogliere, sorprendere' (1313
  ca., Dante, TB — 1617, Baldi, TB; FrBarberino-
  Sansone; Alunno 1548), sic. accògghiri q.
  'sorprendere q. in un luogo' Piccitto; it. acco-
  gliere q. 'colpire' (1532, Ariosto, VocUniv.;
40 1638, Chiabrera, TB s.v. accolto), Subiaco ak-
  kłe Lindström, roman. accòglie q. 'id. (con
  una sassata)' ChiappiniRolandiAgg., accòje ib.,
  abr. akkyyə 'cogliere, colpire' DAM, bar.
  akkə 'colpire nel segno' Sada-Scorcia-Va-
45 lente, Massafra accògghië (Alessio,AFLBari 2,
  30), tarant. accògghiere DeVincentiis, sic. ac-
  cògghiri (“disus.” Piccitto); apulo-bar. yə ad
  ayə 'andare a cercare' (= ⸢ire ad acco-
  gliere⸣, AIS 636, p.718),  ad akkə
50 (AIS 636, p.727).

[Bd. 1, Sp. 296]

  It. accoglie a q. v.intr. 'capita; incoglie' (1292,
  Giamboni,GlossCrusca 1867; 1532, Ariosto,
  Man.), metaur. acòi Conti, sic. accogghiri 'in-
  cogliere (di mali)' Piccitto; corso (Evisa) accóglie
5 'fare una colletta' Ceccaldi 94; ragus. accògghiri
  'attecchire (di un innesto)' Piccitto; ~ 'sup-
  purare' ib.
  
 
  It.a. acogliersi in qc. v.rifl. 'raccogliersi, con-
10 centrarsi' (sec. XIII, Bondie Dietaiuti, Scuola-
  SicPanvini; DavanzatiMenichetti); it.a. acco-
  gliersi (a un luogo) 'radunarsi, riunirsi, concen-
  trarsi' (1313 ca., Dante, B; prima metà del sec.
  XIV, Ugurgieri, B), it. ~ in q./qc. (1321,
15 Dante, EncDant.; 1374, Petrarca, B; 1595,
  Tasso, B; 1831, Colletta, B; 1918, D'Annunzio,
  B; 1922, Panzini, B), it.a. ~ di qc. (1478,
  Poliziano, B; 1595, Tasso, B), ~ (in un luogo)
  'rifugiarsi' (1566, Caro, B; 1595, Tasso, B),
20 accogliersi insieme 'riunirsi' (1319 ca., Dante, B,
  EncDant.; 1363, M.Villani, B), ~ a q. rivol-
  gersi a q.; accostarsi a q.' (1313 ca., Dante, B,
  EncDant.), it. ~ 'stringersi a lui' (TB 1865; B
  1961); corso (balan.) accógliesi 'montare a
25 cavallo' Alfonsi, cógliesi ib., Castro dei Volsci
  lakółəsə 'andarsene via' Vignoli, tarant. ac-
  cògghiere v.rifl. 'ritirarsi in casa' De Vincentiis;
  irp. accoglierese 'emendarsi, correggersi' (Sal-
  vioniREW, RDR 4), bar. akkə 'raccapez-
30 zarsi' Sada-Scorcia-Valente; tod. accòglierse a
  q. impers. 'venire a capo, a suppurazione' (Man-
  cini,SFI 18), roman. accòglie ChiappiniRolandi-
  Agg.
  
 
35 Con cambio di coniugazione: fior.a. accollire
  v.tr. 'accogliere' (1363, MarsPadovaPincin),
  Nicotera accogghjíri 'id.; mettere insieme' DTC2,
  regg.cal. accuglíre ib.
  
 
40 Derivati: it.a. acoglienza f. 'atto e modo con cui
  si accoglie una persona, un oggetto, un'idea;
  ospitalità' (sec. XIII, NeriVisdomini, Scuola-
  SicPanvini; DavanzatiMenichetti; 1324, D.Com-
  pagni, B), accoglienza (dal sec. XIII, Dante-
45 MaianoBettarini; DavanzatiMenichetti; Enc-
  Dant.; TB; Crusca 1863; Acc. 1941; B; DD),
  cagliese akoyntsa Soravia, venez. acolgenza
  Boerio, pis. accugliènza Malagoli, corso ~ Fal-
  cucci, amiat. ~ Fatini, Venafro akkułłndza
50 DAM; Lanciano akkuyndzə 'assistenza, ac-
  cudimento, cura premurosa' (Finamore-2;
  DAM), abr.-or.adriat. (Tufillo) akkuyndzə
  'belle maniere, garbatezza' DAM, minerv. ac-

[Bd. 1, Sp. 297]

  cugghiènze Campanile. — Rover. accoglienzona
  f. 'accoglienza cortesissima' Azzolini 1836; ac-
  coglienzotta 'accoglienza fredda' ib.
  
 
5 It. accoglimento m. 'accoglienza' (1294, Latini,
  B; 1336 ca., Boccaccio, B; dal 1612, Crusca;
  Crusca 1863; TB; Acc. 1941; B; DD), it.a.
  accollimento (1294, GuittArezzo, B), acoglimen-
  to (sec. XIII, ScuolaSicPanvini), acolglimento
10 (sec. XIV, InsegnamentoAnonimo, Monaci 124,
  12), gen.a. acogimento (sec. XIV, AnonimoCoci-
  to), sic. accogghimentu Traina, accoglimentu ib.,
  accugghimentu ib.; it.a. accoglimento m. 'rie-
  pilogo, ricapitolazione delle cose dette' (1292,
15 Giamboni, TB), ~ 'riunione, raduno' (sec. XIV,
  Capellano volg., B; sec. XIV, Ottimo, B), ~
  'accettazione d'una domanda o proposta' (B
  1961; DD 1974). — It.a. accoglimentaccio m.
  'cattiva accoglienza' (1294, GuittArezzo, B);
20 venez. acolgimentòn m. 'grande accoglienza'
  Boerio.
  
 
  It.a. accoglitore m. 'compilatore, epitomatore'
  (1313 ca., Dante, B, EncDant.), accoglitore
25 (d'erbe) 'chi raccoglie (le erbe); raccoglitore'
  (sec. XVI, Giacomini, B), it. accoglitrice (di
  preda) f. 'raccoglitrice' (1729, Salvini, B), ~ 'le-
  vatrice' (1729, Salvini, B — B 1961; Crusca 1863;
  TB).
30 It.a. (gente) accogliticcia agg. f. 'raccolto da più
  parti alla rinfusa; raccogliticcia' (prima metà del
  sec. XIV, Livio volg., Crusca 1612; 1350 ca.,
  DicerieDiv., B; 1604, M.Adriani, B), fior.a.
  (giente) acholiticia (1313, TestiSchiaffini 210,
35 25), abr.a. (gente) accolticcia agg. 'messa insieme
  alla peggio' (1430 ca., GuerraAquilValentini;
  DAM), nap. accoglieticcio 'raccogliticcio' D'Am-
  bra, accuglieticcio Andreoli; it. accogliticci
  m.pl. 'gente raccogliticcia' (1834, Botta, B). —
40 Nap. accoglietivo agg. 'raccogliticcio' D'Ambra. —
  It. accogliente agg. 'che accoglie' (sec. XVIII,
  Giulianelli, B). — Nap. accogliuto agg. 'raccolto'
  D'Ambra. — Corso (Evisa) accuglianciu m.
  (pegg.) 'frate mendicante' (< -accio, Ceccaldi).
  
 
  It.a. desaccollere di qc. v.tr. 'togliere, separare,
  privare' (1294, GuittArezzo, B). — It. sopracco-
  gliere v.tr. 'sorprendere' IsellaDossi.
  
 
50 Composti: bar. akkọamənndzə f. 'pat-
  tumiera' (< ⸢accoglie mondizie⸣, Sada-Scorcia-
  Valente), ~ m. 'netturbino' ib. — Apulo-bar.
  akkǵǵəstráttsə 'cenciaiuolo' (= ⸢accogli-
  stracci⸣, AIS 204, p.727). — Bar. (Gioja del Colle

[Bd. 1, Sp. 298]

  di Altamura) accògna-mmèrda 'stercoraio' Gar-
  bini 1132, bar. (Locorotondo) accògghia-
  mmèrda ib.
  
 
5 1.b. It. accolto agg. 'ricevuto; ospitato, ac-
  cettato, ammesso' (1321, Dante, B; dal 1595,
  Tasso, B; Crusca 1863; TB; B; DD), romagn.
  acölt Ercolani, nap. accuoveto Andreoli; it. ac-
  colto 'raccolto, radunato, riunito; contenuto'
10 (dal 1294, Dante, B; Monaci 160/1,36; Crusca
  1863; TB; B; DD); luc.nord-occ. (Brienza) ac-
  cota agg.f. Paternoster; amiat. (Piancastagnaio)
  accovito 'che si dà con tutta l'anima a qualche la-
  voro' FatiniApp.; minerv. accolte '(camera) non
15 ampia ma comoda' Campanile; it. accolto
  (pioggia, vapore) 'addensato, condensato' (1595,
  Tasso, B; 1837, Leopardi, B), aret. (Chia-
  varetto) aklto agg. '(latte) cagliato' (AIS
  1215, p.545); palian. (pécora) accorta agg.
20 'gravida' Navone.
  
 
  It.a. acolta f. 'accoglienza' (sec. XIII, Davanzati-
  Menichetti; Garzo, PoetiDuecentoContini), ac-
  colta (1306, JacoponeBettarini; 1338 ca., Boc-
25 caccio, B; 1367, G.Colombini, Crusca 1863),
  corso (Evisa) accólta Ceccaldi. — It. accolta (di
  persone, di cose) f. 'riunione, radunata; insieme;
  gruppo di persone o di cose' (1306, Jacopone, B,
  Monaci 160/1,42; 1363, M.Villani, Crusca
30 1691; dal 1566, Caro, TB; Crusca 1863; TB;
  B; DD), accolita (di gente) (1916, Gozzano,
  B)3, corso (Evisa) accólta Ceccaldi; it.a. fare
  accolta 'radunare' (1363, M.Villani, B; 1566,
  Caro, B); in accolta 'tutti insieme' (1828, Monti,
35 B), abr.or.adriat. (Corvara) akkótə f. 'rac-
  colta di capre e pecore di differenti proprietari,
  per formare il gregge' DAM; corso (Evisa) accólta
  f. 'colletta' Ceccaldi; tod. ~ 'specchio d'acqua
  frenata da diga, utilizzata per azionare macine
40 dei mulini' (Mancini,SFI 18), vast. accòdde f.
  'bacino d'acqua per mandar mulini od altri opi-
  fici' Anelli, Venafro akkta r'ákkwa 'rac-
  colta d'acqua piovana per uso domestico' DAM,
  fogg. accòvita f. 'acqua che si raccoglie per far
45 macinare i mulini; luogo dove l'acqua si rac-
  coglie' Villani.
  
 
  It.a. accolto m. 'accoglienza' (1348, FrBarbe-
  rino, B; 1450 ca., AGalliWiese), nap. accuòveto
50 (D'Ambra; Andreoli).

[Bd. 1, Sp. 299]

  Derivati: roman.a. acoldura f. 'suppurazione'
  (sec. XV, RicettarioErnst, SLI 6,164), roman.
  accoltura 'id. (piccole suppurazioni alle dita delle
  mani e dei piedi)' ChiappiniRolandiAgg.; vit.a.
5 accoltaria f. 'mucchio di covoni' (sec. XIII, DEI
  s.v. accolta).
  
 
  Composti: it. malaccolto agg. 'ricevuto male,
  che ha avuto cattiva accoglienza' (1694, Segneri,
10 B); inaccolto agg. 'accolto male; non assorbito'
  (1898, Svevo, B).
  
 
  I.2.a. It. raccogliere v.tr. 'ricevere; accogliere
  nuovamente; intrattenere' (prima metà del sec.
15 XIV, GuidoColonne volg., TB — TB 1872;
  Crusca 1735), faent. aracojar Morri, venez. ra-
  colger Boerio. — It.a. raccogliere (la decima)
  'riscuotere (contributi)' (1292, GiamboniLibro-
  Segre), it. ~ 'radunare, mettere insieme; unire;
20 raccogliere (frutti della terra); far la raccolta'
  (dal 1313 ca., Dante, TB, EncDant.; Crusca
  1735; TB; DD), piem. rachēūje DiSant'Al-
  bino, archēūje ib., arcujì ib., Leventina raghèi
  FransciniFaré, lomb.alp.raky (p.225), com.
25 ragoèui Monti, mant. rakłαr (p.286), faent.
  aracojar Morri, romagn. rakyαr (p.478), ve-
  nez. racolger Boerio, ven.merid. rakłαr
  (p.354), trent.or. ~ (p.343), fior. (Radda in
  Chianti) rakkłαre (lẹ bydẹ) (p.543), corso
30 (Evisa) racóglie Ceccaldi, abr. rakkyyə DAM,
  aquil. rakklle ib., nap. arraccogliere D'Am-
  bra; AIS 1444 cp.
  
 
  Proverbi: faent. quell ch's'somna quell s'aracoi
35 'dare secondo che si riceve' Morri, venez. quel
  che se semèna se racolge Boerio, nap. chello che
  se semmena s'arraccoglie D'Ambra; fior. chi
  mal semina, mal raccoglie (1853, Prov.tosc.,
  TB); it. chi semina vento raccoglie tempesta 'a chi
40 fa del male non può non derivare, prima o poi, un
  male anche maggiore' (TB 1872; DD 1974).
  
 
  It.a. raccogliere le vele 'ammainare le vele' (1313
  ca., Dante, TB; prima del 1333, FredianiSi-
45 mintendiOvidio), it. ~ 'terminare, concludere'
  (dal 1729, Salvini, TB; DD); it.a. raccoglier
  l'ombre delle cose 'impicciolirle, accorciarle'
  (prima del 1333, FredianiSimintendiOvidio,
  TB); it. raccoglier le gavette 'lasciarsi distanziare,
50 restare in coda' (Oudin 1643; VocUniv. 1853;
  1889, Guglielmotti, B s.v. gavetta); aquil. rak-
  kłłe 'dipanare' (AIS 1508, p.625); it. racco-
  gliere v.tr. 'pigliare qc. da terra o da luogo; rac-
  cogliere (i voti)' (1313 ca., Dante, TB — sec.

[Bd. 1, Sp. 300]

  XIV, Vangeli volg., TB; 1353, BoccaccioDe-
  camConcord.; dal 1635, InstruzioneCancellieri,
  TB; DD), piem. rachēūje DiSant'Albino, Leven-
  tina raghèi 'acchiappare' FransciniFarè, venez.
5 racolger Boerio; macer. rakyye (a spka)
  'spigolare' (p.558), laz.centro-sett. ~ (p.640),
  rakkłe (p.664), march.merid. rakkα
  (p.578), laz.merid. rakkłe (p.701); AIS
  1460.
10 It.a. raccogliere q. a. qc. 'recare' (sec. XIII, Se-
  neca volg., TB); com. ragòeui q. 'ricondurre alla
  strada buona una persona fuorviata; emendare'
  Monti. — It. raccogliere v.tr. 'ricevere, contenere,
  radunare in sé' (1313 ca., Dante, TB, EncDant.;
15 dal 1543, Firenzuola, Crusca 1691; TB; DD);
  ~ 'comprendere, notare, osservare; radunar nella
  mente; ascoltare' (1321, Dante, TB; EncDant. —
  sec. XIV, Ovidio volg., TB; dal 1532, Ariosto,
  TB — TB 1872; Crusca 1735; DD), piem. ra-
20 chēūje DiSant'Albino, venez. racolger Boerio;
  it.a. raccogliere il freno 'tirare le briglie' (1374,
  Petrarca, TB; 1556, Alamanni, TB), raccogliere
  'trattenere, fermare' (1532, Ariosto, TB; 1580
  ca., RoseoFabriano, TB), raccogliere i passi 'fer-
25 marsi' (1595, Tasso, Man.), venez. racolger un
  cavalo 'riunire un cavallo; far che il cavallo si
  ristringa' Boerio; it. raccorre '(term.aritm.)
  sommare' (1589, Serdonati, TB — 1635, Instru-
  zioneCancellieri, TB).
  
 
  Locuzioni: it.a. raccogliere lo spirito 'respirare'
  (1353, Boccaccio, TB), raccogliere l'alito 'ria-
  versi, riprender forze' (metà del sec. XV, G.
  Morelli, TB), raccolgiere gli spiriti (1565, Varchi,
35 TB). — It.a. raccorre il piede 'andare in un luogo'
  (1581, Tasso, Man.). — It. raccogliere il parto
  'assistere la partoriente' (1729, Salvini, TB —
  TB 1872; Crusca 1735), Amaseno rakkółi
  Vignoli4. — It. raccogliere (amore) 'acquistarsi,
40 procacciarsi' (1729, Salvini, VocUniv.).
  
 
  It. raccogliersi (di ramo in ramo) v.rifl. 'recarsi;
  accostarsi' (1313 ca., Dante, EncDant.), ~
  'accorrere in un dato luogo; radunarsi' (prima
45 del 1333, FredianiSimintendiOvidio — 1735,
  Forteguerri, VocUniv.; TB), it.a. ~ 'rifuggire,
  ripararsi, ricoverarsi' (1321, Dante,EncDant. —
  1353, BoccaccioDecamConcord.; 1543, Firen-
  zuola, TB — 1573, Bronzino, TB), raccorsi (1595,
50 Tasso, TB), raccogliersi a casa 'ritirarsi' (1573,
  Bronzino, TB), raccogliersi 'sedersi con compo-
  stezza' (1313 ca., Dante, EncDant.; 1532, Ario-

[Bd. 1, Sp. 301]

  sto, TB), ~ (parlando d'una voglia) 'accordarsi'
  (1319 ca., Dante, EncDant.), ~ (parlando di
  vapore) 'addensarsi' (1319 ca., Dante, Enc-
  Dant.); it.a. raccogliersi seco medesimo 'con-
5 centrarsi' (1484, Belcari, TB), piem. rachēūisse
  DiSant'Albino, venez. racolgerse Boerio; it.a.
  raccogliersi (parlando della scaglia della schiena
  di un'animale) 'restringersi' (1588, Sassetti, TB);
  ~ 'prepararsi, accingersi alla difesa (parlando
10 degli schermidori' (1595, Tasso, TB); it. rac-
  corsi 'dedurre, inferire' (1666, Magalotti, TB);
  Amaseno arrakkullárəsə 'prendere su di sé i
  debiti altrui' Vignoli.
  
 
15 It. raccoglienza f. 'accoglienza' (sec. XIV, Storia-
  ApollonioTiro, TB — Oudin 1643; Crusca 1735;
  TB), it.a. racoglienza (sec. XV, SercambiSini-
  cropi), mil. raccoglienzia MaggiIsella; it.a. rac-
  coglienza f. 'unione (con Dio)' (1306, GiordPisa,
20 TB).
  It. raccoglimento m. 'concentrazione, allon-
  tanamento dalla distrazione' (1342, Cavalca,
  TB; dal 1673, Segneri, TB; VocUniv.; TB; DD),
  piem. rachēūgliment DiSant'Albino, sic. rac-
25 cugghimentu Traina; it. raccoglimento 'il rac-
  cogliere, l'atto del raccogliere' (1707, B.Ave-
  rani, VocUniv. — TB 1872), ~ 'raduno' (Voc-
  Univ. 1853; TB 1872), sic. raccugghimentu
  Traina, it.a. raccoglimento 'accoglienza' (1518,
30 ZaccariaGiovEmpoli 57; VocUniv. 1853; TB
  1872).
  
 
  It. raccoglitore m. 'chi raccoglie' (prima metà del
  sec. XIV, GuidoColonne volg., TB; seconda
35 metà del sec. XIV, SAgostino volg., TB; dal
  1735, Crusca; TB; DD); ~ 'collettore, compila-
  tore' (dal 1758, Cocchi, TB; DD), ~ 'cartella per
  raccogliere documenti, disegni, stampe, carte,
  ecc.' DD 1974; ~ 'cartiera; cilindro che, ruotando,
40 raccoglie le fibre mentre l'acqua si scarica' (sec.
  XIX, DEI); raccoglitore del parto m. 'ostetrico'
  VocUniv. 1853, raccoglitrice f. 'levatrice' (1729,
  Salvini, TB), ~ 'colei che raccoglie' (dal 1853,
  VocUniv.; TB; DD).
  
 
  It. raccogliticcio agg. 'raccolto, radunato in modo
  disordinato' (dal 1600, B.Davanzati, TB; Oudin
  1643; TB; DD); Introdacqua rakkuyətććə
  'raccattato (di frutto)' DAM; it. raccogliticcio m.
50 'adunanza non scelta di persone' (dal 1872, TB;
  DD). — It. raccogliente agg. 'che raccoglie'
  VocUniv. 1853. — Bar. racchegghiùte agg. 'rac-
  colto' Sada-Scorcia-Valente; racchegghiùte f.
  'raccolto' ib.

[Bd. 1, Sp. 302]

  Composto: it. raccogliconcio m. 'spazzaturaio,
  raccoglitore di concio' (1704, L.Bellini, TB).
  Tarant. raccughiaquèsumo m. 'rapina, bottino'
  DeVincentiis, lecc. raccogghiaquèsumu VDS.
  
 
  2.b. It. raccolto agg. 'ricevuto, accettato, ac-
  colto' (1388, Pucci, TB; 1638, Chiabrera, TB),
  ~ 'radunato, ammassato' (1342, Boccaccio,
  TB; 1374, Petrarca, TB; dal 1540, Guicciardini,
10 VocUniv.; TB; DD); it.a. (mano) raccolta
  'chiusa' (fine del sec. XIII, Bibbia volg., TB),
  (gambe) raccolte 'rattratte' (sec. XIV, Ottimo,
  TB); it. raccolto (oggetto) 'piccolo, ristretto, con-
  tenuto' (dal 1555, P.F. Giambullari, TB;
15 Crusca 1735; DD), tosc. raccolto (luogo o stanza)
  'non grande, ma netto ed acconcio' FanfaniUso;
  it. raccolto 'rannicchiato' (1313 ca., Dante, TB;
  1406, Buti, TB; 1581, Tasso, Man.; dal 1735,
  Crusca; TB; DD), ~ 'pensoso, concentrato;
20 assorto' (1313 ca., Dante, TB — 1374, Petrarca;
  dal 1566, Caro, TB; DD), mil. ragolt Maggi-
  Isella, pav. racòlt Annovazzi, pis. raccorto Mala-
  goli; it.a. raccolto (di un numero) 'contenuto (in
  un altro numero)' (1321, Dante, TB), ~ (sangue)
25 'raggrumato, rappreso' (prima del 1333, Fre-
  dianiSimintendiOvidio, TB); it. ~ (persona) 'ben
  conformato, ben unito in sé stesso' (1505,
  Bembo, TB; dal 1735, Crusca; TB 1872); (dit-
  tonghi) raccolti '(term.gramm.) pronunciato ra-
30 pidamente (opposto a disteso)' (1584, Salviati,
  TB; 1729, Salvini, TB s.v. raccogliere), it.a.
  (definizione) raccolta 'compendiato, sintetico'
  (1595, Tasso, TB); it. raccolto 'represso, frenato'
  (1694, Segneri, VocUniv.).
35 Derivati: tosc. (camera) raccoltina 'non grande,
  intimo' FanfaniUso, it. ~ TB 1872. — It. rac-
  coltamente avv. 'unitamente, insieme; con rac-
  coglimento' (VocUniv. 1853; TB 1872).
  
 
40 It.a. raccolta f. 'accoglienza' (1348, FrBarberino,
  TB; sec. XIV, StoriaVendettaCristo, TB); ~
  'azione di raccogliere i frutti e altri prodotti di
  terra, messe che si raccoglie' (dal 1595, Tasso,
  TB; DD), berg. racolta Tiraboschi, pav. racòlta
45 Annovazzi, gard. raklta Lardschneider, corso
  (Evisa) racólta Ceccaldi 94, abr, rakktə DAM,
  Subiaco rakkóta 'raccolta delle biade' Lind-
  ström, Castro dei Volsci ~ (Vignoli,StR 7), Ama-
  seno ~ 'raccolta del grano e del granturco' Vignoli,
50 nap. raccòveta (D'Ambra; Altamura), piazz.
  racólta Roccella.
  It. raccolta 'collezione (di oggetti)' (dal 1667,
  Pallavicini, TB; DD), berg. racolta Tiraboschi,
  pav. ~ Annovazzi, racòlta d gratacǘ 'raccolta

[Bd. 1, Sp. 303]

  di cose inutili' (+ gratakü 'frutto della rosa di
  macchia' < germ. krattôn + CULUS, ib.); fàr
  úna racòlta 'prendere delle busse' ib. — It. rac-
  colta f. 'miscellanea di scritti' VocUniv. 1853,
5 corso (Evisa) racòlta di pruvērbii Ceccaldi 94.
  
 
  Locuzioni: it. macinare a raccolta 'detto dei mu-
  lini che non godendo di flusso acqueo continuo
  per macinare debbono attendere l'ammasso
10 dell'acqua nella raccolta' (Crusca 1735 — TB
  1872), ~ 'compiere raramente l'atto sessuale'
  (1353, Boccaccio, Man.; Oudin 1643 — VocUniv.
  1853); far raccolta in qc. 'trarre partito, vantag-
  gio' (1742, Fagiuoli, TB). — It. sonare a raccolta
15 'radunare i soldati; richiamare' (dal sec. XIV,
  Ciriffo Calvaneo, TB — 1729, Salvini, VocUniv.;
  Crusca 1735; DD), it.a. sonar raccolta (1532,
  Ariosto, TB), sonare la raccolta (1547, Bembo,
  TB), it. toccare a raccolta 'suonare a distesa;
20 radunare con segnale di richiamo' (sec. XVI,
  Cinuzzi, VocUniv.; Oudin 1643; Veneroni 1681;
  VocUniv. 1853), chiamare a raccolta (1694, Se-
  gneri, VocUniv.; DD), raccolta 'l'insieme dei
  soldati riuniti insieme dal suono del tamburo;
25 assemblea di persone' (Florio 1598; Oudin
  1643; TB 1872). — Agnon. racconcolta 'radu-
  nata' Cremonese.
  
 
  It. raccolto m. 'il tempo della raccolta' (1547,
30 Bembo, TB; dal 1838, Man.; TB; DD); ~ 'rac-
  colta' (dal 1580 ca., RoseoFabriano, TB; DD),
  berg. racòlt Tiraboschi, pav. ~ Annovazzi,
  mirand. raccolt Meschieri, poles. racolto Maz-
  zucchi, venez. ~ Boerio, ven.merid. rakltọ
35 (dẹ frúti) (p.374), bellun. raklt (p.335);
  AIS 1249.
  
 
  It. raccolto m. 'riunione di più cose; lista, elenco;
  miscellanea di scritti' (1542, Benivieni, TB —
40 TB 1872); raccolto di parole 'discorso' (1605,
  Allegri, TB); raccolto 'risultato finale di un conto
  di più partite sommate' (1623, J.Soldani, TB);
  ~ '(term. d'equitazione) passo di fianco o rac-
  corciato di cavallo' (sec. XIX, DEI 3190).
  
 
  Derivati: it. raccoltetto m. 'piccolo raccolto'
  (1704, L.Bellini, TB). — It. raccoltuccia f. 'dim. di
  raccolta' TB 1872, raccoltucciaccia f. 'dim. dispr.
  di raccolta' TB 1872. — It. raccoltaccia f. 'cattiva
50 raccolta' DD 1974. — It. raccoltina f. 'piccola col-
  lezione' (dal 1803, Alfieri, TB; DD). — It. rac-
  coltata 'miscellanea di scritti' Oudin 1643. — Val
  d'Orcia raccoltaia f. 'bica' (Giannelli-Sacchi, Aree
  lessicali 217).

[Bd. 1, Sp. 304]

  Cismont., corso centr. raccultore m. 'chi raccoglie'
  Falcucci, racultore ib.; it. raccoltore 'collettore,
  compilatore' (1729, Salvini, TB); raccoltrice f.
  'colei che raccoglie' VocUniv. 1853.
5 Mesocco rakọltá 'raccogliere' (AIS 1394, p.
  225).
  
 
  III.1. Abr.occ. (Scanno) rakyyə 'tornare le
  vacche' (AIS 1188, p.656).
  
 
  2. It. accogliente agg. 'ospitale, cordiale; che
  offre comodità' (dal 1932, Palazzeschi, B; DD).
  
 
15 *ACCOLLIGERE, composto di COLLIGERE,
  formato già all'epoca lat., continua nel fr. ac-
  cueillir (FEW 24,78—81), nel cat. acullir, nello
  spagn. acoger, nel port. acolher, nel friul. acòlzi
  PironaN e nell'it. (I.1.). I derivati formati dal
20 part.pass. accolto sono elencati sotto I.1.b., le
  forme col prefisso rafforzativo re- sotto I.2. —
  Abr. rakyyə 'tornare le vacche' può essere
  un prestito angioino dal fr.a. acoillir 'chasser
  devant soi des bêtes' (sec. XIII, FEW 24,80a)
25 sotto III.1.; it. accogliente 'ospitale, cordiale'
  (III.2.) corrisponde al fr. acueillant (dal sec. XIII,
  FEW 24,79b).
  
 
  REW 82,7127, Faré 82; BrüchMs. 235—237;
30 Prati 9; DEI 29, 3190; FEW 24,79—81; DeGio-
  vanni 25.
  
 
 colligere
  
 
 
Artikelverweis 
accommodare 'dare in prestito; adattare'
  
 
  I. It.a. accomodare in guardia v.tr. 'dare in
40 prestito, affidare in custodia' (seconda metà del
  sec. XIII, Tesoro volg., B), it. accomodare di qc.
  v.tr. 'id.; provvedere, fornire, favorire' (1484,
  Belcari, B — 1636, Carletti, B; 1861, Nievo, B),
  perug.a. acomodare 'prestare, affidare' (1342,
45 Agostini, SFI 26), sic. accumitari Piccitto.
  
 
  Derivati: it.a. (figliolo) accomodato con q. 'affi-
  dato; sotto la protezione di' (sec. XIV, Strinati,
  B)1. — Perug.a. acomodato agg. 'in prestito'
50 (1342, Agostini, SFI 26), en acomodato ib. — It.

[Bd. 1, Sp. 305]

  accomodazione f. 'prestanza, deposito' (1646,
  Buonarroti il Giovane, TB).
  
 
  III.1. It. accomodare v.tr. 'disporre in modo
5 opportuno, adattare, sistemare, collocare' (dal
  1499, Ficino, B; DD)2, vic.a. accomodare (1590,
  Bortolan); bad.sup. akomodé Pizzinini, carrar.
  akomədár (Luciano,ID 37), pis. accomidà Ma-
  lagoli, accomodà ib., elb. accomidare Diodati, abr.
10 akkummədá DAM, akkumidá ib., gess. ac-
  cumudá Finamore-1, Amaseno akkummitá
  Vignoli, nap. accommetare D'Ambra, cal. accom-
  midari DTC, sic. accummudari Traina, accom-
  modari ib.
15 It. accomodare (versi, arietta) v.tr. 'mettere in-
  sieme, sistemare con arte' (1595, Tasso, B; 1625,
  Marino, B; 1817, Pananti, B; Crusca 1863; TB;
  Acc. 1941). — It. accomodare v.tr. 'riparare, ag-
  giustare; preparare' (dal 1636, Carletti, B;
20 Acc. 1941; DD); accomodare (cibi) 'preparare in
  modo adeguato' (1698, Redi, B; 1906, Nieri, B;
  TB), gen. accomodâ (a carne) 'dare alle vivande
  sapore' (Casaccia; Frisoni), mil. accomodare (il
  tacchino) IsellaDossi, carrar. akomədár 'cuo-
25 cere in umido con salsa' (Luciano,ID 37), lucch.
  accomodare 'cucinare una vivanda già cotta'
  Nieri, Chiusdino akkọmọdá 'rimpagliare' (AIS
  896, p.551), elb. akkomodá 'racconciare (la
  rete)' Cortelazzo, orv. akkọmędá la lẹt-
30 tyra 'mettere lo strame' (AIS 1171, p.583),
  Crecchio akkummədyə lu yáććə (AIS 1171,
  p.639). — It. accomodare 'conciar male (in senso
  ironico)' (1684, Redi, B — 1890, Collodi, B),
  tosc. ~ FanfaniUso. — It. accomodare 'mettere
35 d'accordo, pacificare, comporre dissidi' (1688,
  NoteMalmantile, B; 1832, Leopardi, B — Acc.
  1941; TB); (figliuole da) accomodare 'maritare'
  (1694, Segneri, B); accomodare qc. a qc. 'adat-
  tare' (1939, Ojetti, B).
40 It. accomodare v.intr. e impers. 'convenire, tor-
  nar utile, far piacere' (dal 1551, B.Segni, B; Acc.
  1941; DD); ~ 'mettersi d'accordo; corrispon-
  dere' (1832, Leopardi, B).
  It. accomodarsi con q./a qc. v.rifl. 'adattarsi,
45 adeguarsi' (1527, Machiavelli, B — 1890, Collodi,

[Bd. 1, Sp. 306]

  B; TB; Acc. 1941)3; it.a. ~ 'abituarsi' (1554, Tis-
  soniGelli 172); accomodarsi di qc. 'servirsi di
  qc.' (1574, Vasari, B; sec. XVIII, LeggiToscana,
  B); accomodarsi fra q. v.rifl. 'mettersi d'accordo'
5 (dal 1832, Leopardi, B; DD), ostun. akkumədá
  v.rifl. VDS.
  Derivati: it. accomodato a qc./a (+ inf.) agg.
  'adatto; adattato; opportuno, conveniente' (dal
  1472, Alberti, B; TB; DD), accomodato (di stan-
10 ze) agg. fornito' (1532, Ariosto, B), vic.a. acco-
  modà (1548, Bortolan); it. accomodato agg. 'ac-
  casato, sposato' (1712, Magalotti, B); accomoda-
  to a dovere 'punito, conciato a dovere' (1842,
  Manzoni, B); accomodato 'sistemato, adagiato,
15 atteggiato' (dal sec. XVIII, LeggiToscana, B;
  TB; DD); ~ 'acconciato; artificioso' (1842, Man-
  zoni, B — 1934, Baldini, B), tor. accommodà 'ac-
  conciato' (sec. XVII, Clivio, ID 37); carrar.
  akomədát 'cotto in umido (detto di carne)'
20 (Luciano,ID 37), lucch. accomodato (Parducci,
  RABologna V. 1), cors. accumudatu 'di alimento
  cucinato così come l'arte richiede' Falcucci;
  carrar. akomədát m. 'sorta di stufato di carne
  cotta a pezzetti con patate, olio, sugo' (Luciano,
25 ID 37); it. accomodato agg. 'riparato, aggiustato'
  (1936, Deledda, B); essere accomodato a qc.
  'essere preparato, essere pronto' (1734, Fa-
  giuoli, B).
  It. accomodatissimo agg. 'superl. di accomodato'
30 (1405, F.Villani, B — 1729, Salvini, B; Crusca
  1863; TB); accomodatissimamente avv. 'superl. di
  accomodatamente' (1580, V.Borghini, Crusca
  1863; sec. XVII, Lapini, Crusca 1863). — It acco-
  modatamente avv. 'in modo conveniente; oppor-
35 tunamente' (1527, Machiavelli, B — Crusca
  1863; Acc. 1941). — It. accomodato m. 'convene-
  volezza' TB 1865. — Carrar. dar n akomədáta
  'accomodare, riparare; assestare, mettere in or-
  dine' (Luciano,ID 37), sic. dari un'accummu-
40 data Traina; Magione akomədta f. 'ripara-
  zione' Moretti; sic. accummudatedda f. 'piccola
  acconciata' Traina.
  It. malaccomodato agg. 'inadatto, sconveniente'
  (1729, Salvini, B).
  
 
  It. accomodatizio agg. 'arrendevole, che si at-
  tiene a ciò che più conviene' (1766, Lami, B; TB;
  Crusca 1863), ~ 'analogico' (1852, Gher., B);
  accomodaticcio 'accomodato alla meglio' (Voc-
50 Univ. 1845; TB; B), sic. accummudatizzu
  Traina. — It. accomodante agg. 'accondiscen-
  dente, conciliante' (Tramater 1829 — 1944,
  Piovene, B; TB), (vita) accomodante 'che si ac-

[Bd. 1, Sp. 307]

  comoda' (1930, Alvaro, B); accomodante-
  mente avv. 'in modo accomodante' DD 1974.
  
 
  It. accomodamento m. 'l'accomodare, l'aggiu-
5 stare; adattamento, sistemazione' (dal 1543,
  Firenzuola, Man.; B; TB; Acc. 1941; DD), ~
  'conciliazione, accordo; concessione, compro-
  messo, trattativa' (dal 1631, G.Bentivoglio, B;
  TB; Acc. 1941; DD), ~ (term. fis.) 'adatta-
10 mento' (1642, Galilei, B). — It. accommodazione
  f. 'applicazione (della legge)' (1599, B.Caval-
  canti, GlossCrusca 1867).
  It. accomodatura f. 'l'accomodare, l'acconciare;
  riparazione; disposizione opportuna' (dal 1618,
15 Buonarroti il Giovane, Crusca 1806; B; DD),
  gen. accomudeüa Olivieri; accomodatüa 'con-
  ciatura (della carne)' ib.
  It.a. accomodo m. 'comodità' (1526, AretinoPe-
  trocchi), ~ 'accomodamento, restauro' (1563,
20 Gelli, TB), nap. accòmmeto D'Ambra; it. ac-
  comodo 'conciliazione' (1860, F.Ugolini; B;
  TB); bar. akkúmətə m. 'transazione' Sada-
  Scorcia-Valente; corso accómudu m. 'accordo,
  accomodamento tra due parti in contrasto; pre-
25 stito' Falcucci, sic. accòmitu Piccitto; accòmmudu
  'accomodamento, adattamento' ib.; ~ 'ripara-
  zione, racconciatura' ib. — Vasto akkmətə f.
  'restauro, riattamento delle case; acconcime'
  DAM, Introdacqua akkmədə ib.
30 It. accomodatore m. 'chi accomoda, chi rivede'
  (1575, Baldelli, B; TB; Acc. 1941), accomoda-
  trice f. (Crusca 1612 — TB 1865; Acc. 1941); ac-
  comodatora f. TB 1865.
  It. accomodevole agg. 'accomodabile; accomo-
35 dante, conciliante' (TB 1865; 1939, Ojetti, B;
  1952, Soffici, B); it.a. accomodevolmente avv.
  'in modo accomodevole, acconcio' (sec. XIV,
  Crescenzi volg., B; TB), fior. ~ (1628, Po-
  liti).
40 It. accomodabile a qc. 'adattabile, che si può
  accomodare' (dal 1673, Rucellai Ricasoli, B;
  Acc. 1941; DD); accomodabilmente avv. 'in
  modo accomodabile' (TB 1865; B 1961); ac-
  comodabilissimo agg. 'superl. di accomodabile'
45 TB 1865. — It. accomodabilità f. 'possibilità,
  capacità di accomodarsi' B 1961.
  
 
  It. riaccomodare v.tr. 'accomodare nuovamente'
  (1580, V.Borghini, Crusca 1806; TB); riac-
50 comodarsi v.rifl. 'riconciliarsi' TB 1872. — It.
  riaccomodato agg. 'accomodato di nuovo' (Tra-
  mater 1835; VocUniv. 1853). — It. riaccomodac-
  chiare v.tr. 'dimin. o dispr. di raccomodare' TB
  1872.

[Bd. 1, Sp. 308]

  It. raccomodare v.tr. 'rimettere a posto, riag-
  giustare' (1642, Galilei, TB — 1729, Salvini,
  Man.; TB); sarz. arkumədáre v.tr. 'riaccomo-
  dare' Masetti, Fosdinovo arkomədáre ib.,
5 amiat. (Piancastagnaio) raccomidà Fatini.
  It. raccomodamento m. 'nuovo accomodamento'
  (1712, Magalotti, TB); raccomodatura f. 'opera-
  zione di raccomodare' (VocUniv. 1853 — TB
  1872), Fosdinovo arkomədadúra f. 'rac-
10 comodatura' Masetti, sarz. arkumədadúra
  ib. — It. raccommodatore m. 'chi raccomoda'
  (Man. 1863 — TB 1872), raccomodatrice f. 'chi
  raccomoda' (1726, Salvini, TB). — It. raccomo-
  dato agg. 'aggiustato' (Man. 1863 — TB 1872);
15 raccomoducchiare v.tr. 'dimin. o dispr. di rac-
  comodare' (Gher. 1857; TB 1872). — Agnone
  arkamməny(l'arlóǵǵə)4 'accomodare l'oro-
  logio' DAM.
  
 
20 It. disacomodare v.tr. 'scomodare' Oudin 1643,
  disaccomodare Veneroni 1681.
  
 
  It. inaccomodabile agg. 'che è incapace di adat-
  tarsi o di adeguarsi a una situazione' (Oudin
25 1643 — Veneroni 1681; 1952, Croce, B), ~
  'difficile a risolvere, irrimediabile' (1679, Siri, B);
  it. inaccomodabilità f. incapacità di adeguarsi
  a una situazione' (1905, Croce, B); it. inac-
  comodamento m. 'incapacità di adeguamento,
30 di conveniente adattamento' (1949, Croce, B); it.
  inaccomodato agg. 'che non ha saputo adeguarsi
  a una situazione' (1952, Croce, B).
  
 
  2. It. accomodarsi v.rifl. 'mettersi a proprio
35 agio; sistemarsi; invito ad entrare in casa' (dal
  1688, NoteMalmantile, B; TB; DD), piem.
  acomodesse DiSant'Albino, nap. accommetarse
  D'Ambra, accummetarse Andreoli.
  
 
40 Il lat. ACCOMMODARE 'dare in prestito'
  (Agostino; Prisciano) continua nell'it. (I.) e
  come derivato nel fr. accommodation 'remise
  de qch à qn, prêt' (sec. XIV; Chastell; FEW
  24,82b)5. All'epoca dell'umanesimo il lat.
45 ACCOMMODARE 'adattare' fu introdotto
  come latinismo da Marsilio Ficino (III.1.), cfr.
  fr. accommoder v.a. 'rendre propre à' (dal 1530,
  Palsgr, FEW 24,81b) e lo spagn. acomodar (dal
  1535, DCEC III, 397b). L'it. accomodarsi 'met-

[Bd. 1, Sp. 309]

  tersi a proprio agio' (III.2.) è prestito dal fr.
  s'accomoder 'prendre ses aises' (Pom 1671 —
  Ac 1878, FEW 24,81b), un indizio del prestigio
  della civiltà fr. all'epoca di Luigi XIV.
  
 
  Faré 2086b s.v. commodus; BrüchMs. 242—249;
  Prati 9; DEI 30; FEW 24,81 seg.; DeGiovanni
  26.
  
 
10 LEI accommodatio, LEI accommodativus, LEI accommo-
  dus, commodus
  
 
 
Artikelverweis 
accommodatio 'adattamento'
  
 
  II. It. accommodazione f. 'adattamento, accon-
  discenza' (1559, B.Cavalcanti, TB, GlossCrusca
  1867; Chambers 1748; B), vic.a. accomodation
20 (1590, Bortolan); it. accomodazione 'prestanza,
  deposito' (1646, Buonarroti il Giovane, TB);
  ~ 'condiscendenza dimostrata da Dio verso
  l'uomo con l'incarnazione' (1852, Gher., B).
  
 
25 III. It. accomodazione f. 'accomodamento
  (term. ottico)' (dal 1941, Acc.; B; D; DEI 30);
  disaccomodazione 'rilasciamento del cristallino
  (term.ottico)' B 1966.
  
 
30 Prestito dal lat. ACCOMMODATIO, cfr. fr.
  accomodation f. 'action d'accommoder à qch.,
  de conformer' (1566 — Ac 1932, FEW 24,82b).
  Il term. ottico (III.) dal fr. accomodation de l'œil
  (dal 1863, FEW 24,82b).
  
 
  BrüchMs. 244; DEI 30; FEW 24,81 seg.
  
 
  LEI accommodare, LEI accommodativus, LEI accommo-
  dus, commodus